Come sostituire l'uovo nell'alimentazione complementare

Se il tuo bambino ha un'allergia alle uova, dovresti conoscere alcune strategie o alimenti che possono aiutare a sostituire questo prodotto nelle routine dietetiche. Te lo diciamo.
Come sostituire l'uovo nell'alimentazione complementare
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 22 settembre, 2022

L’uovo è un alimento ad alta densità nutritiva, ma a volte è necessario sostituirlo nell’alimentazione complementare. Come regola generale, non dovrebbe essere introdotto prima dei 9 mesi di vita. Inoltre, può dar luogo alla genesi di allergie, alcune delle quali transitorie e altre no. Comunque sia, conoscere altri prodotti che possono essere inclusi al suo posto è trascendentale per raggiungere uno sviluppo ottimale dei più piccoli.

Prima di iniziare, dobbiamo sottolineare che l’uovo è stato oggetto di molti miti. Ad oggi è noto che non modifica negativamente il profilo lipidico e che non aumenta nemmeno il rischio cardiovascolare. Naturalmente, la qualità del cibo sarà determinata dal tipo di cibo e dal modo di vivere della gallina. È importante consumare uova di galline allevate all’aperto che sono state allevate in libertà.

Alternative all’uovo nell’alimentazione complementare

In caso di necessità, come le allergie, nelle linee guida per bambini ci sono alimenti che possono fungere da sostituti delle uova. Successivamente, vi parliamo di alcuni di essi.

Sostituti artificiali

Ci sono alcuni sostituti artificiali delle uova che possono essere inclusi nelle linee guida per i più piccoli, se necessario. Non hanno la stessa quantità di nutrienti, ma possono aiutare a completare il fabbisogno proteico. Questi nutrienti sono essenziali per garantire un corretto sviluppo. Infatti, durante le prime fasi della vita, i suoi fabbisogni sono aumentati, come conferma uno studio pubblicato negli Annals of Nutrition & Metabolism.

Semi di lino

I semi di lino possono imitare le caratteristiche organolettiche dell’uovo. Inoltre, apportano un buon apporto di fibre e aiutano a migliorare la salute intestinale.

C’è anche la possibilità di usare un gel di semi di lino. Questa non è la migliore alternativa in termini di sostituzione dei nutrienti nell’uovo, ma può funzionare per imitarne le caratteristiche organolettiche. Dopotutto, il lino ha al suo interno anche sostanze importanti, come la fibra. Inoltre, è stato dimostrato che è fondamentale per garantire una buona salute a livello intestinale, poiché funge da substrato energetico per i batteri che abitano il tubo.

Fiocchi d’avena

Infine, i fiocchi d’avena imbevuti di acqua possono essere utilizzati anche per introdurli nelle diverse preparazioni e legare così gli ingredienti. Nel caso di polpette o piatti che contengono carne macinata, può essere un’ottima alternativa. Ad esempio, questo strumento è comune per fare hamburger. Se necessario, potrebbe anche essere sostituita con farina di ceci.

L’allergia alle uova è comune?

L’allergia alle uova è un problema che di solito si manifesta prima dei 5 anni. Sebbene possa essere transitorio, i sintomi di solito permangono, quindi sarà fondamentale evitare la presenza del cibo nelle linee guida.

Normalmente, le persone allergiche alle uova sperimentano una serie di disturbi dopo averle ingerite. Di solito soffrono di reazioni respiratorie, dermatologiche o intestinali. Nei casi più gravi si svilupperebbero vomito, forti dolori addominali e persino anafilassi. Ma la buona notizia è che se si soffre di allergia nelle prime fasi della vita, la percentuale di regressione è alta. L’80% delle persone vede il problema eliminato con una progressiva successiva introduzione di cibo.

Tuttavia, fino a quando non viene raggiunto il momento in cui il bambino può consumare le uova in modo normale, potrebbe essere necessario limitare il cibo nelle linee guida. Per questo, le alternative che vi abbiamo presentato sono funzionali. Farà la differenza anche controllare le dichiarazioni di allergeni sulle etichette dei prodotti trasformati.

uovo
L’allergia all’uovo ha un’incidenza di circa il 2,5% nei primi 2 anni di vita. Inoltre, ricordate che il miglior cibo per i bambini fino a 12 mesi è il latte materno.

Includete alimenti per sostituire l’uovo nell’alimentazione complementare

Come avrete visto, ci sono diverse strategie per sostituire l’uovo nell’alimentazione complementare. Ora, tenete presente che stiamo parlando di uno dei pochi prodotti che concentra la vitamina D all’interno. Se non può essere consumato a causa di allergie per il resto della vita, potrebbe essere necessario integrarlo per evitare carenze. Naturalmente, l’esposizione alla luce solare sarà determinante.

Non dimenticate nemmeno che fino al primo anno di vita è conveniente offrire l’allattamento al seno. Il latte materno è l’alimento migliore per i bambini sotto i 12 mesi e può supportare lo sviluppo e la funzione immunitaria. Inoltre, ha tutti i nutrienti di cui il bambino ha bisogno.

Potrebbe interessarti ...
Quando introdurre le uova nella dieta del bambino?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Quando introdurre le uova nella dieta del bambino?

Le uova sono un alimento che non può mancare nella dieta dei bambini. Tuttavia, è necessario sapere quando e come introdurle.



  • Richter M, Baerlocher K, Bauer JM, et al. Revised Reference Values for the Intake of Protein. Ann Nutr Metab. 2019;74(3):242-250. doi:10.1159/000499374
  • Gill SK, Rossi M, Bajka B, Whelan K. Dietary fibre in gastrointestinal health and disease. Nat Rev Gastroenterol Hepatol. 2021;18(2):101-116. doi:10.1038/s41575-020-00375-4