Il metodo di Tracy Hogg per far addormentare i bambini

Se state cercando di insegnare al bambino ad addormentarsi, il metodo di Tracy Hogg può aiutarvi a riuscirci con determinazione ma rispettando i suoi tempi. Approfondiamo l'argomento in questo articolo.
Il metodo di Tracy Hogg per far addormentare i bambini

Ultimo aggiornamento: 19 aprile, 2022

Se vivete con un bambino in casa, potreste sperimentare una grave privazione di sonno. Questo accade perché le abitudini del sonno dei più piccoli sono irregolari e molto diverse da quelle degli adulti e, dunque, intaccano il benessere e l’umore di chi se ne prende cura. Ecco perché molti genitori disperati fanno appello a metodi di allenamento del sonno del bambino per far fronte alla stanchezza. Oggi vi parleremo di uno di questi: il metodo Tracy Hogg.

Hogg era un’infermiera britannica soprannominata “The Baby Whisperer” per le sue capacità di calmare i più piccoli sussurrando loro parole. Sicuramente avrete sentito parlare del suo libro Una guida pratica per avere bambini sereni e felici, ma se non l’avete fatto, oggi vi parleremo delle sue principali proposte. Pronti a iniziare?

Il metodo Tracy Hogg: un sano equilibrio tra riposo e rispetto

Quando parliamo di metodi di allenamento del sonno infantile, apriamo la gamma a posizioni molto diverse e persino opposte.

Alcuni dei metodi più noti sono quelli di Ferber o Estivill, che raccomandano di far piangere il bambino per periodi crescenti fino a quando non si abitua ad addormentarsi senza citare in giudizio i suoi caregiver.

Altri esperti, come Rosa Jové o Carlos González, impegnati nell’attaccamento e nell’educazione rispettosa, suggeriscono di occuparsi senza riserve dei bisogni di attenzione, conforto e affetto dei bambini. Anche (e soprattutto) prima di coricarsi. Tuttavia, questo è qualcosa che alcuni genitori, con i loro estenuanti programmi di lavoro e il crescente esaurimento emotivo, non sono in grado di sostenere.

Pertanto, il metodo Tracy Hogg è postulato come una posizione intermedia ed equilibrata tra i due poli. In esso, il pianto del bambino non viene mai trascurato, ma vengono stabilite routine e linee guida ben precise da seguire.

esausta mamma dorme sulle sbarre della culla figlioletto sveglio la notte risvegli notturni disturbi del sonno
I risvegli notturni dei bambini sono frequenti e questo finisce per compromettere il riposo e l’umore dei genitori.

I principi e gli elementi del metodo di Tracy Hogg per far addormentare i bambini

Si raccomanda di non attuare il metodo prima dei tre mesi, né di metterlo in pratica se il bambino non ha disturbi del sonno. Non bisogna modificare ciò che già funziona.

Ora, se il piccolo ha difficoltà a dormire e i genitori sono esausti, questi sono i suggerimenti da applicare.

Stabilisci delle routine per andare a dormire

È necessario stabilire alcuni rituali o routine con il bambino prima di andare a dormire, in modo da rilassarlo, rassicurarlo e fargli sapere che, dopo, è il momento di riposarsi. Pertanto, è meglio seguire sempre gli stessi passaggi: dargli da mangiare, lavarlo, massaggiarlo, accendere una luce fioca, cantargli una canzone o leggergli una storia.

Questo rituale deve precedere l’ora di coricarsi, sia la sera che prima del pisolino pomeridiano. L’obiettivo è generare un’associazione tra i fatti e far capire al piccolo quando è ora di andare a dormire. In questo modo, ti aiuteremo a prepararti e ad anticipare.

Mettetelo a letto quando è in dormiveglia, ma non completamente addormentato

Molti padri e madri affermano che i loro bambini riescono solo ad addormentarsi tra le loro braccia e che questo è molto limitante per tutti. Per questo motivo, il metodo Tracy Hogg suggerisce che il bambino dovrebbe essere assonnato, ma non completamente addormentato, quando viene posizionato nella culla o nel letto.

Puoi tenerlo tra le braccia per aiutarlo a rilassarsi e ad addormentarsi, ma mettilo giù mentre è ancora sveglio in modo che si abitui ad addormentarsi da solo in quel punto.

