Genitorialità distratta: effetti sui figli di atteggiamenti "distratti"

La genitorialità distratta sta diventando sempre più frequente in molte case, poiché il cellulare è al centro dell'attenzione. In che modo questo influisce sui bambini? Ve lo diciamo noi.
Genitorialità distratta: effetti sui figli di atteggiamenti "distratti"

Ultimo aggiornamento: 21 aprile, 2022

Vi siete mai fermati a a pensare al tempo che trascorrete al cellulare, senza prestare attenzione ai vostri figli? In molte occasioni, i genitori non ne sono consapevoli e credono che non ci sia nulla di male. Ma questo fenomeno è noto come genitorialità distratta e ha un forte impatto sullo sviluppo dei bambini.

Sicuramente alcune di queste frasi vi suonano familiari: “aspetta, solo un momento”, “posso fare entrambe le cose contemporaneamente”, “ti sto ascoltando”. Questo perché molto spesso sono frasi che accompagnano la lamentela dei bambini al fatto che guardate il cellulare.

Il problema è che questo gesto, che sembra secondario, può essere molto dannoso per i più piccoli. I bambini hanno bisogno dell’attenzione dei genitori, nel corpo, nella mente e nell’anima. Pertanto, ti diremo cosa fare per non influenzare l’educazione dei tuoi figli.

Cos’è la genitorialità distratta?

Cosa intendiamo quando parliamo di genitorialità distratta? Ai genitori che, mentre trascorrono del tempo con i propri figli o si prendono cura di loro, non smettono di guardare il cellulare. Controllano i loro social network, la loro posta elettronica o semplicemente, sono più attenti al telefono che al loro piccolo.

Facciamo un esempio di una situazione genitoriale distratta. Nostro figlio ci mostra come fare un esercizio e ci dice “guarda, mamma, papà, cosa sto facendo”, ma non ottiene risposta. “Mamma, papà, mi stai guardando?”. I genitori, che erano completamente disconnessi dalla situazione e concentrati sul nostro cellulare, hanno risposto che ha fatto benissimo senza vederlo, a toglierlo di mezzo e tornare allo smartphone.

Anche se può sembrare crudele, è una situazione che si vive molto spesso in centinaia di case. Pertanto, è importante prenderci cura dei nostri figli e mettere da parte gli schermi quando siamo con loro.

padre lavora computer portatile divano bambino triste arrabbiato si sente ignorato
I genitori assenti possono essere fisicamente presenti, ma sono mentalmente ed emotivamente disponibili per i loro figli.

In che modo la genitorialità distratta influisce sui bambini?

Queste azioni, che sembrano innocue, possono nascondere un grande rischio nello sviluppo emotivo dei bambini. Pertanto, non dimenticare che se pratichi la genitorialità distratta, tuo figlio può essere danneggiato. Ti diciamo come.

Danneggia la sua autostima e il senso del valore

Se siamo con una persona (amico, familiare, partner) che, invece di parlarci e guardarci, passa il tempo appeso al cellulare, cosa penseremo? Bene, che non siamo preziosi per lui o lei.

I bambini ricevono esattamente lo stesso messaggio quando i loro genitori sono più consapevoli del cellulare che di loro. Ciò influisce negativamente sulla loro autostima e sul senso di valore.

Favorisce la perdita del legame tra genitori e figli

La genitorialità distratta trasforma i genitori in genitori assenti per i loro figli.

Quando siamo al cellulare, non giochiamo né interagiamo con i nostri figli. Se questo persiste nel tempo, può causare la perdita del legame, poiché se i bambini presumono che i loro genitori non prestino loro attenzione, si disconnettono anche da loro.

Rappresenta un cattivo esempio

Sappiamo tutti che l’uso eccessivo della tecnologia colpisce il cervello, soprattutto quelli che sono in pieno sviluppo.

Pertanto, non ha senso per noi dire loro di non abusare degli schermi o di limitarne l’uso, se in seguito rimarremo incollati al cellulare tutto il giorno. Non dobbiamo dimenticare che i bambini imparano dai nostri esempi e che finiscono per seguire le nostre orme.

Aumenta le richieste di attenzioni

Sebbene ogni bambino sia un mondo e tutto dipenda dal carattere individuale, ci sono bambini che cercano di attirare l’attenzione dei genitori ricevendo un’educazione distratta. Come fanno? In generale, attraverso comportamenti inappropriati, come sfide o disobbedienza.

Nei bambini più piccoli sono comuni i capricci, che sono la risorsa di eccellenza per catturare l’attenzione dei genitori.

Favorisce la perdita di interesse e di comunicazione in famiglia

Il flusso costante di informazioni dai social network, che sono progettati per creare dipendenza, significa che abbiamo bisogno di stimoli continui per mantenere la nostra attenzione.

In questo modo, quando i nostri figli ci parlano di cose che non sono interessanti, tendiamo a disconnettere e sollevare il cellulare, senza esserne molto consapevoli.

Oltre a ciò, anche la comunicazione in famiglia ne risente, poiché siamo più consapevoli delle notifiche che riceviamo che delle conversazioni con i nostri figli.

Ragazzo che guarda la TV con suo padre, che non gli presta alcuna attenzione.
I progressi tecnologici hanno portato grandi vantaggi in termini di acquisizione di conoscenze, ma hanno anche scollegato molti genitori dal loro ruolo fondamentale di modello per i loro figli.

A proposito di genitorialità distratta, possiamo dire…

Ora che sai cos’è la genitorialità distratta, dovresti cercare di evitarla ogni giorno con i tuoi figli. I bambini hanno bisogno che prestiamo loro attenzione e non rispondiamo alle loro domande con risposte automatiche. Dobbiamo far loro sentire che ciò che ci chiedono, ci dicono o ci insegnano è la cosa più importante per noi.

Pertanto, si sentiranno importanti, apprezzati e rispettati da noi. Pertanto, spegni il telefono quando sei con tuo figlio, stabilisci orari e luoghi disconnessi dalla tecnologia e interagisci con lui senza distrazioni intermedie. Non è così difficile quando ci provi.

This might interest you...
Mio figlio si distrae in classe: che cosa devo fare?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Mio figlio si distrae in classe: che cosa devo fare?

"Mio figlio si distrae in classe"; questa esclamazione risulta una delle preoccupazioni più ricorrenti legate ai bambini in età scolare.