Diarrea gialla nei bambini: cause e trattamento

Il colore delle feci spesso ci guida verso la diagnosi di alcune malattie. Oggi vi raccontiamo cosa ci dice la diarrea gialla sulla salute di nostro figlio.
Diarrea gialla nei bambini: cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 17 agosto, 2022

La diarrea gialla nei bambini può essere dovuta a molteplici cause. Sebbene ce ne siano alcuni fisiologici (come le feci dei bambini piccoli), in altri casi lasciano sospettare patologie specifiche. Pertanto, tenere conto di ciò che indica il colore delle feci durante l’infanzia ci aiuta a guidare meglio le azioni da seguire.

In generale, la maggior parte delle malattie che si manifestano attraverso la diarrea gialla indicano un deficit nell’assorbimento dei grassi a livello intestinale. Infatti, sono questi elementi che conferiscono a queste feci il loro caratteristico colore.

Volete sapere quali patologie possono causare diarrea gialla e cosa fare per curarle? Quindi non smettere di leggere.

Perché la diarrea gialla è comune tra i bambini?

Prima di tutto, dobbiamo chiarire cosa intendiamo quando parliamo di diarrea. Si definiscono tali quelle feci abbondanti che superano i 200 grammi al giorno o l’eliminazione di tre o più feci liquide in meno di 24 ore. La diarrea può anche essere considerata come quelle feci molli o liquide che superano il normale schema del bambino, come nel caso della diarrea nei neonati.

Oltre alle perdite fecali, la diarrea può essere accompagnata da altri segni e sintomi, come perdita di appetito, dolore addominale, vomito, febbre e talvolta sangue, muco o pus nelle feci.

Nel seguente spazio spiegheremo quali sono le cause più comuni di diarrea gialla nei bambini. Continuate a leggere per saperne di più!

Alimenti

Alcuni alimenti possono ammorbidire e macchiare la cacca dei bambini, dando l’impressione che si tratti di diarrea. Si tratta di patate dolci, curcuma, carote o cibi ricchi di grassi.

Tuttavia, se il bambino ha feci acquose che persistono per più di 24 ore, anche se ha mangiato questi alimenti in precedenza, deve essere esclusa una causa infettiva.

È importante considerare che molti cibi o spezie possono macchiare le feci del bambino in diversi colori. Tuttavia, se sono accompagnati da segni indicativi di diarrea, devono essere escluse altre cause patologiche.

Infezioni gastrointestinali (gastroenterite)

Le infezioni dell’apparato digerente sono spesso associate all’assunzione di cibo in cattive condizioni o semplicemente contaminato da diversi microrganismi patogeni.

Uno degli esempi più noti è la giardiasi, un’infezione gastrointestinale causata dal parassita chiamato Giardia lamblia , che penetra nel corpo umano attraverso l’assunzione di cibo o acqua contaminati.

Questa condizione è caratterizzata dalla generazione di diarrea prolungata (più di 2 settimane), distensione addominale, coliche, molta flatulenza e l’eliminazione di feci esplosive e maleodoranti.

A causa dell’infiammazione intestinale prodotta dal parassita, i grassi non vengono elaborati correttamente e quindi le feci sono gialle e galleggiano nella toilette.

Disordini gastrointestinali

Oltre alle cause infettive, esistono altre patologie infiammatorie dell’apparato digerente che possono manifestarsi con diarrea gialla:

  • Celiachia: è una malattia autoimmune che è esacerbata dalla presenza di glutine nell’intestino. I sintomi più evidenti nei bambini includono dolore addominale, afte, artrite, perdita di peso e steatorrea (feci grasse).
  • Sindrome di Gilbert: è una condizione congenita che colpisce l’eliminazione della bile dal fegato all’intestino. In questo caso il segno più caratteristico è la colorazione gialla della pelle (ittero), ma non essendoci un’adeguata elaborazione dei grassi nell’intestino, questi vengono espulsi con le feci e solitamente la colorano di giallo.
  • Patologie della cistifellea (calcoli biliari o ostruzioni delle vie biliari): questi elementi interferiscono con l’uscita dei sali biliari dal fegato all’intestino e, quindi, parte dei grassi non vengono riassorbiti e vengono espulsi con le feci.
  • Pancreatite: è l’infiammazione del pancreas, che può interferire con la digestione dei grassi nel lume dell’intestino.
  • Fibrosi cistica: è una malattia ereditaria che colpisce le ghiandole esocrine di più organi, come il sudore, le secrezioni respiratorie e intestinali (come il pancreas).

È importante sottolineare che la colorazione gialla delle feci nei casi di interessamento del dotto biliare è solitamente transitoria, perché se il disturbo persiste nel tempo, la cacca diventa bianca o grigiastra.

Trattamento delle cause della diarrea gialla nei bambini

In generale, la diarrea gialla nei bambini è solitamente associata a infezioni virali o batteriche e, salvo casi specifici, non viene trattata con antibiotici. Ma è necessario un attento monitoraggio del bambino con diarrea per monitorare lo stato di idratazione e prevenire o curare tempestivamente la disidratazione.

