3 linee guida per migliorare la comunicazione nei bambini con ASD

Tra le linee guida per migliorare la comunicazione con i bambini con ASD, c'è l'importanza di iniziare creando un ambiente calmo e riducendo gli stimoli.
3 linee guida per migliorare la comunicazione nei bambini con ASD

Ultimo aggiornamento: 02 aprile, 2022

Il disturbo dello spettro autistico (ASD) è una condizione del neurosviluppo che colpisce principalmente la comunicazione e l’interazione sociale di coloro che ne soffrono. E quando diciamo comunicazione, ci riferiamo a molto più della parola, poiché lo scambio tra le persone si stabilisce in modi diversi. Per questo oggi vogliamo proporvi 3 consigli per migliorare la comunicazione nei bambini con ASD.

Questa capacità può essere migliorata attraverso diverse strategie, ma dobbiamo prima comprendere la complessità implicata nel suo sviluppo e ciascuna delle sue dimensioni. Solo così potremo aprirci a sperimentare nuove modalità di interazione e non attenerci solo al tradizionale e al conosciuto. Siete pronti? Cominciamo!

Cos’è il disturbo dello spettro autistico (ASD)?

Tutte le persone con ASD sono diverse, dal momento che non ci sono individui identici nel mondo. Tuttavia, presentano alcune caratteristiche comuni che si manifestano in gradi diversi, ma che di solito suggeriscono fortemente questa condizione. Tra questi ci sono i seguenti:

  • Difficoltà di comunicazione;
  • Problemi nell’interazione con altre persone;
  • Interessi particolari e ristretti;
  • Comportamenti ripetitivi o stereotipati;
  • Impossibilità di anticipare le intenzioni o le motivazioni degli altri.

A seconda del tenore con cui si manifestano queste caratteristiche, sarà il livello di complessità dell’ASD di quella persona. Tuttavia, in misura maggiore o minore, è comune riscontrare qualche alterazione o deficit nell’area sociale, comunicativa e comportamentale.

Per migliorare la comunicazione nei bambini con ASD, è importante arrivare alla diagnosi il prima possibile. Ebbene, il cervello dei neonati è molto permeabile ai cambiamenti nei primi 5 anni di vita e gli interventi che vengono effettuati in quella fase possono modificare il decorso di questa condizione.

Madre con la figlia con autismo che effettuano uno dei programmi di intervento.
Le difficoltà nell’interazione sociale e nella comunicazione sono due delle principali caratteristiche del disturbo dello spettro autistico.

La comunicazione nei bambini con ASD: linee guida

Nella nostra quotidianità la comunicazione è di enorme importanza, poiché è ciò che ci permette di scambiare idee e sensazioni con gli altri e di muoverci nella società in cui viviamo. Attraverso il linguaggio esprimiamo i nostri bisogni, i nostri desideri e stabiliamo anche i nostri limiti.

Per le persone affette da ASD, la comunicazione può diventare una sfida enorme. E questo non si limita ad un ristretto repertorio di parole, ma ad una difficoltà a stabilire lo scambio a cui siamo abituati. Pertanto, dobbiamo imparare nuovi modi per comunicare con i bambini con ASD e promuoverlo al resto della società.

Alcune delle strategie utili che possono essere messe in pratica sono le seguenti.

Comportamento modello

Si tratta di mostrare ripetutamente al bambino quale comportamento ci si aspetta da lui. Questo viene eseguito in sequenza per ridurre la complessità e renderlo più facile da seguire e imitare.

Ad esempio, se vogliamo che il bambino impari a vestirsi da solo, dobbiamo mostrargli che il braccio è posizionato all’interno della manica e poi incoraggiarlo a provarci da solo. Questo favorisce l’apprendimento per imitazione, ma è necessario sapere chiaramente cosa si vuole insegnare.

Usare il rinforzo dell’immagine nella comunicazione con i bambini ASD 

La capacità di comprendere le parole può essere influenzata, così come la capacità di mantenere un comando o evocare un’idea. Per questo è utile utilizzare immagini, fotografie o oggetti di uso quotidiano in modo che il bambino li associ a una specifica richiesta.

