Come gestire il tempo da trascorrere con i figli

15 Agosto 2019
I vostri figli hanno bisogno sia della vostra presenza fisica che delle vostre attenzioni. È importante cercare un equilibrio tra qualità e quantità del tempo trascorso insieme.

I lunghi orari di lavoro, gli impegni e un’agenda sempre piena rendono sempre più difficile trascorrere il tempo in famiglia. In questo articolo, vi daremo alcuni consigli su come gestire il tempo da trascorrere con i figli, sia a livello di quantità che di qualità.

Trascorrere del tempo con i figli è una questione di vitale importanza

A causa del lavoro e degli obblighi quotidiani, è sempre più difficile trovare del tempo da trascorrere con i propri figli. In molti nuclei familiari, soprattutto quelli in cui lavorano entrambi i genitori, i bambini vengono affidati alle cure dei nonni o di altre persone al di fuori della famiglia per gran parte della giornata.

Tuttavia, la figura dei genitori è insostituibile nella vita di un bambino e la presenza di entrambi è fondamentale per un corretto sviluppo emotivo.

I bambini che non ricevono la necessaria attenzione da parte dei loro genitori hanno maggiori probabilità di sviluppare una personalità aggressiva e insicura. È comune per loro sentirsi soli e mostrare un deficit affettivo che spesso si esprime con la difficoltà di dimostrare e ricevere affetto. Questa situazione può influire anche sul rendimento scolastico.

Mamma e figlia che si abbracciano

Il tempo da trascorrere con i figli: qualità o quantità?

I bambini che ricevono il giusto sostegno da parte dei loro genitori sono di solito persone con una sana autostima e fiducia in se stesse. Per loro è facile e naturale stabilire legami emotivi e instaurare interazioni sociali di successo. Inoltre, la comunicazione all’interno della famiglia diventa più soddisfacente e le relazioni domestiche sono di qualità.

Alla luce di tutto ciò, è fondamentale sapere come gestire il tempo da trascorrere con i figli, dando loro le giuste attenzioni e compagnia. Vediamolo nel dettaglio.

“Tempo di qualità”

Ultimamente il concetto di “tempo di qualità” sta diventando sempre più rilevante. Ci sono numerosi punti di vista che promuovono questa opzione come soluzione per le nostre vite indaffarate. Secondo questo approccio, anche se il tempo da trascorrere con i figli è poco, se intenso e ben gestito, sarà sufficiente per entrambi.

Ma purtroppo, non c’è niente di più lontano dalla realtà. Trascorrere un tempo ridotto con i figli, seppur con molte attività divertenti, non compenserà la vostra assenza. Anche se durante quella mezz’ora che avete a disposizione non farete altro che ripetere loro che li amate, non smetteranno di aver bisogno di voi per il resto della giornata.

La qualità non è un concetto generico, al contrario è relativo. Non sarà importante andare insieme in montagna, in bicicletta o dipingere con gli acquerelli a casa: tutto dipende da ciascun bambino. Per sapere cosa significa la qualità per i vostri figli, dovete conoscerli in modo approfondito e, quindi, dovrete dedicar loro del tempo.

È vero che la giornata lavorativa è lunga e stancante e che ci sono molti altri obblighi, ma non dovete pensare che svolgere delle attività impegnative seppur brevi riuscirà a sostituire la vostra presenza.

Tempo in quantità

E poi ci sono quei genitori che a causa di determinate circostanze della loro vita possono passare molto più tempo con i figli. Devono ritenersi fortunati, soprattutto quelli che possono dedicare persino l’intera giornata a loro.

Tuttavia, questi genitori, calmi e sicuri perché sono presenti fisicamente, potrebbero essere assenti in altri modi, ad esempio non prestando attenzione ai figli pur avendoli accanto. È inutile stare nella stessa stanza coi propri figli se poi non li ascoltate quando vogliono dirvi qualcosa o se mentre state disegnando insieme guardate costantemente il cellulare o se persino mentre li aiutate a fare i compiti guardate il vostro programma televisivo preferito.

I bambini non hanno solo bisogno della vostra presenza fisica, ma devono anche sentirsi veramente accuditi, ascoltati e apprezzati. Hanno bisogno di una vera compagnia.

Famiglia al supermercato

Come gestire il tempo da trascorrere con i figli

Allora, qual è la soluzione? Bisogna trovare un equilibrio tra quantità e qualità del tempo trascorso insieme ai figli. Naturalmente, ogni persona ha la propria vita e le circostanze sono diverse a seconda dei casi, per cui l’ideale è dare il meglio entro i propri limiti. Ma soprattutto, essere consapevoli di poter decidere.

Pensate che ci sono piccole cose, come portarli con voi al supermercato, che possono fare davvero la differenza. Condividere quel momento scegliendo cosa comprare insieme, insegnando loro a pesare la frutta, chiacchierando… li farà sentire importanti e coinvolti.

Chiedere loro di aiutarvi nelle faccende domestiche, come se fosse un gioco, potrebbe essere un’altra opzione per trascorrere del tempo insieme, allo stesso tempo facendo qualcosa di utile.

Ricordate: la cosa più importante è prestare loro la massima attenzione, guardarli e ascoltarli quando vogliono mostrarvi o dirvi qualcosa. Sentire la vostra attenzione e il vostro amore li aiuterà a crescere sentendosi speciali e, quindi, sicuri di sé.