Il bambino ha paura della culla: come comportarsi?

Pensate che vostro figlio pianga quando lo mettete a dormire perché ha paura della sua culla? In realtà, si tratta solo di solitudine e abbandono. Scoprite di più su questo argomento.
Il bambino ha paura della culla: come comportarsi?

Ultimo aggiornamento: 07 settembre, 2021

È arrivata l’ora di andare a dormire e in casa si scatena una vera e propria battaglia campale. Se avete aperto questo articolo, sicuramente vi state identificando con lo scenario appena descritto. Se vostro figlio manifesta la paura della culla, continuate a leggere e scoprite perché succede e cosa potete fare per evitare che accada ancora.

I bambini e la paura della culla

Dobbiamo intendere la paura come un’emozione primaria, che ci avverte di un pericolo (reale o immaginario) e ci permette di prendere misure per metterci in salvo.

Ora, se trasferiamo questo alla vita di un bambino dobbiamo considerare anche l’esistenza di paure evolutive. Cioè quelle che compaiono in età diverse e vengono progressivamente sostituite da altre. In linea con questo, è prevedibile che un bambino di 12 mesi non abbia le stesse paure di un bambino di 3 anni.

Durante i primi anni di vita, la culla rappresenta un evento che provoca molta paura e angoscia nei bambini: il momento di andare a dormire. Per gli adulti può essere qualcosa di poco significativo, ma per i più piccoli simboleggia la scomparsa dei genitori e quindi la solitudine.

Per questo, invece di ignorare questa emozione, è fondamentale accompagnare il bambino e aiutarlo a prendere confidenza a poco a poco. In questo modo è possibile riportare la calma e l’armonia anche in casa.

bambino piange bar culla angoscia sonno ferberizzazione metodo sterile sonno bambino

Cosa fare quando vostro figlio ha paura della culla?

Ci sono alcune raccomandazioni per aiutare i bambini a perdere la paura della culla. Tuttavia, è sempre conveniente applicare le misure appropriate al bambino che abbiamo in casa. Cioè, dobbiamo essere rispettosi con nostro figlio e non cercare di adattarci al modello che idealizziamo, ad ogni costo. Ecco alcuni suggerimenti che vi aiuteranno a scacciare via la paura del vostro bambino.

Non lasciatelo piangere! 

Molte persone ripetono questa frase come un mantra: “lascialo piangere, così si abituerà”. Tuttavia, ci sono cose che dovreste sapere prima di farlo.

Anche se è vero che dopo un po’ il bambino si abitua, il messaggio che riceve il suo cervello è che non c’è nessuno che possa prendersi cura di lui, e quindi il pianto perde di senso. Inoltre, questo apprendimento non avviene in modo sano, ma è carico di angoscia e disagio.

Quando un bambino piange cerca di comunicare un bisogno. Non prestare attenzione a questo va contro il legame di attaccamento che lo aiuta a sentirsi sicuro e protetto.

Pertanto, non solo si deteriora il rapporto con i propri genitori, ma si accresce la sensazione di abbandono e probabilmente la paura della culla.

Siate pazienti e accompagnatelo nel processo

Nel caso in cui decidiate di prendere qualche raccomandazione per aiutarlo a dormire, ricordatevi di prendere le misure gradualmente e accompagnare il vostro bambino in ogni momento. Non abbiate fretta, perché forzare i tempi non porta quasi mai a risultati migliori.

Ad esempio, potete provare a lasciarlo nella culla per qualche minuto durante il giorno, in modo che la conosca e prenda dimestichezza con essa. Nel frattempo, state al loro fianco in modo che si sentano al sicuro e acquisiscano fiducia. A poco a poco, provate a lasciarlo più a lungo e provate a farlo anche di notte.

Cerca di convincere vostro figlio ad associare la culla a qualcosa di positivo, come la sua bambola preferita, una coperta o un altro oggetto di attaccamento.

Controllate le abitudini del sonno del vostro bambino

Ci sono alcune pratiche che promuovono un buon sonno e sono conosciute come regole di igiene del sonno. Tra queste linee guida, trovate adattare l’ambiente fisico in cui si trova la culla (illuminazione, temperatura e colori della stanza) o stabilire routine e orari.

