Induzione al parto: tutto quello che c'è da sapere

L'induzione al parto è una pratica comune nei centri sanitari e ha lo scopo di stimolare l'inizio del processo di nascita in diversi modi. Vi spieghiamo tutto a riguardo.
Induzione al parto: tutto quello che c'è da sapere

Ultimo aggiornamento: 06 agosto, 2022

Ci sono diversi motivi per cui gli operatori sanitari effettuano l’induzione al parto, una pratica che consiste nell’innescare artificialmente il processo naturale del parto.

Questa strategia non è necessaria in tutte le gravidanze, né è appropriata in tutti i casi. Tuttavia, oggigiorno è diventato abbastanza frequente e questo ha generato polemiche.

Scopriamo di seguito di cosa si tratta, quando è necessario praticarlo e cosa ne pensa la comunità scientifica internazionale. Non perdetevi questo articolo!

Cosa si intende per induzione al parto?

L’induzione al parto si basa sull’utilizzo di diverse strategie mediche per iniziare il travaglio. In particolare, è una serie di processi che innescano contrazioni e stimolano la dilatazione della cervice, al fine di ottenere il parto vaginale.

Esistono diversi metodi per indurre il travaglio:

  1. Meccanico: si effettua attraverso la rottura artificiale delle membrane che ricoprono il sacco amniotico. Per eseguire questa procedura è necessario che la cervice sia dilatata e che la testa del bambino sia impegnata nel bacino. Quando il liquido esce, il bambino esercita una pressione sul pavimento pelvico per stimolare il travaglio.
  2. Farmacologico: si basa sull’uso di farmaci che stimolano le contrazioni (come l’ossitocina) e che promuovono la dilatazione della cervice (come le prostaglandine).

Vale la pena notare che questa procedura è riservata a casi specifici, al fine di ottenere benefici che superano i rischi per la salute della madre o del bambino.

fleboclisi endovenosa in una soluzione di siero per sacca baxter
L’induzione è una procedura medica che comporta i suoi rischi ei suoi benefici. Pertanto, è meglio implementarlo quando c’è un’indicazione precisa.

Quando è necessario indurre il travaglio?

Secondo alcuni esperti in Ginecologia e Ostetricia (SEGO), l’induzione del travaglio è indicata quando i rischi di continuare la gravidanza superano i rischi di accelerare il parto.

Nel suo protocollo d’azione, questa entità suggerisce l’induzione solo nelle seguenti situazioni:

  • Gravidanza post-termine: quando la gravidanza dura più di 42 settimane, c’è il rischio che il bambino non sia ben ossigenato e nutrito a causa dell’invecchiamento della placenta.
  • Rottura prematura delle membrane: a causa del rischio di infezioni all’interno del sacco amniotico e di altre complicazioni.
  • Stati ipertensivi della gravidanza (preeclampsia, eclampsia e sindrome HELLP ).
  • Diabete gestazionale.
  • Restrizione di crescita intrauterina.
  • Gravidanza gemellare.
  • Corioamnionite (infezione delle membrane amniotiche).
  • Distacco della placenta.
  • Morte fetale intrauterina.

In aggiunta a questo, queste linee guida si riferiscono all’induzione elettiva, che non è correlata a ragioni cliniche, e dovrebbe essere eseguita solo se la gravidanza è superiore a 39 settimane.

Rischi associati all’induzione del travaglio

Sebbene nei casi sopra menzionati, l’induzione sia un modo per evitare un taglio cesareo, ma ci sono rischi inerenti alla pratica di cui dovresti essere a conoscenza :

  • Induzione fallita: dopo aver messo in pratica i metodi farmacologici e meccanici, il travaglio non avanza.
  • infezioni.
  • Bradicardia materna : i farmaci somministrati possono abbassare la frequenza cardiaca della madre e diminuire l’ossigenazione fetale.
  • Rottura uterina: sebbene sia rara, è grave e si verifica a causa di una lacrima nell’utero.
  • Sanguinamento uterino: durante il parto l’utero non si contrae correttamente e l’emorragia non si ferma.

Per tutto quanto sopra, ci sono alcune controindicazioni per effettuare l’induzione del travaglio. Tra questi, avendo avuto tagli cesarei precedenti e ravvicinati, quando il feto si trova in posizione trasversale, una storia di rottura uterina, un’infezione da herpes attiva, prolasso del cordone ombelicale o cancro cervicale, tra gli altri.

