4 tipi più comuni di chirurgia dentale nei bambini

Alcune malattie della bocca dei bambini possono richiedere un intervento chirurgico dentale. Vi raccontiamo tutto sugli interventi chirurgici più frequenti durante l'infanzia per chiarire i vostri dubbi. Non perdetelo!
4 tipi più comuni di chirurgia dentale nei bambini

Ultimo aggiornamento: 29 giugno, 2022

Nelle cure dentistiche pediatriche, le procedure chirurgiche non sono così comuni. In ogni caso, la chirurgia dentale può essere una necessità quando si tratta di risolvere alcune malattie nella bocca dei bambini.

Le circostanze che giustificano questo trattamento sono diverse. Da denti molto distrutti o traumatizzati, denti in eccesso, difficoltà nella naturale eruzione dei denti o patologie dell’apparecchio ortodontico.

Successivamente, vi diremo quali sono i 4 tipi più comuni di chirurgia dentale praticati durante l’infanzia. Siete pronti?

1. Esodonzia o semplici estrazioni dentarie

concetto di estrazione del dente
Le estrazioni sono una valida risorsa per quelle situazioni in cui la permanenza del pezzo comporta maggiori rischi che benefici.

L’estrazione del dente è un atto chirurgico in cui un dente viene rimosso dalla bocca del bambino. A causa della posizione conservativa e preventiva degli ultimi tempi, è sempre meno frequente l’intervento chirurgico odontoiatrico nei bambini.

In questo modo, questa pratica è riservata solo a casi specifici e strettamente necessari, poiché richiede l’uso dell’anestesia locale, tagli alle gengive e l’uso di elementi o manovre che possono causare ansia e paura nel bambino.

Prima di eseguire un intervento chirurgico, è importante eseguire radiografie, studi complementari e preparare una dettagliata anamnesi del bambino. Tra i dati più rilevanti da evidenziare ci sono l’età del neonato, se si tratta di un pezzo temporaneo o permanente, il tempo rimanente per la sostituzione dentale e i fattori di rischio personali per la procedura. Con dati accurati è possibile pianificare l’intervento ed evitare complicazioni.

Successivamente, condivideremo con voi le situazioni che più frequentemente giustificano l’estrazione nei bambini:

  • Elementi dentali molto distrutti, a causa di carie o traumi, che non possono essere trattati con endodonzia o otturazioni;
  • Denti da latte con processi infettivi che compromettono il germe del dente permanente:
  • Elementi temporanei che interferiscono con l’eruzione dei denti permanenti;
  • Denti mobili natale e neonatale che influiscono sull’alimentazione o sono rischiosi per il bambino;
  • Necessità di ridurre il numero di pezzi nell’arcata dentale per scopi ortodontici. Ad esempio, come parte del trattamento ortesico.

La successiva riabilitazione per ripristinare l’estetica e la funzionalità della bocca sono aspetti importanti da tenere in considerazione. Queste cure varieranno a seconda delle particolarità del caso. Ad esempio, se si decide di rimuovere un dente da latte, sarà necessario considerare il posizionamento di un mantenitore di spazio per prevenire future mal occlusioni.

2. Chirurgia dentale dei denti trattenuti nei bambini

I denti trattenuti sono quelli che, al momento della loro eruzione, rimangono all’interno dell’osso e non possono uscire. Questi elementi possono essere ricoperti dall’osso e dalla gengiva o solo dalla mucosa gengivale.

A seconda dei casi, la chirurgia dentale è un’alternativa per estrarre l’elemento trattenuto dalla mascella dei bambini. In generale, è solitamente riservato ai denti mal posizionati che sviluppano cisti o ai denti soprannumerari.

Un’altra possibile indicazione è liberare lo spazio per favorire la naturale eruzione del pezzo. In quest’ultimo caso, il trattamento con l’apparecchio ortodontico può essere integrato per favorire la fuoriuscita del dente.

