I diversi tipi di ecografia durante la gravidanza: quali sono?

Avete appena scoperto di aspettare un bambino e già avete preso appuntamento per un'ecografia 4D? Rilassatevi, arriverà il momento vedere il piccolo.
I diversi tipi di ecografia durante la gravidanza: quali sono?

Ultimo aggiornamento: 07 dicembre, 2021

Dopo il test di gravidanza positivo, la prima ecografia è uno dei momenti più memorabili per i futuri genitori. Con il passare dei mesi, i diversi tipi di ecografia a disposizione offrono svariate occasioni per entrare in contatto con ciò che accade all’interno dell’utero.

Sebbene l’ecografia sia uno studio sicuro per la salute della madre e del bambino, gli esperti raccomandano di sottoporvi con criterio a questo strumento, solo sotto precise indicazioni mediche.

Non dobbiamo dimenticare che è un metodo diagnostico e non una sessione fotografica prenatale.

In questo articolo parleremo dei diversi tipi di ecografia ostetrica e spiegheremo a cosa serve ciascuno di essi. Non perdetevelo!

I diversi tipi di ecografia: una finestra per osservare il bambino

“Vedere per credere “. Quella frase si adatta perfettamente a descrivere la sensazione di una madre che ospita una vita nel suo corpo.

Molte donne attraversano il primo trimestre senza sintomi e alcune addirittura si rendono conto del loro stato diversi mesi dopo il concepimento. Per questo motivo l’ecografia diventa una finestra magica verso quel bambino che vive dentro l’utero.

La scienza ha compiuto incredibili progressi riguardo l’applicazione di questo metodo diagnostico nell’ultimo mezzo secolo.

In effetti, ora è possibile esplorare l’organismo materno durante tutte le fasi della gestazione. Questo studio è indicato per conoscere lo stato del feto, della placenta, del liquido amniotico e del cordone ombelicale, tra le altre questioni.

Ecografia addominale.

“L’ecografia fornisce informazioni utili e in tempo reale, sia per la diagnosi di patologia ostetrica, sia per l’adozione di comportamenti nella pratica clinica quotidiana”.

-R González de Agüero Laborda-

I diversi tipi di ecografia in gravidanza: quanti ne esistono?

Gli studi a ultrasuoni o ad ultrasuoni funzionano più o meno allo stesso modo: richiedono un dispositivo speciale che emette onde sonore (macchina ad ultrasuoni), un computer che traduce gli echi in immagini e un medico appositamente formato per praticare e interpretare ciò che si osserva.

Quest’ultimo componente è il fattore determinante per la qualità del metodo, motivo per cui l’ ecografia è comunemente definita come uno studio “operatore-dipendente”.

Esistono diversi modi per classificare i diversi tipi di ultrasuoni, sia per la qualità delle immagini ottenute (in 2, 3 o 4 dimensioni) sia per gli obiettivi fissati di volta in volta (screening standard, valutazione limitata e valutazione specializzata).

1. Valutazione ecografica standard

Questo è il tipo di ecografia che viene praticata in quasi tutte le gravidanze, per conoscere alcuni parametri del bambino e degli organi attaccati (cordone, placenta, liquidi, tra gli altri).

Durante il primo trimestre, sono indicate le ecografie ostetriche per determinare quanto segue:

  • La presenza dell’embrione nell’utero materno, il sito di impianto e le sue dimensioni.
  • Il numero di sacche gestazionali ed embrioni in quella cavità.
  • Fase gestazionale approssimativa.
  • Attività cardiaca embrionale, che può essere registrata attraverso tecniche bidimensionali (2D).
  • Lo stato dell’utero, delle ovaie e della cavità addominale della madre.

Nei restanti due trimestri, gli esami ecografici di routine si aggiungono allo sviluppo di tutte queste strutture e ad alcuni altri aspetti:

  • Crescita fetale (biometria).
  • Attività cardiaca e altri segni di vitalità del bambino.
  • Screening per anomalie fetali (ecografia morfologica)
  • Il volume del liquido amniotico (normo, poli o oligoidramnios).
  • La posizione del bambino all’interno dell’utero materno (presentazione).
  • La posizione della placenta.

2. Valutazione ecografica limitata

Questa valutazione ha lo scopo di monitorare un aspetto specifico della salute materno-fetale che si desidera approfondire.

In generale, viene eseguita dopo aver rilevato un reperto sospetto nell’ecografia di routine, al fine di confermare o escludere qualsiasi patologia. Possono includere diverse tecniche, come il Doppler.

3. Valutazione ecografica specializzata

Questo tipo di ecografia è riservato a quelle situazioni in cui vi è un aumentato rischio di qualche tipo di malformazione fetale.

Ad esempio, quando l’età materna è considerata avanzata, in caso di complicanza ostetrica o quando il concepimento è avvenuto mediante tecniche di riproduzione assistita.

