Strategie per la gestione assertiva dei conflitti

In questo articolo parliamo di come risolvere e gestire i conflitti in modo assertivo e costruttivo.
Strategie per la gestione assertiva dei conflitti

Ultimo aggiornamento: 08 aprile, 2021

Gestire i conflitti in modo assertivo e costruttivo è il modo più appropriato e maturo di agire. Tuttavia, non è un compito facile. In generale, di fronte a un conflitto, tendiamo ad agire in due modi: reprimendo i nostri sentimenti o agendo con aggressività e irritazione. Nessuna di queste due risposte è produttiva. Per questo motivo, dobbiamo cercare delle strategie per la gestione assertiva dei conflitti da insegnare ai nostri figli.

La gestione assertiva dei conflitti

I conflitti sotto forma di controversie, litigi, discussioni, cattivo ambiente, ecc. sono situazioni molto comuni, sia nei bambini che negli adolescenti e negli adulti. Queste situazioni sono una parte inevitabile del processo di crescita e sviluppo dell’essere umano.

Tuttavia, spesso i conflitti vengono visti come qualcosa di negativo. Al contrario, se adeguatamente canalizzati, possono diventare un’esperienza produttiva e di apprendimento.

Il problema è che i bambini e gli adolescenti spesso non hanno gli strumenti necessari per gestire le situazioni di conflitto con calma e obiettività. Pertanto, è importante che la scuola e principalmente la famiglia insegnino come affrontare e gestire i conflitti con assertività.

Assumere un atteggiamento flessibile e collaborativo è il primo passo per raggiungere un accordo. D’altra parte, va ricercato un punto comune, un obiettivo condiviso da cui cercare una soluzione soddisfacente per le parti coinvolte.

Madre che parla con sua figlia per insegnarle la gestione assertiva dei conflitti.

A tal fine, devono essere messe in atto alcune capacità di comunicazione come: ascolto attivo, empatia, assertività… D’altra parte, ci sono anche le emozioni e i sentimenti, che giocano un ruolo molto importante nella risoluzione dei conflitti. Ecco perché dobbiamo insegnare ai bambini fin dalla tenera età a riconoscere, verbalizzare e gestire le proprie emozioni.

“I conflitti avvengono perché abbiamo delle convinzioni diverse al vertice, mentre tutti condividiamo le convinzioni di base”.
~ Eduard Punset ~

Strategie per una gestione assertiva dei conflitti

Di seguito, proponiamo diverse strategie che vi aiuteranno a insegnare la gestione assertiva dei conflitti, sia a scuola che a casa. Sono valide sia per i bambini che per gli adolescenti.

Le sessioni di ascolto attivo

Le parti coinvolte nel conflitto si incontreranno in uno spazio tranquillo e in un momento della giornata rilassato, quando nessuno ha fretta. Successivamente, le parti avranno a disposizione 3 periodi di 5 minuti ciascuno in cui alterneranno la loro visione del problema. L’esposizione dovrà rispettare le seguenti regole:

Chi parla:

  • Descrivere la propria visione del problema in modo chiaro e specifico.
  • Esprimere i propri sentimenti e le proprie emozioni.
  • Non accusare né aggredire l’altra parte; né rimproverarla.
  • Essere grati per l’attenzione dell’altro.

Chi ascolta:

  • Concentrarsi su chi parla.
  • Essere pazienti e ascoltare i dettagli e le spiegazioni dell’altro.
  • Non distrarsi mentre l’altro parla; mostrare interesse attraverso il linguaggio non verbale.
  • Chiedere dei chiarimenti con piccole domande se qualcosa non è stato chiaro.

Questo esercizio può essere esteso e accorciato nei momenti in cui si ottengono livelli di ascolto più elevati. Pensiamo che ascoltare sia facile, ma a volte interrompiamo il nostro interlocutore prima del tempo.

Esprimere le emozioni per la gestione assertiva dei conflitti

Si tratta di pensare a ciò che proviamo riguardo al conflitto, di dare parole alle nostre emozioni. Ciascuna delle parti dirà 3 emozioni che definiscono come si sente riguardo al problema. Possiamo annotarle e spiegarle usando le seguenti frasi:

“Mi sento ……. (Emozione) quando tu …… .. (fatti)”.
“Capisco che tu provi… .. (emozione) ……., Ma io provo (emozione)”.

I conflitti generano emozioni che, in molte occasioni, sono un ostacolo alla risoluzione positiva.

Chiedere dei cambiamenti

Con questo esercizio impariamo a esprimere le nostre richieste in modo corretto e rispettoso. Bisogna completare la seguente frase: “Quando tu … (fatti), io credo … (fatti) e provo … (emozioni). Pertanto, vorrei… (richiesta) ”.

Madre che parla con sua figlia sulla gestione assertiva dei conflitti.

Lo scambio di ruoli tra le parti in conflitto

L’obiettivo di cambiare i ruoli è creare un po’ di empatia. L’empatia consiste nel cercare di mettersi nei panni dell’altro e comprenderne le motivazioni. Serve a dimostrare che ci prendiamo cura del disagio che l’altra persona sta provando. Pertanto, ognuno agirà come se fosse l’altro e dovranno spiegare perché la pensano in un determinato modo.

Trovare una soluzione

Dopo aver ascoltato attivamente ed empatizzato con il punto di vista dell’altra parte, ognuno esprimerà tutte le soluzioni a cui può pensare per risolvere il problema. Tutto sarà valido. La creatività e l’immaginazione sono più importanti della qualità delle soluzioni. L’obiettivo è dirne il maggior numero possibile.

Una volta messe insieme, ne verranno scelte una o due e dovremo stabilire cosa ci serve per applicarle. Pensiamo alla situazione attuale e ai passi che ciascuna delle parti deve compiere per arrivare alla soluzione del problema e raggiungere la situazione ideale.

Contratto personale

Infine, le parti in conflitto si impegneranno per iscritto a compiere quelle azioni volte a trasformare positivamente e costruttivamente il problema.

Una volta risolto il conflitto e impegnati a cambiare, è bene fare una piccola riflessione che servirà da apprendimento per i bambini. Per fare ciò, possiamo porre loro domande come:

“In che modo il problema che avevi ti ha fatto crescere come persona?”
“Quali lezioni hai imparato su te stesso, sull’altro e sul rapporto fra di voi?”

Potrebbe interessarti ...
Consigli Montessori per bambini collaborativi
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Consigli Montessori per bambini collaborativi

Contribuire ai lavori domestici, aiuta il bambino a sviluppare rispetto per il proprio ambiente. Ecco come pianificare l'aiuto con i consigli Monte...