Giochi per bambini da 3 a 5 anni

· 9 luglio 2018
Oggi vi consigliamo diversi giochi per bambini per divertirvi insieme e permettere il sano sviluppo delle capacità del piccolo.

A 3 anni i bambini apprendono nuove abilità e capacità a un ritmo incredibile. I sensi maturano e si sviluppa la creatività nella risoluzione dei problemi. Attraverso questi giochi per bambini dai 3 ai 5 anni potrete stimolare lo sviluppo di queste capacità mentre i bambini si divertono.

L’infanzia è una tappa di crescita costante. Soprattutto quando passati i 3 anni il bambino comincia a relazionarsi più apertamente con il mondo circostante. Di conseguenza, assorbe nuove conoscenze, e capacità fisiche e cognitive.

Durante questa fase, il gioco è un esercizio che offre un ampio ventaglio di opportunità. Di seguito vi consigliamo diversi giochi per bambini per stimolare la loro crescita.

I migliori giochi per bambini dai 3 ai 5 anni

1. Nascondino

Non c’è bambino che non ami giocare a nascondino, un gioco antico quanto popolare. Questo è dovuto principalmente allo sviluppo della percezione del corpo nello spazio. Per loro è una sfida e un divertimento correre a scovare altri bambini.

Oltre ad essere comodo perché non richiede attrezzatura, è un gioco di gruppi che sviluppa la socialità. Il bambino dovrà decidere dove nascondersi, dove cominciare a cercare, per cui sviluppa anche la capacità di creare strategie di gioco.

Le regole sono le seguenti:

  • Uno dei partecipanti conta fino a 10 (o il numero prescelto) mentre gli altri si nascondono.
  • Con il grido di “sto arrivando” si parte a scovare gli altri bambini che dovranno nascondersi nell’area precedentemente decisa.
  • Quando il piccolo trova qualche amichetto deve toccarlo per eliminarlo. Oppure un’altra versione prevede che si corra fino alla tana, il primo che arriva si salva.

2. Simone dice

Come molti altri giochi per bambini, questa attività ha la finalità di rispettare le regole ed interpretare i desideri dell’altra persona. In un certo senso è un buon allenamento per la scuola. Inoltre, stimola il linguaggio e altre capacità che il piccolo sta apprendendo.

Si può giocare tra tre o più persone. Una sarà Simone e dovrà dare ordini (per esempio “saltare” oppure “correre come un cavallo”). Tuttavia questo sarà valido solo se preceduto dalla frase “Simone dice”.

Quando un giocatore esegue un ordine non preceduto da questa frase o al contrario, quando non lo fa al momento corretto, viene eliminato. Vince l’ultimo rimasto in gioco. Poi, si possono cambiare i ruoli.

giochi per bambini

3. Giochi di ruolo

Questo tipo di gioco anche se considerato classico non è meno efficace. Giocare ad essere maestri, dottori o poliziotti è un modo dei piccoli di comprendere il mondo che li circonda.

Inoltre, stimola l’immaginazione, li aiuta a socializzare con i loro pari e a sviluppare creatività e linguaggio.

Non solo possono impersonare professioni reali, ma anche basarsi su personaggi di film e cartoni per inventare storie divertenti. Un esempio di questo è giocare ai pirati, animali o esseri magici. Quando i piccoli utilizzano la loro immaginazione il mondo è ai loro piedi.

“A 3 anni i sensi del bambino maturano e la sua immaginazione diventa strumento di risoluzione dei problemi.”

4. Giochi di intelligenza emotiva

Durante questa tappa dell’infanzia è bene cominciare ad educare il piccolo a identificare ed esprimere le proprie emozioni. Ovviamente il miglior modo di farlo è attraverso diverse attività ludiche.

Ecco un esempio di alcuni tipi di attività da svolgere:

  • Realizzare disegni con il cartoncino ritraenti diverse emozioni: visi sorridenti, tristi, arrabbiati, sorpresi, impauriti, etc.
  • Analizzare foto e video dei loro personaggi dei cartoni preferiti e giocare ad “indovinare” l’emozione di quel momento.
  • Per rendere il gioco più divertente potete fare delle annotazioni con alcune caratteristiche dei giocatori presenti. In modo da aiutare i piccoli a concentrarsi e ad essere motivati.
giochi per bambini

E i giochi sul cellulare?

La tecnologia occupa un ruolo preponderante nella vita quotidiana. Anche i bambini non possono scampare a questa realtà. Già da piccoli imparano ad utilizzare queste apparecchiature e le loro applicazioni preferite sono, appunto, i giochi.

Il segreto non è proibirne l’uso ma controllarne il tempo e i contenuti. Così come per i video che per le applicazioni – che siano gratis oppure a pagamento – i genitori devono essere attenti a ciò che il piccolo sta apprendendo.

L’uso eccessivo di cellulari e videogiochi è comprovata causa di pericolo per il processo di maturazione, come ad esempio il ritardo nel linguaggio. Di conseguenze la prevenzione e l’incorporazione progressiva di queste tecnologie è la soluzione migliore.

Sia chiaro che le soluzioni sono molte e varie. Alcuni fattori come lo spazio e il clima possono influire nella realizzazione di alcuni giochi, ma sono tutti adattabili alla necessità del momento. Trovate del tempo e divertitevi insieme ai vostri piccoli!