Che cosa significa il dolore al basso ventre durante la gravidanza?

· 17 maggio 2018

È perfettamente normale soffrire di qualche sintomo fastidioso durante la gravidanza. Le nausee, i crampi e il dolore al basso ventre sono solo alcuni dei più fastidiosi. Quest’ultimo può generare qualche dubbio, perché può trattarsi di qualcosa di leggero, ma anche essere il segnale di qualche complicazione interna.

Con la crescita dell’utero, i legamenti rotondi si tendono. Sono i legamenti che ricoprono l’organo e che diventano più flessibili per assicurargli un sostegno. La conseguenza che ne deriva, di solito, consiste in un dolore al basso ventre che si manifesta quando si fanno determinati movimenti.

Può manifestarsi mentre ci voltiamo, ci solleviamo da una sedia o perfino quando tossiamo. Si verifica anche in situazioni nelle quali abbiamo praticato troppo esercizio, oppure dopo una giornata molto intensa. Di solito si presenta a partire dal secondo trimestre di gravidanza, anche se possono esistere casi più precoci.

In che cosa si differenzia il dolore al basso ventre da altri dolori addominali?

La differenza tra il dolore al basso ventre e altri dolori addominali risiede nella durata. Nel primo caso, di solito dura solamente qualche secondo e compare sempre durante la realizzazione di qualche movimento. Se il dolore è più acuto e persistente, è necessario che ci rivolgiamo immediatamente a un medico. Potrebbe non trattarsi dei legamenti rotondi, ma di qualche altro problema più serio.

La preeclampsia, un parto prematuro o un aborto possono essere le cause di un dolore intenso, così come una gravidanza ectopica. Se avete febbre o vomito abbondante, oppure iniziate a sanguinare, la cosa migliore è che vi rechiate al più presto all’ospedale.

Il dolore al basso ventre è uno dei disturbi più fastidiosi che si possono provare durante la gravidanza

In ogni modo, tutti questi esempi sono piuttosto estremi. I dolori al basso ventre durante la gestazione possono essere dovuti a una molteplicità di cause, da una semplice presenza di gas a un’appendicite. Se la parte superiore dell’addome inizia a farvi male e il dolore si attenua se fate pressione, è probabile che si tratti di un’infezione dell’appendice. In questo caso, la situazione richiederà semplicemente una piccola operazione che non dovrebbe presentare maggiori complicazioni.

I gas, al contrario, di solito sono dovuti al gonfiore. A provocarlo sono gli ormoni gestazionali, che rallentano la digestione. La stessa cosa accade con altri malesseri, come la stitichezza, anche questa dovuta agli ormoni e alla pressione dell’utero sul retto.

Come posso calmare il dolore al basso ventre durante la gravidanza?

Se mettiamo in pratica una serie di consigli, il dolore può diminuire e perfino scomparire. Sono molto facili da seguire e possono essere inseriti senza alcun problema nella nostra routine quotidiana. Dal momento che questi disturbi durano solamente qualche minuto, non dovrete ingerire nessun tipo di calmante.

1. Bere acqua

Per prima cosa, è molto importante che siate ben idratata. Bevete acqua in abbondanza, perché in questo modo eviterete complicazioni come le contrazioni di Braxton Hicks. Al contrario di quelle del parto, queste sono indolori, ma possono comunque risultare abbastanza fastidiose.

Bere molta acqua è importante per mantenersi in salute ed evitare complicazioni

Inoltre, bere due litri d’acqua al giorno svolge un ruolo importante nella lotta contro la già citata ritenzione idrica. Non idraterete solo voi stessa, ma anche il feto, proteggendo così il suo sacco amniotico.

2. Cercare un luogo comodo per riposare

Sedetevi o sdraiatevi in un luogo in cui possiate stare comoda e far riposare il vostro corpo. A questo scopo, si raccomanda una superficie liscia, sulla quale possiate distendere le gambe. Chiudete gli occhi e rilassatevi: in un istante, inizierete a sentirvi meglio.

Se i muscoli si rilassano, i dolori si attenuano. Spesso, una pausa nella nostra vita affannosa è la cura migliore per qualunque dolore.

3. Praticare yoga o pilates

Questi esercizi sono molto leggeri e abbastanza consigliabili per le donne in gravidanza. Oltre ad aiutarvi a rilassarvi, contribuiscono a esercitare i muscoli di tutto il corpo, compresa la vagina. Costituiscono, quindi, una buona preparazione per il parto.

Esistono corsi di pilates o yoga prenatale per donne incinte. Inoltre, condividere i vostri dubbi ed esperienze con le vostre compagne di corso può creare legami di amicizia che potrebbero durare tutta la vita.

I dolori al basso ventre durante la gravidanza possono essere dovuti a una molteplicità di cause, dalla semplice presenza di gas a un’appendicite.

4. Evitare lo stress

Questo è un punto a cui si dà poca importanza, ma che potrebbe invece risolvere questo genere di inconvenienti. Evitate tutto ciò che possa provocarvi ansia e stress. È importante che sappiate stabilire delle priorità, e la salute viene prima di qualunque compito o lavoro dobbiate svolgere.

Se sentite che il dolore non vi danneggia solo a livello fisico, ma anche emotivo, la cosa migliore è che parliate con uno specialista. Spesso, il sollievo di cui hanno bisogno il vostro corpo e la vostra mente è proprio l’aiuto di un bravo psicologo.