Le infusioni per neonati sono consigliate?

In passato era comune dare ai bambini la camomilla per prevenire le coliche. Tuttavia, il consiglio degli esperti è cambiato. Vi diciamo qual è il più attuale.
Le infusioni per neonati sono consigliate?

Ultimo aggiornamento: 24 novembre, 2022

Le infusioni non devono essere introdotti nella dieta dei neonati, in quanto possono essere dannosi per loro. Questi hanno proprietà sull’apparato digerente, ma possono contenere sostanze tossiche per un organismo in via di sviluppo. Per questo motivo, è meglio evitarli.

Sebbene durante l’età adulta le tisane possano essere degli opportuni integratori alla dieta, nelle prime fasi della vita sarà meglio offrire acqua o latte materno come fluidi principali. Questi servono a garantire lo stato di idratazione e a fornire i nutrienti di cui il bambino ha bisogno.

A cosa servono le infusioni?

L’obiettivo principale di includere le tisane nella dieta ha a che fare con l’alleviare il dolore addominale o allo stomaco. Inoltre, possono generare un effetto di rilassamento, che permette di dormire per un maggior numero di ore consecutive che, a medio termine, gioveranno alla salute.

Offrire l’allattamento al seno

La verità è che i bambini sotto i 6 mesi devono essere nutriti solo attraverso l’allattamento al seno. Questo ha tutti i nutrienti di cui il corpo ha bisogno nei primi momenti di vita. Allo stesso modo, contribuirà a ridurre l’incidenza delle patologie autoimmuni a medio termine.

Sebbene fino a qualche anno fa fosse comune offrire la camomilla ai neonati, attualmente si consiglia di non inserire nella propria dieta le tisane, in quanto potrebbero avere effetti negativi sulla salute.

Rischi di dare infusioni ai neonati

Nel caso di introduzione di infusi nella dieta del bambino, è possibile che consumi una minore quantità di latte materno, il che mette a rischio il suo stato nutrizionale. Potrebbero persino sperimentare l’intossicazione se vengono offerte loro quantità superiori a quelle che il corpo a quell’età è in grado di sostenere.

A tutto questo bisogna aggiungere il fatto che gli infusi possono contenere tannini, un antinutriente che blocca l’assorbimento del ferro a livello intestinale. Ciò è evidenziato da una ricerca pubblicata sulla rivista Current Developments in Nutrition.

Altre infusioni, come il tè, contengono teina, un analogo della caffeina che ha dimostrato di avere effetti negativi sulla salute del bambino. Per questo motivo è fondamentale escludere questo alcaloide dalla dieta dei bambini.

A che età si possono inserire le infusioni nella dieta dei bambini?

La cosa ottimale è impedire ai bambini di consumare infusi. Questi non dovrebbero essere inclusi nella dieta fino a quando il bambino non ha 3 anni. Nei primi momenti vanno offerti solo saltuariamente, visto che si tratta di una bevanda che non ha un apporto nutritivo. In nessun caso deve sostituire un pasto.

Tuttavia, quando si offrono infusi ai bambini, è fondamentale assicurarsi che manchino di teina o composti simili all’interno. In caso contrario, il corretto sviluppo del sistema nervoso e cognitivo potrebbe essere compromesso. Inoltre, la capacità di dormire viene alterata quando viene somministrata tale sostanza, poiché influisce sull’orologio biologico del corpo.

Nel caso di inserimento di infusi nella dieta del bambino, bisogna anche evitare di aggiungere zucchero. Un eccesso di carboidrati semplici nella dieta può condizionare lo sviluppo di patologie di natura metabolica, come il diabete di tipo 2. Da qui aumenta l’incidenza dell’obesità, problema che porta ad altre patologie in modo complementare.

infusioni per neonati
Le infusioni non devono essere offerte ai bambini fino a quando non hanno 3 anni. Possono essere forniti anche saltuariamente, poiché non hanno un apporto nutritivo.

Non introdurre infusioni nella dieta dei neonati

Come avete visto, l’inclusione delle tisane nella dieta dei bambini è sconsigliata. Questi potrebbero contenere sostanze tossiche per un organismo ancora in via di sviluppo, quindi è importante evitare qualsiasi esposizione ad esse. La cosa migliore in questo periodo è garantire l’approccio di una dieta varia ed equilibrata.

Sebbene in passato la camomilla o l’anice stellato venissero spesso offerti a bambini e neonati, oggi gli esperti sconsigliano tale pratica. Nel caso in cui il lattante avverta frequentemente dolori di pancia, sarà necessario effettuare un intervento dietetico o recarsi presso uno studio specialistico.

Infine, quando il bambino avrà più di 3 anni e potrà iniziare a bere queste bevande, sarà fondamentale evitare di aggiungere zucchero. In caso contrario si potrebbe generare uno stress pancreatico che mette a rischio il corretto funzionamento del metabolismo.

Potrebbe interessarti ...
Infusi che potete assumere se siete in gravidanza
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Infusi che potete assumere se siete in gravidanza

Durante la gravidanza il poter consumare una bevanda calda e confortante sarebbe l'ideale, ma quali sono gli infusi che potete assumere?



  • Delimont, N. M., Haub, M. D., & Lindshield, B. L. (2017). The Impact of Tannin Consumption on Iron Bioavailability and Status: A Narrative Review. Current developments in nutrition1(2), 1–12. https://doi.org/10.3945/cdn.116.000042
  • Wikoff, D., Welsh, B. T., Henderson, R., Brorby, G. P., Britt, J., Myers, E., Goldberger, J., Lieberman, H. R., O’Brien, C., Peck, J., Tenenbein, M., Weaver, C., Harvey, S., Urban, J., & Doepker, C. (2017). Systematic review of the potential adverse effects of caffeine consumption in healthy adults, pregnant women, adolescents, and children. Food and chemical toxicology : an international journal published for the British Industrial Biological Research Association109(Pt 1), 585–648. https://doi.org/10.1016/j.fct.2017.04.002

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.