La dissociazione nei bambini e negli adolescenti

La somatizzazione del disagio può essere una delle conseguenze della dissociazione nei bambini e negli adolescenti. Si verifica quando il corpo cerca di elaborare e di farsi carico di una situazione traumatica o complessa.
La dissociazione nei bambini e negli adolescenti
Maria Fátima Seppi Vinuales

Scritto e verificato la psicologa Maria Fátima Seppi Vinuales.

Ultimo aggiornamento: 02 giugno, 2023

Di fronte a una situazione di impatto, forse immagini di reagire in un certo modo. Tuttavia, quando arriverà quel momento, potresti essere sorpreso dalla tua stessa risposta. Succede che a volte la circostanza superi la tua capacità di agire in una direzione. Ecco come funzionano i meccanismi di difesa. Di seguito puoi trovare informazioni su come funziona la dissociazione nei bambini e negli adolescenti.

Cos’è la dissociazione nei bambini e negli adolescenti?

In termini generali, la dissociazione si riferisce alla separazione o disconnessione dalla realtà. Solitamente è associato a situazioni di trauma e di grande stress, motivo per cui si mette in moto come meccanismo di difesa. In questo senso, i bambini e gli adolescenti sono esposti a un’esperienza che non possono tollerare o risolvere. In questo modo, per proteggersi, il corpo e la mente si disconnettono e prendono le distanze dal fatto.

Quali situazioni possono portare alla dissociazione nei bambini e negli adolescenti?

Situazioni di abuso, episodi di violenza o un evento traumatico, tra gli altri, possono portare bambini e adolescenti alla dissociazione.

Alcuni di essi potrebbero essere i seguenti:

  • Essere vittima o testimone di violenza.
  • Situazioni di abuso.
  • Esperienze di incuria e abbandono.
  • Genitori basati sulla paura e sulla minaccia.
  • Evento traumatico, come un incidente (essere un testimone o una vittima), tra gli altri.
  • Bullismo o bullismo cronico.

Sintomi di dissociazione

Alcuni dei segni più frequenti di dissociazione nei bambini e negli adolescenti sono i seguenti:

  • Amnesie : ci sono blackout su certi episodi. Il bambino o l’adolescente non ricorda di essere stato presente e non si riconosce parte o protagonista di un evento a cui altre persone lo riferiscono.
  • “Going blank” : molto simile al punto precedente, quando un bambino ha vissuto un episodio di violenza, forse l’ha bloccato. È come essere nel posto, ma senza esserci. In quel momento, quel “diventare vuoto” era funzionale e difensivo. Tuttavia, la dissociazione può anche intromettersi in altre aree della vita e può portarti a disconnetterti da altre situazioni. Indubbiamente, ciò influisce sulla loro partecipazione, sul loro divertimento e anche sul loro apprendimento e rendimento.
  • Emozioni altrui o senza motivo : molte volte capita che bambini o adolescenti riferiscano di sentirsi tristi o con grande angoscia, ma non riescono a identificarne l’origine.
  • Intorpidimento emotivo : nessuna situazione scatena un’emozione.
  • Espressioni psicosomatiche : molte volte, questa repressione o occultamento del trauma porta a “spegnere” la mente. Tuttavia, questo disagio persiste e cerca un modo per manifestarsi o trasformarsi. Come fa? Ad esempio, attraverso macchie o allergie cutanee. Inoltre, attraverso comportamenti regressivi (i bambini bagnano di nuovo il letto di notte o si succhiano il pollice, tra le altre cose).
  • Incubi o difficoltà del sonno : ad esempio, gli adolescenti possono svegliarsi nel cuore della notte spaventati da un brutto sogno. O anche che non possono tornare a dormire. Nel caso dei bambini possono esserci anche incubi e paura di dormire con la luce spenta, tra gli altri.
  • Comportamenti a rischio: soprattutto negli adolescenti. Può presentarsi attraverso rapporti sessuali non protetti, abuso di droghe, guida ad alta velocità e altri.
dissociazione
Molte volte, il minore non è incoraggiato a condividere determinate esperienze per paura o vergogna. Pertanto, puoi contattare un professionista che ti accompagni nel tuo processo di guarigione.

Come agire?

Al di là dei segni di dissociazione, è sempre importante tenere conto della storia e del contesto del bambino o dell’adolescente. Ci sono le chiavi per capire cosa succede loro, quando si tratta di un comportamento dovuto a un trauma o di un comportamento temporaneo e atteso nella loro fase evolutiva. Sapere quel minore è ciò che ci permetterà di pesarlo e capirlo.

Alcune delle raccomandazioni da tenere in considerazione con la dissociazione nei bambini e negli adolescenti sono le seguenti:

  • Creare uno spazio per un dialogo rispettoso e premuroso. Cerca di offrire un ambiente affettuoso, ascolto attivo ed empatia. Permettigli di pensare, sentire ed esprimere le sue emozioni.
  • Convalidare le emozioni. Di fronte a situazioni complesse, non esiste un modo universale per risolverle. Ognuno fa quello che può con le risorse che ha. Molti bambini e adolescenti non si riconoscono e non capiscono cosa sta succedendo loro. Da adulto, dovresti essere in grado di aiutarlo a dargli un nome e sostenerlo nel percorso di scoperta.
  • Aiuta a connetterti con il qui e ora. Le tecniche di rilassamento e mindfulness, adattate alle diverse età, sono molto utili. Questi servono ad aiutare i bambini e gli adolescenti a connettersi, a essere presenti, a focalizzare la loro attenzione ea “impedire che la loro testa si allontani”.
  • Chiedi aiuto a un professionista. A volte, il dolore di un bambino o di un adolescente di fronte a una situazione traumatica è molto più di quello che un adulto può sopportare senza gli strumenti giusti.

Accetta per continuare

Nel tempo e con l’aiuto, i bambini e gli adolescenti dovrebbero essere in grado di trasformare il loro dolore in resilienza. In questo modo, possono essere rafforzati dalle avversità. Pertanto, è possibile creare nuove condizioni, così come il potere di accettare, perdonare e guarire. Per questo sarà necessaria una rete di contenimento che li accompagni e serva da supporto. Questa rete deve essere in grado di offrire cura e una visione di apprendimento e ottimismo della vita.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Rodríguez Vega, B., Fernández Liria, A. y Bayón Pérez, C. (2005). Trauma, disociación y somatización. Anuario de Psicologia Clinica y de la Salud/Annuary of Clinical and Health Psychology, 1, 27-38.
  • Cazabat, E. H. (2004). Evolución histórica del concepto de disociación. Revista de psicotrauma3(1).

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.