La nozione spaziale nei bambini: come e quando si sviluppa?

Vi spieghiamo in cosa consiste lo sviluppo della nozione spaziale nei bambini, quali sono le sue caratteristiche in ogni fase e il suo rapporto con le capacità intellettive e motorie.
La nozione spaziale nei bambini: come e quando si sviluppa?
Francisco María García

Scritto e verificato da l'avvocato Francisco María García.

Ultimo aggiornamento: 04 novembre, 2022

Lo sviluppo della nozione spaziale nei bambini condiziona la loro collocazione nell’ambiente in cui si trovano e il loro apprendimento a scuola e nella vita. A seconda della tua età, la capacità di stabilire questi riferimenti migliorerà.

Man mano che la nozione di spazio si sviluppa, il bambino inizia a formarsi l’idea del proprio corpo, del suo schema corporeo. Ciò significa che crei un’immagine mentale del tuo corpo in relazione all’ambiente. Da questa rappresentazione si evolverà la conoscenza del mondo.

All’inizio il piccolo avrà come riferimento il proprio corpo, e pian piano raggiungerà le astrazioni del pensiero adulto.

Sviluppo della nozione spaziale nei bambini

La nozione di spazio nei bambini si evolve parallelamente al resto del loro pensiero.

Fino a 2 anni

  • La nozione di spazio è ridotta alle possibilità che hai di muoverti. Lo spazio è ciò che vedi.
  • Ha il proprio corpo come riferimento principale.
  • Sebbene percepisca le relazioni spaziali tra le cose, non riesce ancora a interiorizzarle. Pertanto, per lui, le cose “scompaiono” quando non sono presenti nel suo spazio visivo.

da 2 a 6 anni

  • Sviluppa un’idea di spazio ancora limitata. Comprende lo spazio specifico della sua casa, quello dei parenti che frequenta frequentemente e del centro prescolare. Sono spazi con cui si hanno relazioni affettive. Il tuo spazio è il “qui”.
  • Comprendere semplici relazioni spaziali: alto-basso, fronte-retro, per esempio. Queste relazioni sono fondamentali per l’evoluzione della nozione spaziale nei bambini.
  • La sua nozione di distanza è davvero unica. Per lui, la distanza tra due oggetti si accorcia se un terzo oggetto si interpone tra loro.
  • Non riesce a comprendere la nozione di quartiere, città o paese. Forse memorizzerà il nome della città o del paese in cui vive, ma sarà per lui solo un’etichetta senza contenuto.

“All’inizio il piccolo avrà come riferimento il proprio corpo, e poco a poco raggiungerà le astrazioni del pensiero adulto”

La nozione spaziale dai 6 agli 11 anni

  • La sua capacità di localizzazione progredisce. A poco a poco si libera dal suo egocentrismo, che permette l’avanzamento dell’osservazione oggettiva. È in grado di percepire un luogo anche se non ne è mai stato in contatto prima. Comprendere l'”oltre” riferito a luoghi sconosciuti.
  • A poco a poco acquisisce il concetto di medium locale e nazionale. La sua nozione di spazio si sta ampliando.
  • Con l’osservazione obiettiva è in grado di analizzare e rappresentare lo spazio. Ad esempio, puoi disegnare una fila di alberi in prospettiva. Il più grande rappresenterà il più vicino, il più piccolo il lontano. I cambiamenti di dimensione mostreranno la tua idea di distanze spaziali.
  • Acquisire la nozione di spazio geografico. È in grado di localizzare un luogo conosciuto su una mappa e capire cosa rappresenta una mappa.
  • Man mano che cresce, il suo concetto di spazio si consolida. Riesce ad orientarsi e a non perdersi utilizzando riferimenti esterni, come un edificio o un segno nel suo percorso, ad esempio.
Nei loro primi anni di vita, il "qui" è tutto ciò che esiste per i bambini, poiché non possono fare astrazioni.

Dai 12 anni

  • La pubertà è una fase di importanti cambiamenti, non solo fisici, ma anche concettuali. Il pensiero adolescenziale si muove con astrazioni e non più con immagini di cose tangibili. La sua nozione di spazio non dipende più dal concreto, ma dalle concettualizzazioni.
  • La nozione di spazio ne completa lo sviluppo e consente rappresentazioni mentali di dimensioni non verificabili con gli organi di senso. Riesce a comprendere concetti astronomici, come le distanze tra pianeti o stelle.

Come stimolare la nozione spaziale nei bambini

La psicopedagogia afferma che lo sviluppo della nozione di spazio nei bambini condiziona l’ apprendimento in generale. Ha un impatto molto diretto sull’alfabetizzazione e sulla matematica.

Gli esperti dicono che lo sviluppo della nozione spaziale influenza abilità come la scrittura.

Pertanto, è importante che genitori e insegnanti diventino facilitatori per stimolare e promuovere questo sviluppo.

Il processo di sviluppo della nozione di spazio

Nella prima infanzia, è necessario lavorare sul “spazio vissuto” attraverso l’esperienza diretta. È importante permettergli di esplorare gli spazi fisici in cui si trova. Ciò comporta lasciarlo strisciare, sedersi a terra e strisciare intorno.

Occorre anche offrire al bambino giochi in cui siano stimolati i concetti di: destra-sinistra, avanti-indietro, prima-dopo, su-giù, dentro-fuori, vicino-lontano e inizio-fine.

Uscite, passeggiate e tour sono ottime occasioni per promuovere lo sviluppo della nozione di spazio.

Sebbene la psicopedagogia presenti generalizzazioni che possono essere prese come parametri, non va mai dimenticato che ogni bambino costituisce un caso a sé e che è così che va affrontato.

Potrebbe interessarti ...
Pedagogia infantile: di cosa si occupa?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Pedagogia infantile: di cosa si occupa?

La pedagogia infantile è un ramo specifico della pedagogia che studia i problemi relativi all'educazione dei bambini. Andiamo a scoprire di cosa si...




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.