Allo stesso modo, quando c’è un certo grado di sospetto di patologia fetale da studi di laboratorio o precedenti ecografie.

Questi tipi di studi includono le seguenti tecniche ad ultrasuoni:

  • Ecocardiogramma fetale.
  • Doppler fetale.
  • Misurazione cervicale tramite ecografia transvaginale.
  • Translucenza nucale (NT): questo studio viene eseguito tra le settimane 11 e 14 di gestazione.

4. Ultrasuoni 3D e 4D

Citiamo queste due tipologie in una sezione apposita, vista la grande popolarità che hanno riscosso negli ultimi anni.

Ma al di là della possibilità che offrono di vedere nel dettaglio il viso del bambino, la sua reale utilità è discussa da alcuni specialisti.

Gli ultrasuoni 3 e 4 dimensionali consentono una migliore visualizzazione del feto e rilevano alcune malformazioni, ma ciò non implica che si possa fare una diagnosi precoce delle sindromi congenite.

Sono necessari più strumenti per corroborare determinati risultati e questo problema non è così semplice.

In generale, l’ecografia 3D consente di ottenere un’immagine tridimensionale del feto e la 4D aggiunge movimento ad essa.

Attraverso quest’ultimo è possibile vedere il bambino vivere e dirigersi all’interno del grembo materno.

Viso di bambino durante ecografia.

I diversi tipi di ecografia sono sicuri?

Per molti anni la sicurezza dell’uso degli ultrasuoni nelle donne in gravidanza è stata messa in discussione, ma le diverse società scientifiche del mondo hanno concluso che lo è.

Tuttavia, questo studio dovrebbe essere condotto solo quando indicato e appropriato dal punto di vista medico. Cioè con l’attrezzatura necessaria e il personale idoneo allo scopo.

Uno dei principali rischi potenziali attribuiti agli studi sugli ultrasuoni era il danno termico.

Allo stato attuale, la configurazione delle apparecchiature per studi ostetrici evita l’aumento della temperatura dei tessuti materno-fetali.

In questo senso, l’ American Institute of Ultrasound in Medicine (AIUM) suggerisce che quando lo studio è condotto secondo i principi ” ALARA” ( As Low As Reasonably Achievable o ‘il più basso ragionevolmente possibile’) il rischio di causare danni al piccola è minimo.

Per quanto riguarda le diverse tecniche ecografiche, il Doppler è quella in grado di generare la temperatura più alta all’interno della cavità uterina.

Ecco perché deve essere richiesto solo quando strettamente necessario e utilizzato per il minor tempo possibile.

Parlate con il medico prima di fare un’ecografia in gravidanza!

Come abbiamo detto, gli ultrasuoni ci permettono di conoscere vari aspetti del nascituro e questo ha i suoi benefici, ma anche i suoi rischi.

Sebbene sia uno studio abbastanza sicuro da essere eseguito durante la gravidanza, deve essere usato con giudizio. In questo senso, non deve essere considerato per scopi sociali o di intrattenimento.

Potrebbe interessarti ...
Ecografia in gravidanza: quali informazioni ci fornisce?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Ecografia in gravidanza: quali informazioni ci fornisce?

Durante la gravidanza bisogna sottoporsi a numerosi esami medici. Quali informazioni è in grado di fornirci ogni ecografia?



  • Callen P, Norton ME. Ecografía Obstétrica. Capítulo 1. En: Norton ME, Scout LM, Feldstein VA. Callen Ecografía en Obstertricia y Ginecología. Sexta edición. Elsevier España, 2018.
  • Committee on Obstetric Practice, American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG). Guidelines for Diagnostic Imaging During Pregnancy and Lactation. Number 723, October 2017. Reaffirmed October 2021. Disponible en: https://www.acog.org/clinical/clinical-guidance/committee-opinion/articles/2017/10/guidelines-for-diagnostic-imaging-during-pregnancy-and-lactation
  • American Institute of Ultrasound in Medicine: AIUM practice guideline for the performance of obstetric ultrasound examinations. J Ultrasound Med 2018; 9999:1-12. Disponible en: https://www.aium.org/resources/guidelines/obstetric.pdf
  • González de Agüero Laborda R, Sobreviela Laserrada M, Espinosa A, Fabre González E. Diagnóstico por la imagen en el embarazo. Capítulo 9. En: González-Merlo. Obstetricia. Séptima edición. Elsevier España, 2018. Páginas 127-157
  • American Institute of Ultrasound in Medicine (AIUM). Statement on the safe use of Doppler ultrasound during 11-14 week scans (or earlier in pregnancy) . Laurel (MD): AIUM; 2011. Disponible en: http://www.aium.org/officialStatements/42.
  • Barišić L.S., Stanojević M., Kurjak A., Porović S., Gaber G.: Diagnosis of fetal syndromes by three- and four-dimensional ultrasound: is there any improvement?. J Perinat Med 2017; 45: pp. 651-665. Disponible en: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28493822/