Fare il bagno a un bambino dopo mangiato: sì oppure no?

È necessario aspettare diverse ore per fare il bagno a un bambino dopo avergli dato da mangiare? Scoprite cosa ne pensano gli esperti.
Fare il bagno a un bambino dopo mangiato: sì oppure no?

Ultimo aggiornamento: 28 febbraio, 2022

Ricordate quei pomeriggi ad aspettare la digestione per poter fare il bagno al mare o in piscina? Dicono che se non si aspettano almeno 2 ore per fare il bagno al bambino dopo aver mangiato, la digestione potrebbe bloccarsi. Ma quanto c’è di vero?

Di recente, alcune associazioni di pediatria si sono espresse in merito, affermando che si tratta, in parte, di un luogo comune e che le ragioni di questo fenomeno non hanno nulla a che fare con l’immersione in acqua.

Perché si blocca la digestione?

Picchi di caldo.

Ma prima di tutto, dobbiamo chiarire cosa intendiamo quando parliamo di blocco della digestione. È un fenomeno complesso e potenzialmente grave che viene prodotto da un improvviso cambiamento della temperatura corporea, mentre l’apparato digerente è in piena attività.

Il processo di digestione comporta un aumento del flusso sanguigno all’addome, che aumenta la temperatura di quella parte del corpo. Quando l’acqua del bagno è molto fredda, il calore viene rapidamente perso attraverso la pelle e può verificarsi uno shock da idrocuzione. Ciò provoca un reindirizzamento del sangue verso gli organi vitali e l’intestino smette di funzionare momentaneamente.

Quindi un blocco della digestione è una situazione critica, che è accompagnata da sintomi come forte mal di pancia, vomito, alterazione della coscienza, visione offuscata, brividi, sudorazione e vertigini. E in questo contesto è necessaria un’azione urgente per prevenire la morte.

Quali misure adottare per proteggere il bambino?

Oltre ad evitare sbalzi di temperatura corporea dopo aver mangiato, si consiglia di non offrire pasti abbondanti ai più piccoli nelle giornate calde.

Allo stesso modo, cercate di non esporvi al sole dopo aver mangiato o di praticare un’intensa attività fisica per un po’. Quando è in movimento, il sangue è diretto ai muscoli e questo limita anche l’apporto digestivo.

Pertanto, nelle giornate estive è meglio che i bambini mangino qualcosa di leggero e si riposino all’ombra prima di tornare al loro gioco energetico.

Qual è il momento migliore per fare il bagno a un bambino?

Fare il bagno al vostro bambino è un’attività quotidiana con cui può rilassarsi e divertirsi mentre sguazza nell’acqua.

Anche se non importa a che ora lo fai, è importante creare un’abitudine e mantenere una routine fissa con orari più o meno stabili. Ad esempio, prima di andare a dormire, per facilitare il riposo o al mattino, se sei uno di quelli che sono eccitati dall’attività.

In entrambi i casi, assicurati che la temperatura dell’acqua non raffreddi troppo il corpo del bambino, soprattutto quando si opta per il bagnetto subito dopo aver mangiato.

Suggerimenti per fare il bagno a un bambino dopo aver mangiato

Fare il bagnetto dopo mangiato.

Come abbiamo detto, in linea di principio non c’è alcun problema a fare il bagno a un bambino dopo aver mangiato, purché l’acqua sia a una temperatura calda. Cioè, simile a quello del tuo corpo, che è compreso tra 35 e 37 ° C.

Per questo motivo è indispensabile disporre di un termometro ad acqua per controllare questo parametro ed evitare raffreddamenti e ustioni accidentali.

Infine, raccomandiamo che il contatto del bambino con l’acqua sia progressivo: prima i piedi, poi le mani e infine il resto del corpo. In questo modo, guadagnerai fiducia e perderai la paura dell’acqua. Inoltre, ti aiuterà a conoscere la loro reazione e chiedere aiuto se ne hai bisogno.

Con tutti questi suggerimenti, il vostro piccolo potrà godersi il bagnetto in pace. Tutti in acqua con le paperelle!

Potrebbe interessarti ...
Dopo mangiato si deve aspettare per fare il bagno?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Dopo mangiato si deve aspettare per fare il bagno?

Per i bambini aspettare per fare il bagno dopo mangiato, in piscina o al mare, può rappresentare una tormento. Ma è davvero così pericoloso? Sì e n...