Spostare il bambino nella sua stanza: come e quando farlo

Alcuni genitori decidono di dormire con i propri figli per diversi mesi o anni, mentre altri lo considerano dannoso. Quando è il momento giusto per il bambino di iniziare a dormire da solo?
Spostare il bambino nella sua stanza: come e quando farlo

Ultimo aggiornamento: 05 giugno, 2022

Il sonno è uno degli aspetti che più preoccupa i genitori e può essere il più faticoso nei primi mesi o anni di vita di un bambino. Tuttavia, oltre alla fatica fisica, sorgono dubbi e domande. Quando dovremmo spostare il bambino nella sua stanza? Sarà troppo presto?

Ancora è così piccolo… Sarà troppo tardi? Forse è troppo grande per continuare a dormire con noi. Come possiamo farlo senza farlo soffrire?

Il senso di colpa è una delle emozioni che i genitori provano più frequentemente, perché, nella loro ansia di fare tutto bene, dimenticano di ascoltare se stessi e il proprio piccolo. Tante opinioni esterne, tante teorie e consigli dall’ambiente diventano opprimenti ; tuttavia, non dimenticate che la decisione è personale e dovete solo preoccuparvi del benessere della famiglia.

È troppo presto o troppo tardi?

In genere durante i primi mesi il bambino dorme con i genitori, poiché il piccolo ha bisogno di attenzioni e cure quasi costanti.

Intorno a questo punto, dovrebbe essere noto che gli studi dimostrano che il co- dormire favorisce l’allattamento al seno ed è benefico per lo sviluppo neurale del bambino e il sistema neuroendocrino della madre.

L’Associazione Spagnola di Pediatria, per esempio, lo propone, adottando le dovute precauzioni, per prevenire la Sindrome della Morte Improvvisa del Lattante.

D’altra parte, l’allattamento al seno esclusivo associato al co-sleeping protegge dal rischio di morte improvvisa di oltre il 70%.

Vale la pena notare che sotto questo parametro, gli Stati Uniti hanno il più alto tasso di mortalità infantile. E il minore, si verifica nelle regioni dove è praticato.

Tuttavia, dopo un po’, i genitori iniziano a considerare la possibilità di spostare il bambino nella propria stanza, ed è allora che sorgono le paure.

Bambina che dorme pacificamente nella sua culla nella sua stanza.

I genitori vogliono fare ciò che è meglio per lo sviluppo del loro bambino. Da un lato provano vergogna e senso di colpa al pensiero di lasciarlo solo in un’altra stanza.

D’altra parte, hanno paura di rendere il piccolo dipendente aspettando troppo a lungo per apportare il cambiamento.

La realtà è che, ad oggi, non ci sono studi che supportano l’idea che dormire con i genitori per diversi anni sia dannoso per il bambino. Quindi la risposta se è troppo presto o troppo tardi è che dipende da ogni famiglia. Sì, è una decisione che deve essere improntata ai bisogni e agli interessi del bambino e dei suoi genitori.

Un fattore che di solito viene commentato come favorevole al cambio di stanza è se lo svezzamento avviene tra sei mesi e un anno.

Quando spostare il bambino nella sua stanza?

Insomma, non ci sono regole o tempi specifici che dovrebbero guidare questo passaggio. Ma ci sono alcune linee guida che aiuterebbero a decidere quando è il momento ideale per i genitori e il loro piccolo. Per questo, è importante tenere conto dei seguenti aspetti:

  • Intorno agli otto mesi di età, i bambini iniziano a percepirsi come esseri differenziati dalla madre, con la quale fino ad allora erano percepiti nel loro insieme. Questo li porta a sperimentare alti livelli di ansia da separazione durante questa fase.

Per questo motivo è importante evitare che il passaggio nella propria stanza coincida con questo momento evolutivo, poiché sarà più difficile e doloroso. È anche una buona idea evitare di sovrapporsi ad altri cambiamenti nella tua vita, come l’arrivo di un fratellino o l’inizio dell’asilo nido.

