Questo è il battito cardiaco di un feto nel grembo materno

Il battito cardiaco di un feto può essere valutato dalla sesta settimana di gestazione. Attraverso di loro, il medico valuta il benessere fetale o se esiste il rischio di aborto. Vi diciamo di più.
Questo è il battito cardiaco di un feto nel grembo materno
Leidy Mora Molina

Scritto e verificato da l'infermiera Leidy Mora Molina.

Ultimo aggiornamento: 22 settembre, 2022

Uno dei primi parametri che lo specialista valuta quando conferma la gravidanza attraverso un’ecografia è il battito cardiaco del feto nel grembo materno. Ascoltarlo diventa uno dei momenti più emozionanti, perché in questo modo si verifica che c’è un bambino che si sta formando dentro

Questi battiti possono essere ascoltati solo dopo la sesta settimana di gravidanza, di solito alla prima ecografia. Ma come sono? La loro frequenza è veloce o lenta? Cambiano durante la gestazione? Scoprite di seguito com’è il battito cardiaco di un feto, la sua evoluzione nel grembo materno e come viene valutato il benessere cardiaco in questa fase.

Frequenza cardiaca fetale

Per frequenza cardiaca intendiamo il numero di volte in cui il cuore si contrae in un minuto. La frequenza cardiaca fetale è identificabile nelle prime settimane di gestazione mediante ecografia o un monitor noto come Doppler fetale.

In un primo momento si valuta se il battito cardiaco è effettivamente presente, verificando così la vitalità fetale. Inoltre, viene valutato quante volte il cuore batte in un minuto. I valori considerati normali in fase fetale sono compresi tra 120 e 160 battiti al minuto.

La macchina Doppler viene utilizzata per monitorare il flusso sanguigno e la frequenza cardiaca. I valori normali nella fase fetale sono compresi tra 120 e 160 battiti al minuto.

Problemi di ritmo cardiaco

Una frequenza cardiaca al di fuori dei parametri normali è un’indicazione che qualcosa non va con la gravidanza. Può essere correlato alla mancanza di apporto di ossigeno al bambino o ad altri problemi, come i difetti cardiaci.

Quindi, sulla base di questa valutazione, lo specialista determina se esiste il rischio di aborto spontaneo. Nelle gravidanze avanzate, è possibile valutare la necessità di un’induzione del travaglio o di un taglio cesareo, a seconda dell’età gestazionale del bambino.

In ogni caso, va tenuto presente che, durante il secondo trimestre, le vie di conduzione elettrica del cuore iniziano a svilupparsi e maturare, il che può causare un’alterazione momentanea della frequenza cardiaca. Questo è fisiologico ed è motivo di allarme, ma nel caso in cui il medico rilevi che qualcosa non va, dovrà effettuare continue valutazioni.

Battito cardiaco fetale lento

A volte durante il primo trimestre si osserva che la frequenza cardiaca fetale è più lenta. Sebbene questo sia considerato normale (soprattutto nelle prime settimane), alcuni studi lo collegano a un aumentato rischio di aborto spontaneo.

In questo senso, il risultato di uno studio condotto in Cile nel 2002 è stato che il rischio di perdita riproduttiva a sei e sette settimane di gestazione aumenta di 19 volte quando la frequenza cardiaca embrionale è inferiore a 90 battiti al minuto ; mentre è sette volte maggiore quando è tra 90 e 100.

Allo stesso modo, è confermato da un’indagine condotta dai ricercatori della Cornell University, negli Stati Uniti, pubblicata sulla rivista Fertility and Sterility. In questo caso, hanno concluso che la diminuzione della frequenza cardiaca embrionale nel primo trimestre, indipendentemente dall’età materna, può aiutare a prevedere la prognosi della gravidanza nel primo trimestre dopo la fecondazione in vitro.

Andare dal medico sarà fondamentale affinché il professionista possa valutare se la gravidanza può essere raggiunta o se ci sono altri problemi come alterazioni cromosomiche o malformazioni fetali che la impediscono.

battito cardiaco
È fondamentale sottoporsi ai controlli prenatali, soprattutto se si rileva che il battito cardiaco del bambino è al di sotto dei parametri normali.

Evoluzione del battito cardiaco di un feto nel grembo materno

Ora, per capire se il battito cardiaco fetale è normale o se c’è un’aritmia fetale, è importante sapere come evolve il battito cardiaco fetale durante la gravidanza.

In questo senso, tra la quinta e la sesta settimana di gestazione, il cuore emette i suoi primi battiti. In questo momento, la frequenza cardiaca è lenta e circa 80 battiti al minuto sono considerati normali.

Se partiamo da questo punto, la frequenza inizia ad aumentare. Si stima che aumenti di circa 3 battiti al minuto al giorno fino a raggiungere una media di 175, che si verifica intorno alla nona settimana. Al raggiungimento di questi valori tende a scendere leggermente per stabilizzarsi tra 120 e 160, per rimanere tale per tutta la gravidanza.

Il cuore di un bambino può essere valutato nel grembo materno?

La valutazione dell’anatomia e della fisiologia del cuore del bambino può essere eseguita dall’utero. Questo grazie agli ultrasuoni eseguiti nei check-up prenatali che ci consentono di valutare, tra gli altri parametri, la salute del cuore e il battito cardiaco fetale.

Certamente, durante il secondo trimestre , è indicata l’ecografia morfologica, dove vengono studiati in dettaglio gli organi del bambino. Qui, le strutture cardiache fetali, come le camere del cuore, le valvole e i vasi sanguigni, sono osservate da vicino.

Con esso si valuta anche il funzionamento del cuore e se c’è qualche problema nel suo meccanismo o conduzione. Inoltre, l’ecografia morfologica diagnostica l’esistenza di malattie cardiache congenite che possono causare problemi dopo la nascita del bambino.

Potrebbe interessarti ...
Cosa prova il feto se la mamma piange durante la gravidanza?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Cosa prova il feto se la mamma piange durante la gravidanza?

Cosa prova il feto se la mamma piange o esprime altri sentimenti è strettamente legato a lei: gli trasmettiamo infatti ogni nostra sensazione.