Un esempio di questo è incoraggiarlo a indicare l’immagine del water quando vuole andare in bagno.

Evitare l’uso di metafore e frasi con doppio significato

Il linguaggio indiretto è più difficile da capire del linguaggio diretto. Questo è strettamente correlato alla capacità di “leggere la mente delle persone” e comprendere aspetti che vanno oltre il significato delle parole.

I bambini con ASD mancano di questa capacità e quindi è meglio parlare con loro in modo semplice e concreto.

Non si tratta solo di insegnare segni e regole, ma di promuovere l’interazione e scommettere sulla comunicazione in modi alternativi. Cioè, per rafforzare il valore dello scambio sociale che consente la comunicazione.

Altri consigli per migliorare la comunicazione nei bambini con ASD

Oltre alle linee guida citate, possono essere implementate altre strategie, utili in qualsiasi area in cui si sviluppa il bambino con ASD:

  • Stimolare la comunicazione: evitare di interpretare o “anticipare” le loro richieste e lasciare che sviluppino l’idea nel miglior modo possibile;
  • Quando si parla o si danno istruzioni, usare il vocabolario quotidiano per quel minore;
  • Parlare in modo chiaro, semplice e lento;
  • Optare per un linguaggio positivo per reindirizzare il comportamento inappropriato al comportamento appropriato. Ad esempio, “saltiamo qui” invece di “non saltare sul divano”;
  • Rafforzare il comportamento desiderato, riconoscere i risultati. Non è necessario ricorrere a oggetti materiali, ma offrire al piccolo qualcosa di interessante (come un gesto, una passeggiata, un momento condiviso) affinché stabilisca una relazione causale tra il rispondere alla nostra richiesta e il ricevere ciò che vuole;
  • Promuovere ambienti ordinati, prevedibili, con un basso carico di stimoli.

Vale la pena notare che l’obiettivo non dovrebbe essere “ridurre” o “adattare” il bambino con ASD al linguaggio, ma tutto il contrario: adattare il linguaggio a ciascun bambino e renderlo funzionale alle sue abilità e capacità.

comunicazione nei bambini con ASD
I pittogrammi e altri elementi che supportano la comunicazione non verbale sono strumenti molto utili nella formazione alla comunicazione dei bambini con ASD.

Ogni persona è un mondo

Ognuno ha la propria unicità e questo ci rende speciali. Pertanto, non possiamo generalizzare a tutti i bambini con ASD o fornire soluzioni magiche e universali. Quello che dobbiamo fare è conoscere e capire il bambino che abbiamo di fronte ed entrare nel suo mondo per essere parte delle sue attività.

Per comunicare con gli altri, dobbiamo capire i loro bisogni, le loro capacità e anche i loro interessi.

Come notato sopra, l’ASD si manifesta in molteplici modi e questo ci porta a cercare linee guida che si adattino alle possibilità di ogni individuo.

Infine, non dobbiamo dimenticare che i genitori, le famiglie e le istituzioni educative devono essere partecipi affinché tutti possiamo contenere e guidare i processi di apprendimento di questi bambini.

Potrebbe interessarti ...
Atypical: una bellissima serie TV che parla di autismo
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Atypical: una bellissima serie TV che parla di autismo

Se state cercando una serie TV che parli realisticamente dei disturbi dello spettro autistico, Atypical è la serie che fa per voi.



  • Cornelio-Nieto, J. O. (2009). Autismo infantil y neuronas en espejo. Revista de neurología48(2), 27-29.
  • En el TEACCH Center, P. (2007). Principios y estrategias de intervención educativa en comunicación para personas con autismo: TEACCH. Revista de Logopedia, foniatría y audiología27(4), 173-186.
  • Gómez, J. L. C., & García, V. A. (2012). Tecnologías de la información y la comunicación: aplicaciones en el ámbito de los trastornos del espectro del autismo. Siglo Cero: Revista Española sobre Discapacidad Intelectual43(242), 6-25.
  • Mora, C. E., & Fortea, I. B. (2012). Comunicación, atención conjunta e imitación en el trastorno del espectro autista. International Journal of Developmental and Educational Psychology3(1), 49-57.