Esercizi che aiutano il bambino a tenere la testa

Indipendentemente dalla fase in cui si trova il bambino, puoi implementare esercizi per rafforzare il suo collo e sostenere la sua testa.
Esercizi che aiutano il bambino a tenere la testa

Ultimo aggiornamento: 13 ottobre, 2022

Il bambino fa fatica a tenere la testa alta durante i primi mesi di vita, poiché alla nascita le strutture muscolari sono ancora deboli. Per questo motivo è opportuno mettere in atto una serie di esercizi che aiutino il bambino a tenere la testa in modo da sostenere il neonato in questo compito complesso.

Va chiarito che la posizione ottimale per ogni attività dipende dallo stadio di maturazione del bambino, al fine di ottenere il massimo beneficio senza forzare o danneggiare il suo delicato corpo.

Nel seguente spazio, condivideremo alcuni esercizi per trascorrere con vostro figlio qualche momento piacevole.

Esercizi per incoraggiare il bambino a tenere la testa

Gli esercizi per favorire il sostegno della testa partono dai movimenti spontanei del bambino. In questa fase il cervello è molto sensibile e ogni cambio di posizione aiuta a stimolare tutti i gruppi muscolari. Pertanto, qualsiasi sforzo motorio è benvenuto quando si tratta di lavorare e rafforzare il sistema locomotore del bambino.

Per quanto riguarda il sostegno della testa, le strutture che coinvolte attivamente sono il collo , le spalle e la zona alta e media della schiena.

In quest’ordine di idee, lo stimolo di queste aree consente al bambino di aumentare il tono muscolare ed eseguire ogni volta movimenti di maggiore complessità.

Condividiamo alcune idee per far lavorare i muscoli del bambino. Prendete appunti!

1. Sdraiato a pancia in giù, uno dei migliori esercizi per sostenere la testa

esercizio del neonato sulla coperta del pavimento poggiatesta a faccia in giù

Questo esercizio è uno dei primi esercizi consigliati per promuovere il rafforzamento delle strutture muscolari. Sebbene sia una posizione che dovrebbe essere adottata durante tutta l’infanzia, è particolarmente importante nei primi mesi di vita.

Va detto che questo esercizio va eseguito solo durante le ore di veglia, sotto la costante supervisione di un adulto e su una superficie solida e su un buon supporto. Ad esempio, su una lastra di gomma eva o su un tappetino da yoga. Non è consigliabile praticarlo sul lettino o sul tavolo, per il rischio di cadute.

In questa posizione il bambino è costretto a contrarre i muscoli dorsali e lombari per sollevare la testa dalla superficie. Tuttavia, questa tensione si alterna costantemente a momenti di relax, quindi è necessario assicurarsi che il viso non strofini contro il pavimento.

In questa posizione, oltre alle strutture muscolari del collo, entrano in gioco anche le spalle. Soprattutto quando il bambino riesce a salire ancora più in alto e portare le braccia in avanti.

Molti bambini si stancano rapidamente di questa posizione, quindi è importante stare all’erta e terminare l’attività al minimo segnale di disagio.

2. Movimento delle braccia in diverse posizioni

Il movimento delle braccia può essere svolto in due posizioni principali, a faccia in su ea faccia in giù. Vi consigliamo di iniziare con il bambino sdraiato sulla schiena perché è il modo più semplice.

Dalla posizione sdraiata dovreste prendere entrambe le mani del bambino. Seguendo le raccomandazioni dell’American Academy of Pediatrics, sfruttate il riflesso di presa palmare tipico di questa fase per facilitare il compito. Quindi, iniziate a muovere le braccia in modo armonioso e in diverse direzioni: su e giù e continuate lateralmente.

È importante non tirare gli arti tanto quanto sollevare il bambino dalla superficie. Limitati semplicemente a mobilitarli.

Per fare l’esercizio più complesso, potete anche appoggiare il bambino a pancia in giù e per questo ti consigliamo di appoggiare il suo petto su un cuscino. Situato in quella posizione, riprendete le mani e cercate di muoverle su e giù, molto lentamente.

3. Catturate la loro attenzione con un oggetto che colpisce, uno dei migliori consigli negli esercizi per aiutare il bambino a tenere la testa

L’esercizio dell’oggetto sorprendente si concentra sulla stimolazione visiva del bambino. Per eseguirlo potete utilizzare gli oggetti che preferite: un giocattolo, una pallina, dei frutti colorati. L’importante è che sia di interesse per il bambino.

Quindi, dovresti posizionarti a una distanza che sia all’interno del campo visivo del bambino, a circa 40 o 50 centimetri dal suo viso. Idealmente, non dovresti essere in grado di raggiungere l’oggetto con le mani.

Sposta l’elemento da destra a sinistra e viceversa, anche dall’alto verso il basso o in cerchio. L’obiettivo di questo movimento è che il bambino lo segua con gli occhi, muova la testa e stimoli i muscoli della zona per rafforzarli progressivamente.

Anche se il bambino allunga le braccia per cercare di raggiungere l’elemento, l’esercizio è molto meglio. Questo aumenta il lavoro delle spalle e dei muscoli della schiena.

4. Sdraiato alternato: busto in alto e busto in basso

Dopo i primi tre mesi di età, il bambino può eseguire movimenti più complessi. In questo caso, potete fare un esercizio simile ai tradizionali sit-up.

Per eseguire questo esercizio, il bambino deve essere sdraiato sulla schiena. Prendetelo per entrambe le mani e aiutatelo a sollevare il busto dolcemente e lentamente. L’ideale è rimanere con le mani ferme, mentre il bambino si sforza per alzarsi.

Alla fine della flessione del busto, riportatelo giù allo stesso modo. Potete fare questo esercizio due volte al giorno con un numero ridotto di ripetizioni.

Ricordate che i movimenti devono essere fluidi per non gravare troppo sulle articolazioni del bambino e quindi causare danni.

la madre muove le braccia del bambino in diverse posizioni sdraiata supina

L’mportanza di sostenere la testa del bambino

Il rafforzamento strutturale del collo, della schiena e delle spalle dei bambini non aiuta solo a sostenere la testa, offre anche un’altra serie di benefici legati allo sviluppo del linguaggio e della nutrizione.

A parte questo, è probabile che il vostro bambino inizi ad acquisire autonomia nei movimenti del corpo molto prima di quanto vi aspettiate. Questo potenziamento, come descritto nel seguente articolo pubblicato dall’Ibero-American Journal of Education, fornisce anche innumerevoli benefici per l’apprendimento dei modelli di base della locomozione: gattonare, strisciare e camminare.

Potrebbe interessarti ...
8 esercizi per rinforzare i muscoli del vostro bambino
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
8 esercizi per rinforzare i muscoli del vostro bambino

Praticare degli esercizi è raccomandato a tutte le età. Iniziare a rinforzare i muscoli del bambino fin dalla tenera età sarà un vantaggio per il s...