Sindrome infiammatoria multisistemica nel bambino: cosa c'è da sapere?

La sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica si sviluppa in alcuni bambini risultati positivi al test per COVID-19. Scoprite di cosa si tratta.
Sindrome infiammatoria multisistemica nel bambino: cosa c'è da sapere?

Ultimo aggiornamento: 10 febbraio, 2022

La sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica è una condizione di salute rara strettamente correlata al COVID-19. È caratterizzato da infiammazione di organi vitali, come il cuore e il cervello.

I bambini affetti dal virus SARS-CoV-2 sono generalmente asintomatici o presentano sintomi lievi. Tuttavia, è stato appurato che una bassa percentuale di bambini può sviluppare questa sindrome a poche settimane di distanza dall’infezione. Sebbene sia una grave complicazione, anche il tasso di mortalità per questa condizione di salute è basso.

In questo articolo vi sveleremo tutto ciò che dovreste sapere su questa sindrome che attualmente colpisce i bambini. Continuate a leggere per saperne di più!

Sindrome infiammatoria multisistemica nel bambino e sua correlazione con COVID-19

La sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica (SIMP o MIC-S) è una nuova condizione caratterizzata da una grave infiammazione di alcuni organi e tessuti vitali.

In generale, il cervello, gli occhi, i polmoni, il cuore, i reni, il sistema circolatorio, l’apparato digerente o la pelle sono gli organi coinvolti.

Questa condizione è correlata all’infezione con il nuovo coronavirus e gli anticorpi positivi a questo virus sono stati mostrati nella maggior parte dei bambini che ne soffrono.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Circulation, il 65% dei pazienti con sindrome infiammatoria multisistemica era stato esposto a SARS-CoV-2.

Ciò significa che non tutti i bambini lo sviluppano, ma i fattori che predispongono all’infezione sono sconosciuti. Finora è stata osservata una prevalenza maggiore nei bambini di età compresa tra 3 e 12 anni, con un’età media di 8 anni.

Pandemia da coronavirus.

Sintomi della sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica

I segni e i sintomi della SIMP dipendono da quali organi sono interessati. In generale, questa condizione è caratterizzata da febbre persistente, malessere generale, decadimento e infiammazione in diversi sistemi.

Queste manifestazioni cliniche compaiono poche settimane dopo aver contratto l’infezione da coronavirus. In generale, tra le 4 e le 6 settimane dopo.

Successivamente, condivideremo lo spettro dei sintomi più comuni descritti finora in questa sindrome infantile :

  • Febbre.
  • Tosse.
  • Mal di gola.
  • Eruzione cutanea.
  • Dolore addominale.
  • Male alla testa.
  • Edema alle mani e ai piedi.
  • Linfonodi ingrossati.
  • Occhi rossi, congiuntivite.
  • Fatica.
  • Labbra rosse e screpolate.
  • Vomito e diarrea

Alcuni bambini hanno sintomi gravi, come mancanza di respiro, forte dolore addominale, mucose bluastre pallide e confusione. In caso di uno di loro, è necessario fare una consultazione urgente al centro di emergenza pediatrica.

Sebbene siano sintomi peculiari, è importante fare una diagnosi differenziale con altre condizioni di salute, come la sindrome da shock tossico da streptococco e stafilococco e la malattia di Kawasaki.

La SIMP può causare coaguli di sangue, anomalie cardiache e danni ai reni, che richiedono cure mediche interdisciplinari una volta confermata la diagnosi. Allo stesso modo, una cura tempestiva e adeguata per questa condizione migliora sostanzialmente il tasso di recupero di questi bambini.

Come viene diagnosticata la SIMP?

La diagnosi di questa condizione è clinica : si basa sulla valutazione fisica del bambino ed è completata da alcuni test specifici, come gli studi sierologici (che cercano anticorpi contro il virus) e i biomarcatori dell’infiammazione.

Tra i test diagnostici più utilizzati, spiccano i seguenti:

  • Test anticorpale COVID-19.
  • Analisi del sangue.
  • Elettrocardiogramma ed ecocardiogramma, per valutare la funzione cardiaca.
  • Ecografia addominale, per valutare gli organi addominali.
  • Radiografia del torace.

Come viene trattata la sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica?

Analisi del sangue.

Il trattamento della SIMP dipende dal grado di coinvolgimento degli organi del bambino e dalla sua salute generale.

In generale, questi bambini rimangono ricoverati per ricevere un monitoraggio continuo e per ricevere le cure necessarie in modo tempestivo. In questo senso può essere necessario disporre di cure specialistiche in terapia intensiva, con supporto cardiaco e respiratorio.

L’ Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda il trattamento con farmaci antinfiammatori (compresi i corticosteroidi), immunoglobuline per via endovenosa e con farmaci antiaggreaganti (aspirina).

Il grado di impegno del bambino determinerà i tempi di recupero e, una volta esterni, saranno necessari controlli ambulatoriali con i diversi specialisti.

La prevenzione prima di tutto

La sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica può essere molto grave e persino causare la morte del bambino. Per questo motivo è necessario prendere tutte le precauzioni per prevenire l’infezione da coronavirus SARS-CoV-2.

L’ideale è educare il bambino a lavarsi costantemente le mani, utilizzare correttamente la mascherina, mantenere la distanza fisica e la pulizia dei propri utensili e giocattoli. Sebbene sia difficile da attuare, è una sana abitudine che si acquisisce con perseveranza.

La SIMP è una condizione grave, ma fortunatamente rara nell’infanzia. Poiché i fattori che predispongono alla sua comparsa sono sconosciuti, è importante evitare l’infezione e conoscerne i primi sintomi per effettuare una diagnosi e un trattamento in modo tempestivo.

Potrebbe interessarti ...
Bambini malati, mamme forti: lo spot che va dritto al cuore
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Bambini malati, mamme forti: lo spot che va dritto al cuore

Bambini malati, mamme forti, è un breve spot sulle donne i cui figli sono malati, che agita i sentimenti e va dritto al cuore.



  • Centros para el control y la prevención de enfermedades (2020). Síndrome inflamatorio multisistémico en niños (MIS-C) asociado al COVID-19. Recuperado de: https://espanol.cdc.gov/mis/mis-c.html
  • Naranjo, Y. (2020). Síndrome inflamatorio multisistémico en niños con COVID-19: una visión desde la reumatología. Revista colombiana de reumatología. RCREU-1826, Pp. 11
  • Organización mundial de la salud (2020). Síndrome inflamatorio multisistémico en niños y
    adolescentes con COVID-19. Recuperado de: https://apps.who.int/iris/bitstream/handle/10665/332191/WHO-2019-nCoV-Sci_Brief-Multisystem_Syndrome_Children-2020.1-spa.pdf
  • Valverde, I. (2020). Acute Cardiovascular Manifestations in 286 Children With Multisystem Inflammatory Syndrome Associated With COVID-19 Infection in Europe. Journal Circulation Vol. 143. Nº1.