  • Se il bambino si sveglia ancora di notte per i pasti, trovarsi in una stanza diversa può complicare le cose. Dato che il piccolo piange finché non arrivano i suoi genitori, passa più tempo, quindi si rivela di più. Allo stesso modo, i genitori devono alzarsi e andare nell’altra stanza, rivelandosi di più. Potrebbe essere preferibile aspettare che il bambino dorma tutta la notte.
  • Ascoltate il vostro bambino. Alcuni bambini sono più indipendenti e preferiranno dormire da soli; si sentiranno infastiditi quando condivideranno lo spazio con i genitori. Altri saranno più esigenti e avranno bisogno della vostra presenza e del tuo contatto fisico per stare tranquilli. I comportamenti del vostro bambino vi guideranno per capire quando è pronto per fare il passaggio.
    Bambino che piange nella sua culla dopo aver spostato il bambino nella sua stanza.

Come spostare il bambino nella sua stanza?

Una volta che avrete deciso di attuare il cambiamento, è importante che siate sicuri della decisione e formiate un fronte comune con il partner. Forse i primi giorni saranno difficili e dovrete darvi forza a vicenda. Considerate questo periodo come una transizione per mettere in pratica queste strategie:

Fate un pisolino nella sua stanza

Affinché si abituino, fare un pisolino nella loro stanza sarà un’ottima opzione. L’abitudine vi permetterà di associare il riposo alla trama del materasso, al clima, alla luce, ai colori, insomma all’insieme di elementi che indicheranno il vostro posto dove addormentarvi.

Trasformate la sua stanza in uno spazio di gioco

Sarebbe opportuno trascorrere buona parte del tempo nella sua stanza, in modo che il piccolo vi percepisca come parte di essa. Attenzione che la stanza sia chiara e sicura, sgombra da piccoli oggetti e senza spigoli o con spigoli pericolosi.

Assicuratevi che sia fresca e ben illuminaa  durante il giorno, con luci graduate in modo da offrire l’illuminazione minima necessaria per cambiarlo e assisterlo al risveglio.

La routine della buonanotte che inizia nella sua camera da letto

Ci sono elementi che dovrebbero aiutarti ad alimentare l’atmosfera del sogno. Qualche giocattolo, un lenzuolo, un particolare tipo di luce, vestiti per la nanna, una storia, tra gli altri elementi, compongono il set che permetterà al bambino di ambientare la scena per l’arrivo della nanna.

Il segreto è assicurarsi che questi stimoli vengano lanciati nella sua stanza. Accompagnate le azioni con frasi su quanto sia comodo, sicuro e piacevole, perché le parole daranno corpo a un concetto che è prima di tutto sentimento.

Date al piccolo sicurezza

Il bambino starà nella sua stanza e andrà a dormire se ha piena familiarità con essa, se si sente al sicuro, se sente che è sua. Mettilo nella sua culla quando i suoi muscoli sono rilassati e le sue mani sono aperte. Non lasciarlo quando ha appena chiuso gli occhi.

E se quando si sveglia e piange, sarete subito lì a consolarlo e addormentarlo, dopo averlo cambiato, nutrito o mostrato che non siete andato lontano e che può fidarsi, tornerà dolcemente a dormire.

Tuttavia, ricordate che “la metà delle volte che un bambino dorme, ha un sonno leggero, durante il quale qualsiasi piccolo rumore, morsi della fame o cambiamento nel ritmo del dondolio lo sveglierà”.

Riflessioni conclusive: spostare il bambino nella sua stanza

Fate in modo che l’evento sia piacevole, emozionante e attraente per il piccolo. Rendetelo partecipe, in qualche modo, alla decorazione della sua nuova stanza o provate ad associare quello spazio a giochi, risate ed esperienze piacevoli.

I primi giorni rimanete al suo fianco finché non si addormenta, e rispondete ai suoi richiami ogni volta che ve lo chiede. Una volta constatato che siete a sua disposizione, si calmerà e potrete dormire sonni tranquilli.

Ricordate innanzitutto che il piccolo ha delle emozioni e si fonde con esse; se siete angosciati, pieni di preoccupazioni e sensi di colpa, è molto probabile che il piccolo stia peggio. Agite con amore e senza rimorsi in modo da trasmettere serenità ed entusiasmo a vostro figlio.

Potrebbe interessarti ...
Come organizzare una sala giochi per bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come organizzare una sala giochi per bambini

Organizzare una sala giochi per bambini favorisce il gioco e, con esso, tutti i benefici che ne derivano. Scoprite come organizzarla!