Sangue dal naso in gravidanza: perché?

Il sanguinamento dal naso è un sintomo comune della gravidanza. Scoprite perché si verifica e quando è il caso di consultare il vostro medico.
Sangue dal naso in gravidanza: perché?

Ultimo aggiornamento: 17 ottobre, 2021

Il sangue dal naso (o epistassi) è un sintomo molto comune della gravidanza ed è dovuto principalmente ai cambiamenti adattativi che il corpo della donna subisce per portare il bambino in grembo. Oltre a quelli appena elencati, in alcuni casi ci sono altri fattori che ne aumentano l’incidenza.

Sebbene di solito sia una condizione lieve e che si risolve rapidamente, è importante sapere cosa fare quando si verifica e per quali sintomi consultare un medico.

Cause del sangue dal naso in gravidanza

Dall’inizio della gravidanza, i cambiamenti ormonali sperimentati dal corpo della madre influenzano tutti i suoi sistemi. Questo risponde ai bisogni biologici di sopravvivenza al nuovo stato.

Successivamente, descriveremo i fattori coinvolti nello sviluppo dell’epistassi durante la gravidanza:

Cambiamenti circolatori

Una delle modifiche più significative della gravidanza si verifica nel sistema circolatorio (vene e arterie), poiché è essenziale garantire l’apporto di sangue al bambino per fornire i nutrienti necessari.

Questi cambiamenti sono legati all’aumento degli ormoni della gravidanza (estrogeni e progesterone) e sono i seguenti:

  • Nella prima metà della gravidanza si registra un marcato aumento del volume sanguigno materno, per soddisfare le esigenze del neonato.
  • Gli estrogeni fanno rilassare e dilatare le pareti dei vasi, rendendo più facile per il sangue raggiungere tutti i tessuti. Questo, a sua volta, genera più congestione del sangue nelle mucose, come quelle nasali e orali (gengive).
  • Il progesterone è responsabile dell’aumento della pressione sanguigna. Questo si manifesta in tutti i vasi del corpo, compresi quelli del naso.

Di conseguenza, i cambiamenti generati nella mucosa nasale rendono la donna incinta più incline al sanguinamento da traumi minimi. Ad esempio, dopo essersi soffiate o grattate il naso.

epistassi viso naso donna sangue dal naso

Secchezza della mucosa del naso

Quando lo strato più esterno della mucosa nasale si secca, come accade durante l’inverno o in caso di disidratazione, questo tessuto si indebolisce e si rompe facilmente.

Per questo motivo si consiglia di idratare il naso, sia applicando creme con vaselina, sia controllando i livelli di umidità dell’ambiente.

Uso di farmaci nasali

L’uso di gocce o farmaci direttamente nel naso può alterare la struttura della mucosa. Questi cambiamenti vanno da un aumento della congestione a un indebolimento della parete e in entrambi i casi aumentano il tasso di sanguinamento.

Precedenti malattie materne

Alcune malattie materne, come i disturbi emorragici, possono aumentare il rischio di emorragie stesse.

D’altra parte, alcune condizioni congestizie, come le allergie o la rinite cronica, tendono a divampare durante la gravidanza e quindi possono innescare l’epistassi. Tutti questi cambiamenti di solito migliorano entro pochi giorni dalla nascita.

Cosa fare quando si verifica sangue dal naso?

Ogni volta che una donna incinta ha un’epistassi, è importante adottare le seguenti misure per controllarla ed evitare complicazioni:

  1. Sedetevi con la testa eretta o leggermente inclinata in avanti.
  2. Premete con decisione sulla parte morbida del naso, appena sopra le narici.
  3. Tenete premuto per 10-15 minuti.
  4. Respirate attraverso la bocca.
  5. Il raffreddore locale può essere applicato, a livello del ponte del naso, per aiutare a ridurre l’infiammazione nell’area.

È sconsigliato sdraiarsi, in quanto la postura eretta diminuisce la pressione all’interno della testa e in caso di vertigini si consiglia di sdraiarsi su un fianco e mai sulla schiena. Inoltre, non è consigliabile inserire tappi nelle narici.

Nella maggior parte dei casi, l’emorragia si attenua dopo pochi minuti, quindi non è necessario consultare il pronto soccorso. In ogni caso, è importante discuterne con il proprio medico di famiglia.

Quando è il caso di consultare il medico?

Di fronte a un sanguinamento nasale che non si placa dopo aver adottato le suddette misure, è importante consultare prontamente un medico.

In questo contesto è fondamentale escludere alcune cause di sanguinamento più complesse, come l’epistassi posteriore. Questa si verifica a causa della lesione di navi più grandi, difficili da controllare con le normali misure.

In caso di epistassi ricorrenti o quando la perdita ematica è così estesa da provocare sintomi nella gestante (vertigini, vomito o malessere generale), è consigliabile recarsi al pronto soccorso.

La salute del bambino può essere compromessa?

In caso di sanguinamento leggero e sporadico, il rischio per la salute della madre e del bambino è basso. Ma in caso di sanguinamento pesante (massiccio) o ripetuto, è importante valutare il potenziale rischio per la salute di entrambi.

Alcuni sanguinamenti massicci che si verificano nel terzo trimestre possono minacciare il benessere della diade, e talvolta sono la causa dell’interruzione della gravidanza. Questa decisione dipende, tra l’altro, dall’età gestazionale del bambino e dalle condizioni di salute della madre.

Infine, sono stati pubblicati studi che suggeriscono una possibile relazione tra epistassi della gravidanza e aumento del rischio di emorragia post-partum. Sebbene questa associazione possa esistere, sono necessari ulteriori studi per determinarla con precisione.

Gli esami del sangue sono utili per individuare precocemente le malattie

Come prevenire il sangue dal naso in gravidanza?

Sebbene sia un sintomo frequente e poco rilevante, esistono alcune misure di prevenzione:

  • Evitare graffi nasali e l’applicazione di farmaci topici (come spray nasali).
  • Mantenere un’adeguata idratazione del corpo.
  • In caso di abitare in zone con clima secco, regolare l’umidità dell’ambiente.
  • Utilizzare gocce di soluzione fisiologica per inumidire la mucosa nasale.
  • Quando si osserva la pelle secca o la mucosa del naso, applicare creme con vaselina nelle narici.
  • Soffiare il naso delicatamente.
  • Dopo un episodio di epistassi, evitare sforzi (esercizio fisico intenso o sollevamento di oggetti pesanti dal pavimento).

Alcune considerazioni finali

Il sanguinamento nasale è una condizione molto comune della gravidanza. Sebbene nella maggior parte dei casi non implichi un rischio per la salute della madre e del bambino, è importante sapere come procedere se si verifica e per quali sintomi consultare il medico.

Potrebbe interessarti ...
Come la gravidanza influenza i sensi
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come la gravidanza influenza i sensi

Il modo in cui la gravidanza influenza i sensi influenza la percezione di odori, sapori o suoni. Scoprite perché succede.