5 cose da fare per educare bene i propri figli

· 14 Ottobre 2016

Avere dei figli è una sfida per qualsiasi genitore. Per quanto abbiate potuto leggere, osservare ed ascoltare su questo argomento, la verità è che educare un figlio non è per niente semplice, soprattutto se parliamo in termini di disciplina. Affinché un genitore possa impartire una buona educazione ai propri figli, deve sviluppare una serie di capacità senza le quali sarebbe impossibile adempiere a questo compito.

Il modo di agire di un genitore dipende dall’età e dal comportamento del bambino, e per capire ciò è importante migliorare i metodi di disciplina attraverso aiuti pratici. In questo caso libri per genitori, corsi e gruppi di aiuto possono essere dei mezzi efficaci per svilupparli. Ad ogni modo, alcune capacità sono essenziali in un genitore per promuovere una buona educazione. 

padre-e-figlio

Dare il buon esempio

Molti genitori cercano di inculcare ai figli una serie di valori e una determinata disciplina, mentre loro fanno tutto il contrario. Naturalmente questo non produrrà dei buoni risultati. Poichè i bambini apprendono non  da ciò che sentono ma da ciò che vedono, predicare bene e razzolare male li porterà a fare le cose sbagliate.

Assumere dei comportamenti esemplari è un dovere dei genitori; infatti, è importante dare sempre il buon esempio, senza giustificare il perché. Le contraddizioni che si producono tra ciò che vedono e ciò che sentono, dà ai bambini un’immagine nefasta dei propri genitori.  In questo caso, i figli mancheranno loro di rispetto.

Trovare un equilibrio tra protezione e sicurezza

La sicurezza dei figli è un tema fondamentale per qualsiasi genitore. Mentre alcuni sono iperprotettivi nei confronti dei loro bambini, allontanandoli da qualsiasi possibilità di pericolo, altri gli danno molta libertà. Sarebbe bene trovare il giusto equilibrio per quanto riguarda protezione e sicurezza.

Bisogna educare alla fiducia, permettendo ai bambini di sperimentare le conseguenze naturali delle loro azioni, insegnandogli a prendere decisioni salutari e spingendoli a tenere in considerazione non solo se stessi ma anche gli altri.

madre-e-figlia-che-parlano

Stabilire i giusti limiti

E’ importante per i genitori stabilire i giusti limiti, soprattutto quando un bambino protesta. Questo per un figlio significa avere delle regole chiare, che devono essere impartire da un genitore attraverso delle strategie di disciplina appropriate. Allo stesso tempo, bisogna essere capaci di far rispettare queste regole.

Tuttavia, anche i genitori devono rispettare certi limiti per quanto riguarda il loro comportamento, dando esempio di autocontrollo e responsabilità. Fumare o bere davanti ai bambini, manifestare stanchezza per non aver dormito sufficientemente, utilizzare un linguaggio inappropriato o mangiare smisuratamente sono atteggiamenti che mostrano ai figli una chiara mancanza di autocontrollo e di responsabilità da parte dei genitori.

Gestite lo stress in maniera efficace

I genitori che controllano lo stress efficacemente hanno molto più successo nel momento in cui vogliono inculcare disciplina ai propri figli. I genitori stressati sono più propensi a gridare, stressando a loro volta i figli. Inoltre il più delle volte ricorrono al castigo piuttosto che alla disciplina.

D’altra parte, quando un genitore è stressato, possono presentarsi dei problemi comportamentali nei figli, cosa che li metterà ancor più sottopressione.

Stabilire delle aspettative chiare

Quando i bambini non capiscono ciò che i genitori si aspettano da loro, potrebbe risultare impossibile soddisfare le loro aspettative. Un buon genitore è capace di parlare chiaro, facendo capire a suo figlio cosa si aspetta da lui, in modo tale che anche un bambino piccolo possa intenderlo. Inoltre pretendono dai figli solo ciò che realmente possono fare.

In  questo senso un buon genitore ha anche degli obiettivi chiari, prefiggendosi mete raggiungibili. In questo modo dà ai figli esempio di costanza e sforzo, di autoefficacia e di gestione del tempo e dello stress. Inoltre, ha la capacità di empatizzare meglio con i figli quando questi si sentono frustrati e demotivati.