12 segnali per rilevare gli abusi sessuali sui minori

Gli abusi sessuali sui minori possono essere prevenuti se ai bambini vengono fornite informazioni adeguate sulla privacy e sulla cura del proprio corpo. Vi diciamo come raggiungere questo obiettivo.
12 segnali per rilevare gli abusi sessuali sui minori

Ultimo aggiornamento: 27 gennaio, 2022

Molte volte, gli abusi sessuali sui minori si riducono allo stupro o a un’azione specifica sul corpo di un minore. Tuttavia, questo crimine può essere molto più sottile, e da qui la sua pericolosità. 

L’abuso inizia dal momento in cui l’esposizione ad immagini inappropriate si traveste da gioco, all’avvicinamento a temi erotici o sessuali non conformi all’età e all’esibizionismo del bambino. Parimenti, quando non si tiene conto del consenso dei minori e lo si fa contro la loro volontà.

In questo reato non sempre si raggiunge la penetrazione, ma si superano i limiti del minore. A sua volta, viene utilizzata la figura dell’autorità o il bambino viene manipolato e ingannato per ottenere ciò che si vuole.

Pertanto, la prevenzione degli abusi sessuali sui minori deve iniziare in tenera età, con messaggi chiari che responsabilizzino i bambini e forniscano loro le informazioni e gli insegnamenti necessari per stabilire dei limiti.

Vediamo di seguito i segnali di pericolo per rilevare abusi sessuali su minori e cosa fare quando si sospetta un caso.

Ragazza vittima di abusi sui minori che guarda fuori dalla finestra.

Rilevare i primi segni di abusi sessuali sui minori

I segni di abuso sessuale su minori possono essere fisici, comportamentali, psicologici o emotivi. Alcuni di essi sono più specifici (cioè si riferiscono direttamente all’abuso) mentre altri possono essere indiretti. Bisogna prestare attenzione ai seguenti segni:

  1. Cambiamenti nel modo in cui i bambini camminano o addirittura manifestazione di dolore da seduti o sdraiati. A volte compaiono anche macchie sulla biancheria intima.
  2. Infezioni sessualmente trasmissibili in bambini o adolescenti che non hanno ancora avuto rapporti. In generale, di solito vengono diagnosticati da un medico.
  3. Alterazioni del comportamento alimentare: i bambini non hanno voglia di mangiare (il più frequente) o hanno un appetito vorace.
  4. Aspetto di dolore atipico nel bambino: come alla bocca dello stomaco o alla testa.
  5. Comportamenti regressivi, come non riuscire a dormire con la luce spenta, riprendere a farsi la pipì addosso, tra gli altri.
  6. Difficoltà legate al sonno: incubi, insonnia, terrori notturni.
  7. Necessità di essere vicini, permanentemente, a certi adulti. Anche l’angoscia quando ci si separa da loro.
  8. Rifiuto di stare con determinate persone o cambiamento di comportamento quando appare tale persona (nervosismo, pianto, pallore)
  9. Pianto, rabbia o angoscia senza una spiegazione apparente. A volte compaiono comportamenti violenti e una certa aggressività.
  10. Difficoltà scolastiche, come mancanza di concentrazione o comportamenti scorretti, tra gli altri.
  11. Atteggiamento ipersessualizzato nel gioco, nel trattare con gli altri o nel disegnare. Inoltre, uso di vocabolario erotico, inappropriato o non previsto per l’età.
  12. Ritiro e isolamento: il bambino sta in un angolo e non ha interesse a giocare.

Come intervenire sui segnali premonitori di abusi sessuali sui minori

In primo luogo, è importante fornire supporto emotivo al bambino che ha subito abusi. Quello che dobbiamo comunicargli è che non è colpa sua, che non è responsabile di quello che è successo.

Inoltre, evitiamo le espressioni di rabbia o angoscia davanti a lui, poiché questo tipo di comportamento è ciò che impedisce al bambino di chiedere aiuto. Allo stesso modo, sarà molto importante rafforzare l’idea che è stato molto coraggioso nel decidere di raccontare cosa gli è successo.

È fondamentale che l’adulto sia disponibile e gli dia la sicurezza che lo accompagnerà e che lo proteggerà in modo che l’evento non si ripeta. L’ascolto attivo e attento è essenziale.

Inoltre, sarà importante aiutarlo a calmare la sua angoscia e paura, soprattutto quando viene minacciato e manipolato dal suo aggressore. Ad esempio, vengono utilizzate frasi del tipo: “Farò qualcosa alla tua sorellina se parli con tua madre “. Come risultato di eventi simili, il bambino tende a mantenere il segreto per molto tempo per paura che qualcun altro a cui vuole bene venga danneggiato.

Naturalmente, è anche necessario verificare se il bambino necessita di un qualche tipo di assistenza medica immediata o se devono essere rafforzate determinate misure di protezione.

Bambino con le mani alzate vittima di abusi sui minori.

La prevenzione è fondamentale: iniziamo oggi!

Gli abusi sessuali sui minori possono essere prevenuti attraverso l’educazione precoce dei bambini con un approccio globale alla sessualità. Non si tratta di educare alla paura, ma di farlo nella cura di sé e nel rispetto del proprio corpo e di quello degli altri.

Sebbene molti adulti si oppongano e pensino che la sessualità sia uguale al sesso, le risposte che i bambini non trovano a casa si imparano altrove. Pertanto, è meglio fornire un approccio informato, consapevole e responsabile, che dia loro gli strumenti migliori per il loro futuro.

Alcune delle chiavi per aiutare il bambino a evitare gli abusi sono le seguenti:

  • Sapere che la sessualità copre un ampio spettro di argomenti, che vengono affrontati in modo diverso a seconda dell’età. La cura del corpo, l’affetto, il diritto alla privacy e il rispetto dei limiti sono alcune delle nozioni importanti che devono essere installate nella fase iniziale. In questo modo i bambini devono imparare a dire di no quando qualcosa non gli piace ed evitare di sentirsi “prigionieri” o costretti a rispondere in un certo modo, proprio perché è un adulto che lo esige.
  • I social network e l’uso di Internet oggi implicano una fonte di apprendimento, ma comportano anche il potenziale rischio di adescamento. In questo senso, è importante educare i nostri figli a un uso sicuro e responsabile della tecnologia.

Come avete visto, c’è molto da fare e possiamo iniziare oggi. Non è mai troppo presto e in futuro i nostri figli ci ringrazieranno.

This might interest you...
Come identificare l’abuso psicologico infantile
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come identificare l’abuso psicologico infantile

L'abuso psicologico infantile include forme sottili e altre meno: minacce, manipolazione o critiche dannose possono essere alcuni dei segni.



  • Pereda Beltran, Noemí (2009). CONSECUENCIAS PSICOLÓGICAS INICIALES DEL ABUSO SEXUAL INFANTIL. Papeles del Psicólogo, 30(2),135-144.[fecha de Consulta 20 de Enero de 2022]. ISSN: 0214-7823. Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=77811726004
  • Losada, Analia Veronica (2012). Epidemiología del abuso sexual infantil. Revista de Psicología GEPU, 3 (1), 201-229.
  • de Manuel Vicente, C. (2017). Detectando el abuso sexual infantil. Pediatría Atención Primaria, 19(Supl. 26), 39-47. Recuperado en 20 de enero de 2022, de http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1139-76322017000300005&lng=es&tlng=pt.