L’incompatibilità del fattore Rh in gravidanza

15 Settembre 2019
Le incompatibilità del Rh che possono verificarsi durante la prima gravidanza solitamente non rappresentano un problema. Tuttavia, possono verificarsi complicazioni durante la seconda e le gravidanze successive.

Il fattore Rhesus fu scoperto nel 1940 mentre venivano condotti degli esperimenti sulle scimmie, in particolare il Macaco Rhesus, da cui prende il nome. Grazie a questi studi, è stata scoperta l’incompatibilità del fattore Rh ed è stato scoperto che le persone con Rh negativo possono ricevere sangue solo da un donatore con lo stesso gruppo sanguigno. In questo articolo, parleremo dell’incompatibilità del fattore Rh in gravidanza.

Analisi di incompatibilità: cos’è il fattore Rh?

Il fattore Rhesus o Rh è una proteina situata sulla superficie dei globuli rossi. Se avete questa proteina, il vostro Rh sarà positivo; in caso contrario, il vostro Rh sarà negativo. Il fattore Rh più comune nella popolazione è quello positivo, che può ricevere sangue da qualsiasi donatore, uguale o diverso da lui.

La classificazione dei gruppi sanguigni avviene in base ai diversi fenotipi del sangue. Si dividono in A, B, O. Sulla superficie dei globuli rossi ci sono altre molecole chiamate antigeni, responsabili dell’incompatibilità delle trasfusioni e delle donazioni di organi. A seconda della loro composizione, troviamo 4 gruppi sanguigni: A, B, AB e O, e tutti possono essere positivi o negativi.

Incompatibilità Rh dei gruppi sanguigni

La mancanza del fattore Rhesus non è considerata una malattia, quindi non influisce sulla nostra salute. Tuttavia, si raccomanda alle donne con Rh di sottoporsi al test durante la gravidanza per controllare il fattore Rh del loro bambino e la presenza di anticorpi. Pertanto, ci sono una serie di precauzioni da prendere in caso di incompatibilità Rh.

Fattore rh

Il sangue del bambino e della madre si mescolano raramente, ma durante il parto c’è una piccola possibilità che ciò avvenga. Poiché il fattore Rh è ereditario, il gruppo sanguigno del bambino non può coincidere con quello della madre, ma può essere lo stesso del padre.

Se si verifica questo caso e vi è contatto con i globuli rossi del bambino, verranno generate alcune proteine, gli anticorpi anti-Rh positivi, in risposta agli antigeni presenti nel vostro sangue. Questa circostanza può farvi avere problemi durante la seconda gravidanza a causa dell’incompatibilità del fattore Rh con il vostro secondo figlio.

L’incompatibilità del fattore Rh in gravidanza

Come abbiamo detto, se il sangue della madre si mescola con quello del bambino, vengono generati degli anticorpi Rh positivi, ma questo fatto non costituisce in ogni caso un problema nella vita quotidiana. Bisognerà solo prendere alcune precauzioni in caso di una seconda o per le gravidanze successive.

Durante la seconda gravidanza, se il sangue del bambino è Rh positivo, gli anticorpi anti Rh positivi attaccheranno i globuli rossi che attraversano la barriera placentare identificandoli come una minaccia. Di conseguenza, i globuli rossi distrutti saranno di più di quelli generati, causando un’anemia che potrebbe essere fatale.

Esami in gravidanza

Conclusioni e precauzioni

Se il vostro bambino è Rh negativo, come voi, non dovete preoccuparvi. In caso contrario, il medico eseguirà alcuni test e applicherà un fattore di correzione:

  • Esami del sangue durante il primo trimestre.
  • Iniezioni di immunoglobulina Rh, che impedisce la formazione di anticorpi.
  • Analisi alla settimana 28 e dopo il parto.
  • Un’ultima iniezione di immunoglobulina dopo il parto.

Se avete già generato gli anticorpi, l’iniezione di immunoglobulina non è efficace. In questi casi, l’unica cosa che si può fare è mantenere a stretto controllo la madre e il bambino e, quando arriva il momento, eseguire una trasfusione attraverso il cordone ombelicale.

Vi sono altri casi in cui la madre può aver generato anticorpi anti-Rh positivi senza essere rimasta incinta: un aborto, una gravidanza extra uterina o una trasfusione errata possono essere una di queste cause. In ogni caso, se sospettate che questo sia il vostro caso, è meglio avvisare il medico e richiedere un test prenatale.

Le ultime statistiche dell’organizzazione KidsHealth indicano che, poiché questi controlli vengono eseguiti e viene utilizzata l’iniezione di immunoglobuline, i casi di aborto o trasfusioni di scambio sono stati drasticamente ridotti.

  • Fuentes, A, (octubre 2018). La incompatibilidad de Rh durante el embarazo [artículo en web]. Recuperado de: www.kidshealth.org
  • Mayo Clinic. (enero 2018). Análisis de sangre de factor Rh [artículo en web]. Recuperado de: www.mayoclinic.org
  • Sebastián, I. (noviembre 2017). Aprendamos un poco a cerca de los grupos sanguíneos [artículo en blog].Recuperado de: www.revistamedica.com