La teoria dei centri di interesse di Decroly

22 Ottobre 2019
Quando impariamo qualcosa, è importante che ciò che ci insegnano sia di nostro interesse. In questo articolo, parleremo della teoria dei centri di interesse sviluppata da Ovide Decroly.

Nato in Belgio, nel 1871, Ovide Decroly è stato un importante pedagogista, neurologo e psicologo. La teoria dei centri di interesse di Decroly fa parte della sua proposta pedagogica e nasce come risposta alla necessità di un’educazione che valorizzi gli interessi dei bambini e che sia organizzata in base a loro.

La pedagogia di Decroly

Lo sviluppo pedagogico educativo di Decroly nasce nell’ambito del movimento “New School”. Questo inizia alla fine del XIX secolo e riunisce una serie di principi volti a rinnovare le precedenti forme di educazione tradizionale.

Come alcuni dei principi di base del nuovo movimento scolastico, la teoria dei centri di interesse di Decroly si basa sul rispetto per il bambino e la sua personalità. Pertanto, sostiene che l’obiettivo dell’educazione è preparare i bambini a vivere in libertà.

Decroly solleva la necessità di una base scientifica nell’intervento educativo. Pertanto, i suoi contributi si basano su discipline legate all’infanzia e alla società, come la psicologia o la biologia. Sono queste le scienze che aiutano a sviluppare la sua particolare metodologia basata sui “centri di interesse significativo per i bambini”.

Psicologia Decroly

La teoria dei centri di interesse di Decroly

Decroly sostiene che i centri di interesse sono il motore fondamentale dell’educazione e che devono essere stimolati per soddisfare le esigenze della fase dell’infanzia. Cioè, bisogna conoscere e rispettare i bisogni dei bambini e sapere quali sono i loro interessi, per attirare la loro attenzione e il desiderio di conoscere e imparare.

Per Decroly, i bisogni naturali fondamentali sono quattro e i centri di interesse dovrebbero essere raggruppati intorno ad essi. Decroly parla delle esigenze di:

  • Nutrirsi.
  • Ripararsi dal freddo e dalle intemperie.
  • Difendersi dai pericoli e dai nemici.
  • Agire e lavorare in solidarietà, reinventarsi e migliorarsi.

Oltre a questi principali bisogni naturali, Decroly menziona anche la necessità della luce, del riposo e dell’aiuto reciproco.

I centri di interesse consistono il motivo per cui ciò che Decroly chiama “azione globalizzante” o “principio di globalizzazione” viene messo in gioco. Ciò costituisce una procedura didattica che si applica anche all’insegnamento dell’alfabetizzazione.

Di conseguenza, il principio della globalizzazione si basa sulla considerazione che il bambino percepisce la realtà circostante nel suo insieme. Una volta riconosciuto questo principio, sapere cos’è ciò che attira la sua attenzione e ciò che stimola la sua conoscenza diventa fondamentale. Inoltre, bisogna avere un’idea delle sue conoscenze precedenti.

Pertanto, affinché un’azione di globalizzazione possa agire, deve esserci un interesse e questo interesse non sorge se non è necessario. In questo modo, gli stimoli ambientali diventano importanti per i bambini e si ottiene un apprendimento significativo che contribuisce al loro sviluppo fisico, psicologico e sociale.

Organizzazione dei centri di interesse: il trittico decrolyano

In primo luogo, Decroly suggerisce che, affinché i centri di interesse funzionino correttamente, le classi devono essere relativamente omogenee. Cioè, i bambini che le compongono devono avere ritmi di apprendimento simili, la stessa età e lo stesso livello di sviluppo. Secondo Decroly, le classi non devono superare i 30 bambini.

Teoria dei centri di interesse di Ovide Decroly

Inoltre, i centri di interesse devono seguire fasi diverse o essere organizzati in base a tre tipi di esercizi che rispondono al nome di “trittico decrolyano”. Le 3 fasi del “trittico decrolyano” sono:

  • Osservazione. Questa fase è essenziale per risvegliare i sensi e mettere i bambini in contatto con oggetti, esseri o eventi. È il punto di partenza delle attività intellettuali basate sulla conoscenza dell’ambiente che li circonda.
  • Associazione. Si tratta del processo di associazione e coordinamento delle idee. Le dimensioni spaziali e temporali, come le relazioni di causa ed effetto, devono essere correlate. In questa fase, i bambini imparano a fare confronti, classificazioni e stabilire somiglianze e differenze.
  • Espressione. Per comunicare ciò che è stato appreso, conoscenza. Si fa riferimento a due tipi di espressioni, il concreto e l’astratto. Il primo riguarda lavori manuali e disegni, persino musica. E il secondo riguarda la traduzione del pensiero attraverso simboli e codici (lettere, numeri, segni, ecc.).

L’importanza dei centri di interesse di Decroly per la pedagogia moderna

Che l’apprendimento sia organizzato in base agli interessi dei bambini e che questo sia un prodotto dei loro bisogni è essenziale. Non solo, ma deve considerare anche le precedenti conoscenze dei bambini. È forse questo il maggiore contributo che Decroly ha apportato alla pedagogia moderna.

I centri di interesse di Decroly concentrano l’insegnamento intorno ad argomenti che sono stimolanti per gli studenti e che rispondono alle loro esigenze di base. Fanno leva sui bisogni come riposo e divertimento, o legati al loro ambiente, come la famiglia o l’ambiente. Inoltre, sono organizzati in unità di lavoro che articolano tutto l’apprendimento che il bambino deve svolgere attorno a un nucleo operativo globale. Senza la necessità di frammentare, quindi, i contenuti in soggetti e oggetti.

La teoria dei centri di interesse di Decroly mette in primo piano il carattere, l’individualità, la personalità dei bambini, per cui la conoscenza e il contatto con il loro ambiente è essenziale affinché l’insegnamento sia efficace.

  • Dubreucq-Choprix, F., & Fortuny, M. (1988). La escuela Decroly de Bruselas. Cuadernos de Pedagogía163, 13-18. Recuperado de https://www.ugr.es/~fjjrios/pce/media/7-LaEscuelaDECROLY.pdf
  • Gervilla Castillo,  A. (2006): Didáctica básica de la educación infantil: conocer y comprender a los más pequeños.  Editorial Narcea. Madrid.