Le fasi dello sviluppo del linguaggio nei bambini

7 Ottobre 2019
Ogni bambino acquisisce il linguaggio in base al proprio processo di crescita e apprendimento. Ma, in generale, ci sono alcune fasi che determinano lo sviluppo del linguaggio nei bambini.

Secondo l’Istituto nazionale sulla sordità e altri disturbi della comunicazione (NIDCD), il linguaggio è un insieme di norme condivise che consentono di esprimere idee in modo logico. Il linguaggio serve per comunicare, per cui le fasi dello sviluppo del linguaggio nei bambini implica un processo lungo e complesso che inizia nell’infanzia.

Come sapete, i bambini iniziano a farfugliare intorno ai 3 mesi. In seguito, intorno a 1 anno, dicono le loro prime parole. Vediamo insieme le fasi dello sviluppo del linguaggio nei bambini.

«Il linguaggio ha lo scopo di dare forma definitiva al pensiero, di prepararlo per l’attività intellettuale, indicando la natura sociale dell’attività intellettuale dell’uomo, un fatto che lo distingue radicalmente dall’animale».

– Luria –

Le fasi dello sviluppo del linguaggio nei bambini

Dalla nascita a 6 mesi

I bambini, prima di sviluppare il linguaggio, imparano a distinguere e prestare attenzione ai suoni. Pertanto, durante i primi mesi di vita, si può osservare che, a poco a poco, i bambini iniziano a:

  • Seguire i suoni con gli occhi.
  • Rispondere ai cambiamenti nel tono della voce.
  • Ascoltare attentamente la musica.

Quindi, a 6 mesi, la maggior parte dei bambini riconosce i suoni di base della madrelingua. Inoltre, durante questo primo stadio balbettano, compaiono gorgoglii, risate e la riproduzione di suoni simili al linguaggio.

Bebè gioca e sviluppa il linguaggio

Da 6 mesi a 1 anno

Quando i bambini imparano ad identificare e produrre suoni in modo consapevole, dai 6 mesi al 1 anno iniziano a verificarsi tentativi di comunicazione più elaborati, quali:

  • Ascoltano quando gli si parla.
  • Comprendono le parole più frequenti e comuni della madrelingua.
  • Rispondono agli ordini verbali.
  • Balbettano gruppi di suoni lunghi e brevi.
  • Borbottano per attirare l’attenzione e mantenerla.
  • Comunicano attraverso i gesti.
  • Imitano i suoni del parlato.
  • Usano il linguaggio per chiedere cose ed esprimere sentimenti, proteste, accettazioni, ecc.
  • Dicono le loro prime parole.

Da 1 a 2 anni

A partire dal primo anno di vita, i processi fonologici migliorano. Pertanto, i bambini iniziano a emettere suoni più precisi e dire sempre più parole.

Inoltre, gradualmente acquisiscono la capacità di variare la parola in base al contesto e imparano a tenere conversazioni. Di conseguenza, sviluppano le seguenti abilità comunicative:

  • Comprendono semplici domande.
  • Amano storie e canzoni.
  • Espandono costantemente il loro repertorio di parole.
  • Pongono semplici domande e frasi.
  • Usano il linguaggio per ottenere e trasmettere informazioni.

Da 2 a 3 anni

Dai 2 ai 3 anni, i bambini migliorano la loro lingua, in modo da formulare le prime frasi complesse, negative, interrogative, coordinate e subordinate. In questa fase di sviluppo è possibile osservare queste azioni relative alla comunicazione:

  • Usano le parole per quasi tutto.
  • Raccontano storie.
  • Usano correttamente tempi, persone e modalità verbali.
  • Il discorso è comprensibile da familiari e amici.
  • Chiamano gli oggetti.
  • Distinguono i nomi propri e comuni.
Lo sviluppo del linguaggio passa anche attraverso il gioco

L’importanza della famiglia nello sviluppo del linguaggio

I genitori sono gli educatori primari. Pertanto, la famiglia è molto importante nello sviluppo del linguaggio dei bambini. Infatti, le capacità comunicative si acquisiscono meglio se l’ambiente circostante è pieno di suoni, voci e immagini.

I genitori hanno quindi il compito di stimolare il linguaggio dei propri figli, facilitando il processo di apprendimento e lo sviluppo cognitivo. Per fare ciò devono:

  • Usare un linguaggio astratto e preciso.
  • Iniziare conversazioni su questioni non collegate a questioni che interessano direttamente il bambino.
  • Dare la possibilità di partecipare e utilizzare il linguaggio per funzioni diverse da quelle relative all’espressione dei bisogni di base.

In questo modo, quando entrano alla scuola materna, i bambini sapranno come usare la lingua nella maggior parte delle situazioni che richiedono il loro rapporto con l’ambiente. Il che è essenziale per raggiungere un apprendimento scolastico soddisfacente.

  • National Institute on Deafness and Other Communication Disorders. Etapas del desarrollo del habla y el lenguaje. Estados Unidos: Departamento de salud y servicios humanos de los EEUU.
  • Salvador, M. B. (1996). La importancia del lenguaje oral en educación infantil. Aula de innovación educativa46.