Identificate le fasi del sonno del bambino

mamma si sdraia culla sveglia piange fasi del sonno

Molte volte il bambino si addormenta tra le braccia e i genitori sono subito tentati di metterlo nella culla. Poi si sveglia, e si ricomincia. Ma chi invece non si sveglierebbe? Se le braccia e il calore umano sono molto meglio della culla!

Questo accade perché i primi 20 minuti dopo essersi addormentati coincidono con la fase del sonno leggero. Pertanto, al minimo cambiamento nell’ambiente, il bambino si sveglia.

Si consiglia di attendere ancora un po’ prima di provare a lasciarlo nella culla, in modo che entri nella fase di sonno profondo.

Rispondete alla sua chiamata quando si sveglia

Vi è mai capitato di svegliarvi disorientati e provare angoscia per non sapere come siete arrivati lì? Ecco, la stessa cosa succede a vostro figlio quando si addormenta tra le vostre braccia e si sveglia nella sua culla. Pertanto, una volta che siete riusciti a lasciarlo lì, tornate ogni volta che chiama per rafforzare l’idea che non l’avete abbandonato.

Insegnategli ad addormentarsi per eliminare la paura della culla

Per addormentare un bambino è anche conveniente utilizzare alcune strategie, come cantare sottovoce, accarezzarlo o cullarlo.

Sebbene molte persone credano che questo sia controproducente, la verità è che attraverso questi gesti insegnate loro alternative per rilassarsi, che possono poi ripetere da sole.

Non sorprendetevi se lo sentite cantare dolcemente o sussurrare a se stesso per calmarsi.

Non esiste una ricetta unica, tanto meno la bacchetta magica

Nel mondo della genitorialità, ci sono sempre buoni consigli e buone intenzioni. Tutte le persone nell’ambiente che hanno già avuto l’esperienza cercano di condividere con gli altri ciò che ha funzionato per loro. Questo a volte può essere una fonte di sollievo, ma può anche creare senso di colpa.

Inoltre, ci sono alcune pratiche che non possiamo svolgere per diversi motivi personali. Pertanto, nell’educazione dei figli è importante costruire i propri stili genitoriali, senza pensare che esistano ricette universali e infallibili.

Ogni famiglia è un mondo e ogni madre, padre e figlio è diverso dagli altri. La chiave è sincronizzarsi in modo che la vita a casa scorra in armonia.

La cosa più importante quando si cresce un bambino è essere guidati da empatia, rispetto e comprensione. Per sapere qual è il modo più adatto ad ogni bambino bisogna conoscerlo bene e questo richiede tempo e grande sensibilità da parte dei genitori.

Infine, cercate informazioni di qualità sullo sviluppo del sonno dei bambini, per prendere decisioni consapevoli sull’argomento.

Potrebbe interessarti ...
Come scegliere la culla migliore per il bambino
Siamo MammeLeggi in Siamo Mamme
Come scegliere la culla migliore per il bambino

La culla è la prima cosa a cui i genitori pensano quando aspettano un bambino. In questo articolo condividiamo i consigli per sceglierla.



  • Nerín, N. F., Nieto, M. Á. P., & de Dios Pérez, M. J. (2014). Relación entre los estilos de crianza parental y el desarrollo de ansiedad y conductas disruptivas en niños de 3 a 6 años. Revista de Psicología Clínica con niños y adolescentes1(2), 149-156.
  • Van IJzendoorn, M. (2010). El apego durante los primeros años (0-5) y su impacto en el desarrollo infantil. Enciclopedia sobre el desarrollo en primera infancia. [Internet] Disponible en: https://www.enciclopedia-infantes.com/apego/segun-los-expertos/el-apego-durante-los-primeros-anos-0-5-y-su-impacto-en-el-desarrollo.
  • Bilbao Alvaro. (2017). Todos a la cama. Editorial Planeta. Madrid
  • Pierucci, N. A., & Luna, B. K. P. (2003). Relación entre estilos parentales, estilos de apego y bienestar psicológico. Psicología y Salud13(2), 215-225.