Di seguito, condividiamo alcune strategie di gestione comuni per la diarrea gialla.

Garantire una sufficiente idratazione

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), le sindromi diarroiche colpiscono più di 1.700 milioni di bambini nel mondo e questa patologia è responsabile di molti decessi nei bambini di età inferiore ai 5 anni. Questi piccoli sono particolarmente vulnerabili alla disidratazione a causa della maggiore percentuale di acqua corporea che hanno e perché, inoltre, dipendono dall’adulto per accedere ai liquidi.

Pertanto, mantenere i bambini ben idratati durante i periodi di diarrea è estremamente importante e ciò può essere ottenuto:

  • Se la disidratazione è lieve, si può mantenere la stessa frequenza di somministrazione del latte materno, nel caso in cui si allatta esclusivamente al seno. La domanda libera deve essere mantenuta, ma verificare che non trascorrano più di 4 ore senza alimentazione nel caso in cui le perdite siano ricorrenti.
  • Nei bambini più grandi, si raccomanda di mantenere l’idratazione con acqua e soluzioni di reidratazione orale (ORS). La chiave è offrire piccoli volumi ma più frequentemente del solito e garantire una quantità giornaliera in base al peso e alle perdite. Questi dati devono essere forniti dal professionista sanitario che valuta il bambino.
  • Nei casi in cui il bambino non può essere idratato per via orale o mostra segni di disidratazione avanzata, devono essere rivalutati per determinare la necessità di idratazione endovenosa.
  • L’uso di bevande energetiche per reintegrare l’acqua durante la diarrea è sconsigliato, poiché la concentrazione di minerali ed elettroliti non è adatta ai bambini e hanno anche un alto contenuto di zucchero. Sebbene migliorino il gusto della bevanda, i carboidrati nell’intestino aumentano ulteriormente la perdita di acqua nelle feci.

Offrite al bambino una dieta rigorosa

Non appena il piccolo tollera i liquidi e mostra l’intenzione di mangiare, è necessario ricominciare la dieta. Naturalmente vanno evitati gli alimenti ad alto contenuto di grassi, acqua e fibre, perché favoriscono la perdita intestinale. Questi sono papaia, agrumi, pomodoro, prugne, cavoli, cereali e latticini.

Ragazzo che mangia purea di verdure come parte di un menu per bambini di 18 mesi.
Possono essere offerte alcune verdure cotte (patate, patate dolci, zucca arancione), carni magre, riso, noodles, brodi o salsa di mele. Quando la condizione si attenua, puoi gradualmente tornare alla tua dieta abituale.

Considerate la somministrazione di farmaci in situazioni speciali

In alcuni casi di diarrea prolungata, il pediatra può indicare l’uso di probiotici per normalizzare la flora intestinale danneggiata. Questi composti non sono altro che ceppi di batteri vivi in piccole quantità, che aiutano la crescita di batteri “buoni” nell’intestino.

Nel caso in cui la diarrea gialla sia dovuta a un’infezione, l’uso di antibiotici o antiparassitari sarà determinato caso per caso. La decisione si baserà sulle caratteristiche del bambino, sul germe causale e sulla gravità del quadro clinico.

In nessun caso un bambino con diarrea dovrebbe automedicare.

Alcune considerazioni sulla diarrea del viaggiatore

Al giorno d’oggi è comune che i bambini accompagnino i genitori nei viaggi e la diarrea del viaggiatore in questa popolazione è molto frequente. Il difficile accesso ai centri sanitari nelle zone rurali, i lunghi viaggi o la mancanza di controlli medici prima delle vacanze possono favorire la comparsa di alcune complicazioni.

Pertanto, se state programmando un viaggio con i vostri bambini, è importante che vi consultiate con il vostro pediatra su cosa fare in caso di emergenza in caso di diarrea o disidratazione. Inoltre, individua i centri sanitari vicino all’area che stai per visitare per agire rapidamente in caso di inconvenienti.

Gli antidiarroici, come la loperamide, non sono raccomandati per l’uso nei bambini piccoli e nei neonati.

Quando consultare il medico per la diarrea?

I genitori vedono spesso un medico quando il loro bambino o bambino ha la diarrea. Ma è comune che gli adulti non abbiano familiarità con i segnali di pericolo e i sintomi che suggeriscono un’emergenza. Questi sono i seguenti:

  • Tachicardia, occhi infossati, pallore e pelle fredda.
  • Estrema irritabilità o letargia.
  • Feci con sangue.
  • Vomito biliare (verde).
  • Petecchie in qualsiasi parte del corpo.
  • Forte dolore addominale o gonfiore estremo.

In presenza di una qualsiasi delle suddette manifestazioni è necessario recarsi il prima possibile presso il centro sanitario più vicino.

Potrebbe interessarti ...
Dieta per donne in gravidanza che soffrono di diarrea
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Dieta per donne in gravidanza che soffrono di diarrea

In caso di problemi di digestione, come nel caso della diarrea, il consiglio è di seguire una specifica dieta per donne in gravidanza.