3. Frenectomie del labbro o linguale

È comune che alcuni bambini abbiano problemi con l’apparecchio labiale o linguale quando sono troppo corti. Alcune delle conseguenze negative di questa condizione sono le difficoltà nel mangiare, nel parlare o nel posizionare i denti. Tutti possono indurre il dentista pediatrico a suggerire un intervento chirurgico per risolvere definitivamente il problema.

La frenectomia è una procedura chirurgica semplice dal punto di vista tecnico, che cerca di liberare la connessione del frenulo con i due tessuti a cui è attaccato. Nel caso del frenulo linguale si libera l’unione della lingua con il pavimento della bocca per risolvere l’anchiloglossia. Questo stesso intervento chirurgico viene eseguito sul frenulo labiale, per correggere la stretta unione delle labbra con le gengive.

Le tecniche chirurgiche utilizzate sono varie e vengono scelte in base alle esigenze di ciascun caso. Un dato fondamentale è che possono essere eseguiti a qualsiasi età, quindi vale la pena considerare quando gli impedimenti che derivano da questi problemi sono notevoli.

Ad esempio, la frenectomia linguale viene solitamente eseguita nei bambini per favorire l’allattamento al seno ed è preferita prima che il bambino inizi a parlare, per evitare problemi fonatori. Da parte sua, la chirurgia delle labbra viene solitamente eseguita per correggere abitudini dannose o come parte di trattamenti ortodontici.

4. Altre situazioni

Le tipologie di chirurgia odontoiatrica di cui vi parliamo sono le più comuni che si praticano nei bambini, ma ci sono anche altre situazioni meno comuni e più complesse che le meritano.

In alcuni disturbi più complessi, gli interventi sono effettuati da un’équipe interdisciplinare che comprende anche il dentista pediatrico. Tuttavia, queste procedure vengono eseguite da un chirurgo maxillo-facciale e vengono eseguite in anestesia generale.

Successivamente, spieghiamo alcune situazioni che portano a procedere in questo modo:

  • Lesioni facciali: incidenti e forti colpi alla bocca possono portare i bambini a subire lesioni e fratture alle mascelle. Per recuperare la struttura anatomica della bocca è necessario eseguire interventi da parte di un team esperto di chirurghi maxillo-facciali;
  • Malformazioni congenite: i pazienti che soffrono di malformazioni dei tessuti duri e molli della bocca richiedono anche una correzione chirurgica da parte di chirurghi maxillo-facciali. Le schisi del labbro leporino e del palato sono un chiaro esempio di questa esigenza. Gli interventi chirurgici per ripristinare le funzioni della deglutizione e del linguaggio per migliorare l’aspetto del viso sono essenziali per migliorare la qualità della vita e l’adattamento sociale di questi piccoli;
  • Oncologia pediatrica: la presenza di tumori nella regione maxillo-facciale richiede un intervento di equipe per escludere neoplasie e garantire un trattamento adeguato.
dnetist chirurgo maxillofacciale dentista pediatrico e assistenti nella clinica della sala operatoria dentale
Quando la situazione lo richiede, un team di esperti formati per eseguire complesse procedure odontoiatriche risolverà il problema del bambino.

Aiutare i bambini dopo l’intervento di chirurgia dentale

Indipendentemente dal tipo di intervento chirurgico odontoiatrico che è stato fatto sui bambini, dopo l’intervento sarà necessario prestare alcune cure per favorirne la pronta guarigione.