Così, durante i risvegli notturni che non richiedono alimentazione, il piccolo potrà riaddormentarsi.

Fate appello ad alcuni ausili per dormire

La maggior parte dei bambini usa una qualche forma di supporto per addormentarsi e i genitori spesso li usano quando non sanno cos’altro fare. A questo proposito, secondo l’autore, ce ne sono alcuni che sono accettabili e altri che dovrebbero essere evitati.

Ad esempio, non è conveniente dondolare o scuotere energicamente il bambino, poiché questo tende ad attivarlo maggiormente ed è controproducente. Inoltre non è positivo ricorrere a delle passeggiate, allattarlo al seno o cantare tra le sue braccia fino a quando non si addormenta, poiché in questo modo si crea una piacevole ma dipendente abitudine associata al sonno.

In compenso si può utilizzare il ciuccio, purché i tempi di utilizzo siano controllati. È naturale che i bambini abbiano bisogno di una stimolazione orale per calmarsi e regolarsi emotivamente e il seno della madre è solitamente l’elemento più appropriato.

Ma per alcune donne questo è estenuante, tanto che il ciuccio riesce a svolgere, in qualche modo, questa funzione. Ora, l’idea è che lo utilizzino solo per un tempo limitato e quando hanno bisogno di calmarsi, non indiscriminatamente o sostenuto.

Il metodo di Tracy Hogg: ascoltate il bambino che vi chiama

Questo è sicuramente il punto più importante e identificativo del metodo di Tracy Hogg; ed è che in questo caso, a differenza del metodo Estivill, i genitori devono andare a confortare il bambino non appena lui li chiama. Mai lasciare che piangere da solo.

Ora, se non possiamo cullarlo, accompagnarlo o allattarlo al seno, come dovremmo procedere? Ecco i consigli dell’autore:

  • Avvolgete il bambino in una coperta o in uno scialle, usando la tecnica dello swaddle o qualcosa di simile. Questo aiuta le loro estremità a essere raccolte e il corpo del piccolo a riscaldarsi. Inoltre, simula la sicurezza e il comfort dell’utero.
  • Accarezzate delicatamente e ritmicamente la schiena o il busto del bambino. Possiamo accompagnare questo movimento con rassicuranti verbalizzazioni come: “va tutto bene”, “sono qui”, “è ora di dormire”.
  • Una volta che il bambino si è calmato, dobbiamo rimetterlo nella culla prima che si addormenti. Se piange di nuovo e richiede attenzione, dobbiamo ripetere il processo: calmarlo e farlo addormentare di nuovo. In questo modo forniamo una risposta e un conforto, ma non ci abituiamo a fare affidamento sulle braccia per addormentarci.
mamma sdraiata nel suo letto bambino nella culla co-sleeping dorme pacificamente
I lettini co-sleeping favoriscono la vicinanza di chi si prende cura durante la notte e anche la possibilità di scegliere tecniche salutari per allenare il sonno del bambino.

Ultime raccomandazioni, secondo il metodo di Tracy Hogg

Oltre a quanto sopra, il metodo suggerisce alcuni suggerimenti per migliorare le abitudini del sonno del tuo bambino e farlo dormire tutta la notte. Ad esempio, assicuratevi che i sonnellini diurni non siano troppo lunghi o troppo vicini all’ora di andare a dormire.

L’autore, invece, consiglia di nutrire generosamente il piccolo durante la cena, in modo che non si svegli presto affamato. Inoltre, per prolungare ulteriormente il sonno notturno è possibile utilizzare l’ allattamento onirico (dare un’ultima poppata due ore dopo che il bambino si è addormentato, prima che i genitori vadano a letto).

In conclusione, il metodo Tracy Hogg tiene conto delle esigenze di bambini e adulti, offre attenzione e rispetto dei ritmi del bambino e gli insegna a stabilire una sana routine del sonno. Tuttavia, ogni famiglia deve prendere le proprie decisioni e scegliere le pratiche che meglio si allineano ai propri valori e principi.

This might interest you...
Far dormire il bambino tutta la notte: ecco alcuni trucchi
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Far dormire il bambino tutta la notte: ecco alcuni trucchi

Far dormire il bambino tutta la notte è una bella sfida per molti genitori, in particolare nelle prime settimane dopo la nascita. Ecco alcuni trucc...