Conoscere meglio mio figlio: cosa posso fare?

A volte pensiamo di conoscere bene i nostri figli ma a volte ci sorprendono con comportamenti inimmaginabili. Se volete conoscere meglio vostro figlio, ecco alcuni consigli.
Conoscere meglio mio figlio: cosa posso fare?

Scritto da Equipo Editorial

Ultimo aggiornamento: 09 dicembre, 2022

Anche se può sembrare strano, sono molti i genitori che ogni giorno si chiedono: come posso conoscere meglio mio figlio? E in genere pensiamo che, per il semplice fatto di essere i loro genitori, sappiamo tutto sui nostri figli.

Tuttavia, molte volte, ci sorprendono con atteggiamenti che nemmeno immaginavamo. È allora che li sentiamo estranei e in noi nasce il bisogno di cambiare questa situazione.

Cosa significa conoscere meglio mio figlio?

Non è una questione di orgoglio, che ci porta a fare in modo di conoscerli bene, ma l’opportunità di individuare i loro bisogni e di poterli aiutare. È importante affinché nulla ci colga di sorpresa e quindi sia in grado di guidarli nel modo corretto. Ad esempio, nelle attività che svolgi o sui tuoi desideri per il futuro.

Molte volte i risultati scolastici vengono confusi con le capacità dei ragazzi e con i loro gusti. Questo ci porta a ritenere erroneamente che certe caratteristiche facciano parte della sua personalità. Quando, in realtà, ci stiamo lasciando guidare da aspetti errati e superficiali.

In questo senso, la vita dei piccoli è solitamente gestita in base all’ideale dei genitori. È questo che motiva il rendimento scolastico del bambino, e sulla base di ciò spesso vengono decise le attività extrascolastiche. Qualcosa che spesso induce a far fare al bambino un’attività che non rientra tra i suoi gusti.

Ci sono però molte cose che si possono fare per conoscere meglio i propri figli, la prima cosa è essere consapevoli che sono persone indipendenti e magari molto diverse da voi. In questo caso, potremmo rifiutarci di vedere cosa sono veramente, ma questo ci porta solo a perdere un’occasione per conoscerli meglio.

Voglio conoscere meglio mio figlio, cosa posso fare?

dd4d641cb955264bd10e348f23c42a8e

L’importante è avere la determinazione di conoscerlo oggettivamente, sapendo che ciò che scopriamo potrebbe non essere del tutto di nostro gradimento.

A tal proposito è necessario riflettere sul fatto che se fino ad ora non lo sapevamo ed era tutto normale, è probabile che il rispetto che ha per voi e la disciplina adeguata manterranno le cose in equilibrio.

Se scopri che tuo figlio è molto diverso da quello che immaginavi, è perché ha saputo tenerlo segreto o sei stato troppo cieco per vederlo. Per questo motivo, la comunicazione deve essere curata, perché è molto probabile che presenti delle falle. Inoltre, è importante dare loro il valore che meritano, essere ragionevoli e riconoscere che la loro opinione e i loro sentimenti valgono molto.

Consigli per conoscere meglio i nostri figli:

  • Siate obiettivi. Guardate la realtà così com’è e non come vorreste che fosse. Fermatevi ad osservare con attenzione e senza pregiudizi.
  • Riconoscete che sono umani e che quindi hanno virtù e difetti. Sono nostri figli ma questo non li rende perfetti.
  • Interessatevi ai loro hobby, approfondire la nostra conoscenza di loro, che siano di nostro gradimento o meno. La guida con amici e insegnanti può essere utile.

Domande e risposte

  • Ponete domande amichevoli. Evitare di cadere nella predica e prendere coscienza che non siamo padroni della verità. Migliorare la comunicazione con loro e informarsi sui loro gusti, opinioni e intenzioni, ci permette di guidarli nel modo più appropriato.
  • Giocate con loro. Attraverso il gioco si possono ottenere molte cose. Ci permette di connetterci, creare fiducia e vederli in un contesto diverso. Condividere alcuni momenti alla pari ci permette di riconoscere i loro valori, il loro atteggiamento nei confronti della concorrenza e degli altri.
fb99bc8ae7f144a53502d95c110d3e4a
  • Lasciate che si prenda dei rischi, anche se è sotto la vostra supervisione. Questo vi permetterà di vedere fino a che punto osa spingersi, se ha paura o non è interessato e anche se può fidarsi di voi. Se ha torto, è tempo di creare uno spazio per sostenerlo e correggere ciò che è necessario.
  • Dategli responsabilità, a secondo la sua età. In questo modo potrai vedere se è in grado di seguire le istruzioni, di essere puntuale, di rispettare e obbedire.

Riconoscere i periodi sensibili, gli istinti guida e il temperamento dei nostri figli

È vero che tutti i bambini sono diversi e, ovviamente, lo sono anche i nostri figli. Da qui l’importanza di lavorare sulla base di tre chiavi per conoscerli e svilupparne le potenzialità:

  • Periodi sensibili. Sono le fasi che corrispondono allo sviluppo durante il quale il bambino è in grado di apprendere qualcosa in modo semplice e scorrevole. Meglio se in questo periodo viene consegnato a quello che è noto come:
  • L’istinto guida. Questo facilita l’apprendimento della conoscenza innata che il bambino ha sempre posseduto. I genitori devono essere attenti a riconoscere le loro inclinazioni naturali, i loro gusti e talenti, siano essi per la musica, la pittura, la danza, o qualche particolare manualità, tra le innumerevoli opzioni o possibilità.
  • Il temperamento. Conoscere meglio il proprio figlio, come reagisce a certi stimoli, le sue risposte a richieste o lamentele, insomma il suo modo di rispondere a richiami, ordini e richieste, spiegano il suo temperamento o genialità, che spesso risponde a modelli ereditati e in parte appresi.

Questi tre elementi sono alla base di qualsiasi progetto per rendere consapevole e sistematica la conoscenza dei nostri figli.

«Un bambino impara le cose in periodi sensibili (…) Questa sensibilità permette al bambino di entrare in contatto con il mondo esterno in modo eccezionalmente intenso. E poi per lui è tutto facile, tutto è entusiasmo e vita».

– Juan José Morales Ruiz, PhD in Scienze dell’Informazione presso l’Università Autonoma di Barcellona –

Conoscere meglio mio figlio: cosa gli interessa?

Insomma, conoscere meglio i nostri figli è una questione di attitudine e interesse. È necessario aprire la nostra mente ed essere disposti a scoprire, accettare e accogliere i nostri piccoli così come sono. Solo allora possiamo guidarli durante la loro crescita.

Potrebbe interessarti ...
Crescere un figlio da sola: un’esperienza dura ma meravigliosa
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Crescere un figlio da sola: un’esperienza dura ma meravigliosa

Crescere un figlio da sola è un'esperienza singolare ed è piuttosto complessa, ma può diventare la miglior cosa della nostra vita.




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.