Differenze tra le pedagogie Montessori e Waldorf

Avrete sentito sicuramente parlare degli approcci educativi Montessori e Waldorf, ma conoscete le differenze tra i due? Ve ne parliamo in questo articolo.
Differenze tra le pedagogie Montessori e Waldorf

Ultimo aggiornamento: 02 settembre, 2021

La pedagogia tradizionale ha iniziato a diventare obsoleta e molti genitori e professionisti la evitano. Alcuni stili alternativi, come Montessori e Waldorf, sono stati visti portare molto di più agli studenti rispetto a quelli convenzionali. Inoltre, consentono loro di raggiungere uno sviluppo equilibrato in base alle loro esigenze.

Per questo motivo, spiegheremo le differenze tra questi due stili pedagogici non convenzionali.

Cosa sono le pedagogie Montessori e Waldorf?

Sono due stili pedagogici nati all’inizio del XX secolo, ma che oggi hanno guadagnato popolarità. Il loro pilastro fondamentale è educare i bambini alla libertà. In questo modo si ottiene uno sviluppo positivo di tutte le capacità intellettuali, fisiche e spirituali del bambino.

Oggi molti adulti simpatizzano con questi principi e li mettono in pratica con i loro piccoli, sia nella genitorialità a casa che nell’educazione. 

Bambino che gioca con uno dei giochi Montessori.

Principali differenze tra le pedagogie Montessori e Waldorf

Sebbene abbiano molte cose in comune, ogni pedagogia ha il suo modo di raggiungere l’obiettivo. La prima differenza è l’ideologia del suo creatore.

Il metodo Waldorf

È stato sviluppato da Rudolf Steiner, filosofo, educatore, artista, drammaturgo e pensatore. Inoltre, è stato il creatore dell’antroposofia, una scienza che tenta di sviluppare una comprensione globale dell’uomo e del mondo.

Nella sua metodologia, l’arte è la protagonista principale. Attraverso questo mezzo espressivo il minore apprende in libertà. L’adulto presenta i compiti pratici e artistici, ma è il bambino che deve scoprire il proprio apprendimento e al proprio ritmo.

Il metodo Montessori

Questo stile è stato sviluppato da Maria Montessori, educatrice e medico. In esso, lo sviluppo dei bambini è promosso attraverso la loro stessa scoperta dell’ambiente. Con la guida dell’adulto (che guida, ma non interferisce), i bambini esplorano gli elementi dell’ambiente e costruiscono il loro apprendimento.

In questo modo viene loro offerta la libertà assoluta di seguire l’istinto della curiosità, e di accrescere l’autonomia e l’autostima. Questa sarà raggiunto attraverso l’esplorazione, il gioco e la pratica, all’interno di uno spazio appositamente preparato.

Somiglianze di entrambe le pedagogie

Vi abbiamo parlato delle differenze tra i due metodi, ma vale la pena parlare anche delle somiglianze, poiché i loro obiettivi educativi sono simili.

In entrambe le pedagogie i metodi sono suddivisi in fasi, tenendo conto dell’età evolutiva di ciascun bambino.

  • Nel metodo Montessori ci sono 4 periodi evolutivi, che vanno dall’infanzia all’età adulta, e sono conosciuti come piani di sviluppo. Il primo va da 0 a 6 anni, il secondo da 6 a 12 anni, il terzo da 12 a 18 anni e il quarto da 18 a 24 anni.
  • Nel metodo Waldorf, invece, ci sono solo 3 fasi di sviluppo. Prima infanzia, da 0 a 6 anni; l’istruzione primaria, dai 6 ai 12 anni, e l’istruzione secondaria, dai 12 anni in poi.

Bambini da 0 a 6 anni

Nel primo periodo di istruzione, i bambini imparano per imitazione. Per questo motivo, le attività pratiche sono le più importanti. Sono incoraggiati il gioco di fantasia e l’uso di strumenti realizzati in casa o in comunità, creati con materiali naturali.

Un’altra somiglianza è che in entrambi i casi il lavoro in classe è combinato con attività all’aperto. Per il metodo Waldorf è importante anche lavorare sulla mitologia, sull’arte e sull’arte in movimento.

Bambini dai 6 ai 12 anni

Nel secondo periodo si introduce la lettura e la scrittura attraverso il gioco, utilizzando materiali didattici appositamente studiati per questo scopo. Nel metodo Waldorf, questo apprendimento è combinato con il lavoro artistico manuale e musicale.

Bambini da 12 anni

Per quanto riguarda l’istruzione secondaria nella terza fase del metodo Montessori, il focus dell’apprendimento è su materie accademiche come l’astronomia, la matematica e la fisica. Nel metodo Waldorf, anche l’apprendimento delle lingue è importante.

Insegnante con i suoi studenti impartendo l'educazione di María Montessori nel suo 150° anniversario.

Vantaggi delle pedagogie Montessori e Waldorf

Il vantaggio delle pedagogie alternative, come gli stili Montessori e Waldorf, è che consentono al bambino di apprendere e migliorare la propria autonomia. D’altra parte, rispettano lo sviluppo maturativo individuale e incoraggiano ogni bambino a sviluppare il suo pieno potenziale.

Sebbene ci siano differenze tra i due metodi, entrambi sono buone opzioni per rompere gli schemi dell’istruzione tradizionale. Se vi sono piaciuti, provate ad applicarlo con i vostri figli e scopritene gli effetti concreti.

Potrebbe interessarti ...
Pedagogia critica: in cosa consiste?
Siamo MammeLeggi in Siamo Mamme
Pedagogia critica: in cosa consiste?

La pedagogia critica cerca di mantenere una relazione costante tra teoria e pratica per raggiungere e sviluppare un pensiero critico negli studenti...



  • Groth, C. (2001) Montessori y Waldorf: ideas básicas y los roles de los educadores y el niño en su pedagogía. Editorial: GRIN