L'errore di aiutare i bambini quando non ne hanno bisogno

Aiutare tuo figlio quando non ne ha bisogno non gli semplifica la vita. Al contrario, ti priva di preziose opportunità di apprendimento. Vi diciamo i pericoli di questa tendenza.
L'errore di aiutare i bambini quando non ne hanno bisogno

Ultimo aggiornamento: 10 ottobre, 2022

In generale, le ultime generazioni di genitori sono più consapevoli e sensibili alla genitorialità. Cercano di offrire un’istruzione di qualità e di creare un clima emotivo positivo per i loro figli man mano che crescono. Tuttavia, a volte questo viene confuso con permissività, mancanza di limiti e iperprotezione, che provoca gravi conseguenze. Perché questo non accada a casa vostra, vogliamo parlarvi dell’errore di aiutare i bambini quando non ne hanno bisogno.

Potreste aver visto video, letto articoli o ascoltato conferenze sugli stili genitoriali che incoraggiano l’autonomia. In questi, i bambini di appena due anni si vestono da soli, mangiano da soli, si lavano i denti e persino collaborano alle faccende domestiche. Per alcuni genitori ciò provoca ammirazione e sorpresa, mentre per altri suscita pietà nei confronti del bambino. Perché affidargli così tante responsabilità così presto?

Tuttavia, molti genitori cercano di rendere la vita il più facile possibile ai loro piccoli. Quindi, capiscono che li stanno liberando da compiti pesanti e permettendo loro di godersi di più la loro infanzia. Tuttavia, questo può essere un grave errore.

La tendenza ad aiutare i bambini quando non ne hanno bisogno

Sappiamo che la tendenza ad aiutare i bambini quando non hanno bisogno ha solo buone intenzioni. Questi genitori intendono solo dimostrare il loro amore per i loro figli attraverso questi atti. Inoltre, mirano ad alleggerire i loro fardelli quotidiani e farli sentire amati e supportati.

Tuttavia, è essenziale ricordare che la genitorialità deve essere una preparazione alla vita. Questo è un periodo in cui i bambini possono imparare, in un ambiente sicuro, di cosa avranno bisogno per essere persone funzionali e indipendenti. A questo proposito, se facciamo di tutto per loro, li priviamo di queste opportunità. Così, quando dovranno affrontare il mondo, non avranno gli strumenti per farlo. Tutti gli aiuti non necessari impoveriscono il destinatario. Pertanto, vi diciamo perché dovremmo lasciarli scartare da soli quando possibile.

Ai piccoli piace sentirsi produttivi e contribuire alla vita familiare. Pertanto, è una buona opzione dare loro alcuni compiti leggeri o lasciarli partecipare quando mostrano interesse nel farlo.

Vogliono sentirsi utili

Fin dalla tenera età, i bambini mostrano interesse a fare le cose per se stessi, come versare l’acqua, aiutarci a cucinare o mettere le mollette sullo stendibiancheria. A loro piace sentirsi utili, produttivi e indipendenti e si divertono a partecipare a queste attività quotidiane come parte di una squadra.

Quando gli adulti fanno tutto per loro, questi momenti scompaiono. Così i piccoli diventano una specie di principi o principesse e i genitori, i loro lacchè. In questo modo i ragazzi perdono l’opportunità di sentire che contribuiscono alla vita familiare, che i loro compiti sono necessari, apprezzati e riconosciuti. Non raggiungendo traguardi quotidiani, si limitano ad avere un ruolo passivo.

Hanno bisogno di esercitarsi

Avere fiducia in se stessi e nelle proprie capacità e capacità è fondamentale per affrontare la vita. Tuttavia, per sviluppare questa fiducia, i bambini devono esercitarsi, commettere errori e imparare da loro in un ambiente sicuro come casa. Facendo di tutto per tuo figlio lo priverai di quell’opportunità di migliorare e costruire la sua autostima.

Un bambino a cui sono state poste sfide, a cui è stato permesso di commettere errori ed è stato incoraggiato a continuare, sarà meglio preparato ad affrontare nuove sfide da solo. D’altra parte, il ragazzo che non ha mai avuto la necessità di passare attraverso questo processo non avrà gli strumenti necessari quando avrà bisogno di farlo.

Devono fidarsi di se stessi

aiutare i bambini quando non hanno bisogno
I bambini devono imparare a fidarsi di se stessi, che si costruisce sulla base dei propri risultati. Se gli adulti rendono loro tutto facile, li fanno sentire deboli e dipendenti.

Uno dei doni più preziosi che i genitori possono fare ai propri figli è aiutarli a costruire la fiducia in se stessi, poiché questa sarà la chiave che consentirà loro di andare avanti e adattarsi in qualsiasi ambiente e contesto. Ma questa fiducia non si basa su lodi vane, ma su reali conquiste. Il bambino deve vedere che può farlo e dimostrarlo a se stesso per acquisire fiducia.

Per questo aiutare i bambini quando non ne hanno bisogno dà loro l’idea che non ci fidiamo di loro. In questo modo trasmettiamo loro l’idea che li consideriamo deboli e incapaci, e loro ci credono. Così, possono trasformarti in persone dipendenti che hanno bisogno di noi per tutto e non osano provarci da sole.

Devono imparare a tollerare la frustrazione

Infine, facendo le cose per se stessi, i bambini imparano non solo quella particolare abilità, ma anche il valore dello sforzo e la capacità di tollerare la frustrazione. Se i loro genitori sono sempre presenti per risolvere i loro problemi e bisogni, non esercitano questa capacità. Di conseguenza, in seguito potrebbero sentirsi frustrati troppo facilmente, tendere a arrendersi e non perseverare. Inoltre, è probabile che si sentano estremamente a disagio quando gli viene negato o quando qualcosa non va come previsto.

Aiutare i bambini quando non ne hanno bisogno ostacola il loro sviluppo

Insomma, anche se vogliamo rendere la vita più facile ai bambini, è importante ricordare che non saremo sempre al loro fianco, quindi devono sapersi gestire da soli. Il compito dei genitori è facilitare queste opportunità di apprendimento assegnando responsabilità e sfide in base all’età e alle capacità del bambino. Il tuo compito è modellare le abilità, accompagnarli nelle battute d’arresto e incoraggiarli a riprovare.

Un bambino che impara fin dalla tenera età ad essere autonomo, ad avere fiducia in se stesso e ad affrontare le sfide, avrà molto più successo e sarà felice nelle fasi successive. Sovraproteggere è ostacolare lo sviluppo e condannare i più piccoli ad avere sempre bisogno di aiuto. Pertanto, per quanto possibile, dobbiamo incoraggiare la loro indipendenza.

Potrebbe interessarti ...
6 problemi psicologici causati da errori nella genitorialità
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
6 problemi psicologici causati da errori nella genitorialità

Scoprite gli errori genitoriali che alcuni genitori fanno e che possono portare a problemi psicologici nei bambini.



  • Kamii, C., & López, P. (1982). La autonomía como objetivo de la educación: implicaciones de la teoría de Piaget. Infancia y aprendizaje5(18), 3-32.
  • Ramos, J. L., Arranz, P., Hernández-Navarro, F., Ulla, S., & Bitencourt, E. R. (2003). La sobreprotección como un factor de riesgo en la reducción de la autoestima en niños con hemofilia. Psiquis: Revista de psiquiatría, psicología médica y psicosomática24(4), 37-42.