Quale posizione assumono le agenzie sanitarie sull’induzione al parto?

L’attuale controversia che circonda questa procedura è strettamente correlata alla sua alta frequenza nei centri sanitari di tutto il mondo. Anche senza una causa medica che lo giustifichi.

Si pensa che il motivo sarebbe la scelta del momento della nascita e il mancato rispetto del parto come evento naturale. Vediamo come si manifestano al riguardo le diverse società scientifiche.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

Nel 2015 l’OMS ha pubblicato una serie di raccomandazioni sulla stimolazione del travaglio, in cui si suggerisce di evitare l’uso di ossitocina, misoprostolo e rottura della borsa (amniotomia). Tutto questo, per i rischi che queste strategie comportano.

Nel 2018, queste linee guida sono state ampliate nelle Raccomandazioni dell’OMS per l’assistenza durante il parto per un’esperienza di parto positiva. Queste linee guida hanno cercato di ottimizzare l’esperienza del parto da un approccio olistico, basato sui diritti umani.

Per quanto riguarda l’induzione del travaglio, gli autori sconsigliano l’amniotomia precoce in combinazione con la somministrazione di ossitocina per accelerare il parto. Infine, evidenziano la necessità di ridurre gli interventi medici non necessari nelle gravidanze a basso rischio.

Federazione Argentina delle Società di Ginecologia e Ostetricia (FASGO)

In un aggiornamento pubblicato nel 2019, questa organizzazione ha evidenziato una serie di condizioni da tenere in considerazione per effettuare l’induzione al parto. In relazione ad essi, gli esperti affermano quanto segue:

“Le indicazioni per l’induzione del travaglio non sono assolute; le condizioni materne (stato cervicale, membrane ovulari ed età gestazionale) e le condizioni fetali devono essere prese in considerazione, tra gli altri fattori”.

Allo stesso modo, gli autori sottolineano che il travaglio può essere indotto per ragioni logistiche che lo giustificano (come la distanza tra la casa e l’ospedale o alcune indicazioni psicosociali).

nascita bambino travaglio parto travaglio spingendo la dilatazione cancellamento cervice padre madre ostetrica ostetrica sala parto
Salvo controindicazioni mediche, la madre surrogata ha il diritto di conoscere le opzioni e scegliere quella che ritiene più opportuna per dare alla luce il proprio figlio.

Ministero della Salute, delle Politiche Sociali e dell’Uguaglianza della Spagna

Il Ministero spagnolo della salute, delle politiche sociali e dell’uguaglianza si esprime su questo argomento nella Strategia nazionale per la salute sessuale e riproduttiva pubblicata nel 2011. Stabilisce una serie di raccomandazioni per le gravidanze a basso rischio che durano fino a 41 e 42 settimane :

  • Offrire alla donna incinta la possibilità di attendere l’inizio spontaneo del travaglio dalla settimana 41.
  • Consentire la possibilità di indurre il travaglio per tutta la settimana 41, con il miglior metodo possibile e con un’adeguata consulenza per i genitori.

Va notato che le donne in gravidanza dovrebbero conoscere il metodo di induzione, il luogo in cui viene eseguito, i dettagli e le opzioni di supporto e sollievo dal dolore.

Induzione al parto, una strategia per ridurre il numero di tagli cesarei

Un’induzione del travaglio tempestiva e giustificata è un’opzione favorevole per il benessere della madre e del bambino, poiché limita la necessità di ricorrere al taglio cesareo.

È stato stabilito che i benefici dell’induzione possono superare i rischi. Soprattutto nel caso di gravidanze prolungate (oltre le 41 settimane), in cui i decessi perinatali e il taglio cesareo tendono a bilanciare l’equilibrio.

Prima che lo specialista esegua la procedura, la madre deve sapere di cosa si tratta e garantirne l’esecuzione. Bene, è tuo diritto scegliere come partorire.

Potrebbe interessarti ...
Migliorare la qualità del sonno in gravidanza
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Migliorare la qualità del sonno in gravidanza

Dormire durante la gravidanza è difficile a volte. Oggi vi daremo alcuni suggerimenti per migliorare la qualità del sonno in gravidanza.