Segni di psicosi negli adolescenti

La psicosi può comparire per la prima volta nell'adolescenza. Conoscere i suoi sintomi aiuta a rilevarlo in modo che i giovani possano ricevere cure precoci.
Segni di psicosi negli adolescenti

Ultimo aggiornamento: 18 novembre, 2022

La psicosi è una delle condizioni mentali più gravi che esistano. Non è davvero una malattia in sé, ma una manifestazione che può comparire in una moltitudine di patologie. Tuttavia, molti di loro di solito iniziano prima di raggiungere l’età adulta. Per questo motivo è fondamentale prestare attenzione ai primi segni di psicosi sin dall’adolescenza.

Una volta sviluppata, la psicosi può essere estremamente spaventosa e impegnativa sia per il giovane che per la famiglia. Oltre al disagio e alla sofferenza emotiva, praticamente tutti gli ambiti della vita saranno limitati, come la scuola, la famiglia o le amicizie. Fortunatamente, se viene rilevato nelle sue fasi iniziali, è possibile intervenire per prevenirlo o ridurre i sintomi.

Cos’è la psicosi?

La psicosi è una grave condizione mentale in cui la persona perde il contatto con la realtà. È caratterizzata principalmente dalla presentazione di allucinazioni (la persona può sentire o vedere cose che non esistono) e deliri (idee o pensieri irreali). Inoltre, le emozioni, la motivazione, il linguaggio e il comportamento possono essere influenzati.

La psicosi è un insieme di sintomi che compaiono nel corso di diversi disturbi mentali. Principalmente nei seguenti:

  • Schizofrenia.
  • Depressione.
  • Disturbo bipolare.
  • Brevi rotture psicotiche.
  • Psicosi indotta dall’uso di sostanze.

Tutte queste condizioni possono insorgere già in adolescenza, ma soprattutto la schizofrenia tende a manifestarsi in questo periodo. Inoltre, questa è una fase particolarmente vulnerabile in quanto molti giovani iniziano a fare uso di droghe, che possono scatenare il disturbo.

La psicosi è una condizione mentale che compare in disturbi come la schizofrenia, la depressione, il disturbo bipolare, i crolli psicotici o attraverso l’uso di sostanze.

Segni di psicosi negli adolescenti

Prima che la psicosi stessa appaia o la malattia associata si sviluppi completamente, è possibile identificare alcuni segni. Questi sono noti come sintomi prodromici e sono essenzialmente sintomi lievi o attenuati di psicosi.

Non tutti gli adolescenti con questi segnali svilupperanno psicosi, ma hanno un rischio molto più elevato di farlo. Ecco alcuni di questi segni a cui dovresti prestare attenzione.

1. Cambiamenti nel comportamento

Qualsiasi cambiamento nel comportamento abituale dell’adolescente dovrebbe essere osservato, in quanto può costituire un segnale di avvertimento. Questi sono alcuni esempi:

  • Tendenza a isolarsi e trascorrere lunghi periodi chiusi in camera.
  • Mancanza di interesse a socializzare con la famiglia o gli amici.
  • Perdere interesse per le attività che ti piacevano.
  • Rifiutarsi di andare a scuola.
  • Cambia amici o hobby.

2. Disturbi del sonno: tra i segni di psicosi

I cambiamenti nel sonno e nei modelli alimentari sono sintomi importanti. Può darsi che il giovane mangi molto meno o molto di più del solito, che trascorra notti insonni o che alteri totalmente il suo ritmo del sonno-veglia.

3. Comunicazione e linguaggio

Uno dei segni della psicosi negli adolescenti si manifesta a livello comunicativo. Il giovane può avere difficoltà ad esprimersi e dare origine a un discorso incoerente, sconnesso o che non porta ad alcuna conclusione. Pertanto, potrebbe essere difficile per te tradurre le tue idee in parole, usare espressioni strane o parlare in modo veloce.

4. Strani pensieri e percezioni

Questi sono i segnali più eclatanti. Da un lato, il giovane può sentire voci, bip o suoni che non sono realmente presenti, così come vedere figure o ombre. In generale, qualsiasi percezione anomala dovrebbe far scattare un campanello d’allarme. Allo stesso modo, possono apparire strani pensieri, come idee di grandiosità (credersi superiori, scelti o in possesso di un superpotere).

Strane percezioni o pensieri sono uno dei principali segnali di allarme per quanto riguarda la psicosi. Il giovane può sentire voci o vedere figure che in realtà non esistono.

5. Diffidenza

Potrebbe apparire uno schema di sfiducia nei confronti degli altri, accompagnato dalla convinzione che gli altri vogliano farti del male. Di conseguenza, il giovane può essere sospettoso e ipervigile senza motivo.

6. Mancanza di cura di sé: tra i segni di psicosi

Infine, dobbiamo stare attenti se il giovane inizia a trascurare chiaramente la sua immagine, l’aspetto e l’igiene personale. Ad esempio, non fa la doccia, non si cambia i vestiti o ha i capelli arruffati.

Agire ai primi segni di psicosi negli adolescenti

La verità è che questi segni non sono esclusivi della psicosi, ma alcuni possono essere un’indicazione di altri disturbi come l’ansia o la depressione.

Possono comparire anche in alcuni momenti dell’adolescenza senza porre alcun problema di fondo. Anche così, si consiglia vivamente di consultare un professionista per chiarire cosa sta succedendo.

Se i sintomi prodromici vengono rilevati precocemente, è possibile intervenire apportando alcuni cambiamenti nello stile di vita, nei pensieri e nelle strategie di coping. Tuttavia, se non viene affrontata in tempo, la malattia può finire per sgretolarsi e i sintomi saranno più gravi rispetto a quando si ricevono cure precoci.

Pertanto, ai primi segnali, non esitate a consultare il vostro medico o uno specialista in psicologia giovanile.

Potrebbe interessarti ...
Psicosi post-partum: sapete cos’è?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Psicosi post-partum: sapete cos’è?

La psicosi post-partum, anche detta psicosi puerperale, è una patologia mentale che colpisce una percentuale molto bassa di donne che partoriscono....



  • Insúa, P., Grijalvo, J., & Huici, P. (2001). Alteraciones del lenguaje en la esquizofrenia: Síntomas clínicos y medidas psicolingüísticas. Revista de la Asociación Española de Neuropsiquiatría, (78), 27-50.
  • Miret, S., Fatjó-Vilas, M., Peralta, V., & Fañanás, L. (2016). Síntomas básicos en la esquizofrenia, su estudio clínico y relevancia en investigación. Revista de Psiquiatría y Salud Mental9(2), 111-122.