Latte artificiale per bambini dai sei mesi in su: è necessario?

Il latte artificiale non è un prodotto necessario nella dieta del bambino. Ci sono altre opzioni con una qualità nutrizionale superiore e ve le mostreremo.
Latte artificiale per bambini dai sei mesi in su: è necessario?

Ultimo aggiornamento: 20 novembre, 2022

Il latte artificiale è un prodotto che viene offerto ai bambini di età superiore ai 6 mesi, a volte come sostituto del latte materno. Tuttavia, non è proprio necessario e l’alternativa migliore è prolungare l’allattamento al seno fino al primo anno di vita.

In questo modo viene assicurato non solo l‘apporto di nutrienti bioattivi, ma anche di probiotici e anticorpi naturali. Indubbiamente, tutti questi elementi ottimizzano lo sviluppo dei più piccoli.

Prima di iniziare, va detto che durante i primi 6 mesi di vita il latte materno deve essere l’alimento esclusivo. In caso di mancanza di latte materno, si può ricorrere alle banche del latte e, in ultima istanza, optare per le formule latte per neonati. Naturalmente, è fondamentale leggere attentamente le etichette di questi prodotti per evitare quelli che contengono zuccheri aggiunti.

Fatta questa premessa, vi diremo cosa dovreste sapere sul latte artificiale. Continuate a leggere!

Valore nutritivo del latte artificiale

Finora il latte materno non è stato eguagliato da nessun alimento commerciale e le differenze con il latte in polvere sono diverse!

allattamento integratore biberon formula difficoltà svezzamento precoce mamma bambino
I latti artificiali sono alimenti appropriati per i bambini, ma nessuna di queste opzioni è uguale al latte materno in termini di benefici che fornisce durante il primo anno di vita.

Apporto di proteine

Il latte materno di solito ha una quantità adeguata di proteine, circa 0,9 grammi per 100 millilitri di cibo. Questo nutriente viene assimilato in modo ottimale e riesce a soddisfare le esigenze nutrizionali del bambino. Ciò contribuisce alla crescita e allo sviluppo adeguati, come evidenziato da uno studio pubblicato sulla rivista Early Human Development.

Al contrario, il latte vaccino ha un contenuto proteico più elevato, di circa 3,3 grammi per 100 millilitri. I latti di proseguimento sono prodotti da questo alimento e sebbene questa concentrazione sia in qualche modo adeguata, in generale supera l’apporto proteico del latte materno. Naturalmente, si ritiene che non tutti siano completamente assimilati, come nel caso della madre.

Acidi grassi

Quando si parla dei lipidi che forniscono i diversi latti, le cose cambiano. La presenza di omega 3 nelle formule di proseguimento è generalmente limitata, ad eccezione delle formule appositamente integrate con questo nutriente.

Dovreste sapere che questo tipo di grasso promuove lo sviluppo del cervello e del sistema nervoso centrale, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Nutrition Reviews. Per questo motivo vale sempre la pena tenerne conto nella scelta del prodotto sullo scaffale.

Svantaggi del latte artificiale

Lo svantaggio principale del latte di proseguimento è che ha un apporto proteico eccessivo che non è assimilabile dai bambini. A partire dai 6 mesi, la maggior parte dei bambini può iniziare con l’alimentazione complementare, quindi non è necessario sottolineare la presenza di questi nutrienti nel ciclo. Basterebbe seguire una dieta variabile e continuare ad allattare.

D’altra parte, e come accennato, la qualità del latte artificiale non è sempre buona. A volte contiene carboidrati semplici o lipidi di bassa qualità all’interno. Il rapporto acidi grassi omega 6/omega 3 di solito non è ottimale, il che condiziona lo stato infiammatorio nell’ambiente interno.

Inoltre, questo alimento non è in grado di fornire probiotici o sostanze bioattive in grado di ridurre il rischio di sviluppare infezioni, allergie o intolleranze alimentari. Non solo non genera un chiaro beneficio sul microbiota, ma potrebbe anche mettere a rischio la diversità dei microrganismi che abitano il tubo.

Cosa fare per favorire il corretto sviluppo nei bambini?

Secondo quanto sopra, la migliore alternativa per mantenere una crescita e uno sviluppo ottimali nei piccoli è quella di abbinare l’allattamento al seno con l’alimentazione complementare, dai 6 ai 12 mesi (almeno).

Fin dal primo anno, gli sforzi dovrebbero concentrarsi sulla proposta di una dieta varia ed equilibrata. In questo senso è possibile migliorare il repertorio degli alimenti in modo da offrire un apporto nutrizionale ottimale, nel caso si voglia interrompere l’allattamento. Anche dopo i 12 mesi, i bambini che non hanno intolleranze possono assumere latticini interi, come il latte vaccino.

donna madre sullo scaffale della farmacia del supermercato legge l'etichettatura del prodotto latte formula inizio continuazione
Nel caso in cui non si possa offrire l’allattamento al seno dopo 6 mesi, è meglio consultare uno specialista per la migliore opzione di latte artificiale per continuare, a seconda dello stato di salute del bambino.

Il latte artificiale è superfluo nei bambini di età pari o superiore a 6 mesi

Come si è visto, non è necessario introdurre il latte di proseguimento nell’alimentazione dei bambini di età pari o superiore a 6 mesi. Questo prodotto di solito ha una scarsa qualità nutrizionale e sarà sempre meglio puntare sull’allattamento al seno o anche sulle formule starter.

Ci sono molti interessi industriali nella produzione di queste formule di proseguimento, ma in realtà non hanno un profilo adeguato o indispensabile.

Per finire, tenete presente che prevedere alcuni integratori nelle linee guida per l’alimentazione dei bambini può portare benefici in futuro. Ad esempio, l’apporto di acidi grassi omega 3 o vitamina D di alcune formule. Questi elementi favoriscono lo sviluppo del sistema nervoso centrale e contribuiscono a modulare lo stato infiammatorio dell’organismo.

Potrebbe interessarti ...
5 verità sull’alimentazione a base di latte artificiale
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
5 verità sull’alimentazione a base di latte artificiale

L'alimentazione a base di latte artificiale è circondata da una quantità di miti e leggende. Scopriamo quali sono e vediamo cosa c'è di vero e cosa...



  • Andreas, N. J., Kampmann, B., & Mehring Le-Doare, K. (2015). Human breast milk: A review on its composition and bioactivity. Early human development91(11), 629–635. https://doi.org/10.1016/j.earlhumdev.2015.08.013
  • Lehner, A., Staub, K., Aldakak, L., Eppenberger, P., Rühli, F., Martin, R. D., & Bender, N. (2021). Impact of omega-3 fatty acid DHA and EPA supplementation in pregnant or breast-feeding women on cognitive performance of children: systematic review and meta-analysis. Nutrition reviews79(5), 585–598. https://doi.org/10.1093/nutrit/nuaa060