È comune che il bambino presenti dolore, sanguinamento e gonfiore nel periodo postoperatorio. Implementate questi suggerimenti per alleviare il suo disagio:

  • Si ricorre all’uso di alcuni farmaci analgesici indicati dal chirurgo. È importante somministrarli seguendo le raccomandazioni del professionista;
  • Il giorno dell’intervento, posizionate di tanto in tanto impacchi di ghiaccio sull’area. Questo riduce l’infiammazione;
  • Favorite il sonno e il riposo per migliorare la guarigione. Impediscono al bambino di compiere movimenti rapidi e improvvisi, come quelli della parola;
  • Offrite una dieta morbida e fresca per non forzare la bocca e alleviare dolori e malesseri. Yogurt, gelati, sformati e gelatine sono buone opzioni;
  • Evitate di usare cannucce e di esporre la bocca del bambino a fonti di calore. Anche le bevande calde non sono favorevoli;
  • Mantenete l’igiene orale con la tecnica appropriata per il caso. Detergete delicatamente l’area 24 ore dopo l’intervento chirurgico. Il dentista può suggerire l’uso di un antisettico speciale per quei giorni;
  • Portate il bambino ai controlli indicati dal chirurgo. Sono necessari per rimuovere i punti (se presenti) e verificare l’evoluzione del processo.
  • Se il piccolo non migliora, inizia ad avere febbre, sviene o ha difficoltà a respirare, consultate immediatamente un medico.

Essere consapevoli del periodo postoperatorio e accompagnare il bambino nel suo recupero lo aiuterà a sentirsi meglio. E la chirurgia dentale sarà un semplice ricordo che avrà migliorato le condizioni di salute della sua bocca.

Potrebbe interessarti ...
Cosa sono i denti da squalo nei bambini?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Cosa sono i denti da squalo nei bambini?

L'aspetto dei denti da squalo durante l'infanzia può sollevare molte domande. Scoprite di cosa si tratta e come risolvere il problema.



  • Souza, A. C. R. A., Normandia, C. S., Melo, L. T., López Alvarenga, R., & Souza, L. N. (2011). Dientes neonatales: Reporte de un caso y revisión de la literatura. Avances en Odontoestomatología27(5), 253-258.
  • Biart, B. A., Martín, B. R., Prado, M. A. L., Alfonso, K. I. G., Ramos, S. L. R., & González, M. H. (2020). Dientes neonatales. Investigaciones Medicoquirúrgicas13(1).
  • Cazas Campos, L. V. Abordaje terapéutico de exodoncia en niños minimizando miedo y ansiedad (Doctoral dissertation).
  • Torres Heredia, Á. A. (2018). Factores asociados a pérdida prematura de dientes deciduos en niños menores de 8 años atendidos en la clínica estomatológica UAP-Tumbes 2013-2017.
  • Olaciregui Hernández, M. C., Castellanos Rodríguez, M. C., Florez Bayona, G., & Fernández Faverola, L. Identificación temprana de impactación de caninos maxilares mediante radiografías panorámicas digitales en niños de 6 a 12 años que asisten a las clínicas del niño de la Universidad Santo Tomás seccional Bucaramanga.
  • Farfan Layme, C. F. (2021). Tracción de canino retenido superior con aparatología ortodóntica fija utilizando ligadura metálica.
  • Cruz-Mondragón, A. C., Lara-Carrillo, E., Kubodera-Ito, T., Toral-Rizo, V. H., & Santillán-Reyes, A. M. Tratamiento ortodóncico por retención de incisivos superiores con dientes supernumerarios: Reporte de un caso clínico. Mis casos Clínicos de Odontopediatría y Ortodoncia, 75.
  • Monserrate Vera, P. D. (2021). Prevalencia de dientes supernumerarios y protocolo quirúrgico (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).
  • da Costa, L. C., da Silva Mota, N., Miasato, J. M., Chevitarese, L., & da Silva, L. A. H. (2020). Mesiodens: la influencia en la autoestima del niño. Reporte de caso. Revista de Odontopediatría Latinoamericana9(2), 160-170.
  • Leite, A. B. C. C. (2020). FRENECTOMIA LINGUAL EM BEBÊS: REVISÃO DE LITERATURA. e-RAC9(1).
  • Costa, E. F. D. S. (2020). Frenectomia lingual em neonatos: quando realizar? Uma revisão de literatura.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.