Vaiolo delle scimmie nei bambini: tutto ciò che bisogna sapere

Sei preoccupato per l'impatto del vaiolo delle scimmie sui bambini? Vi mostriamo cosa ci dicono le agenzie sanitarie a riguardo.
Vaiolo delle scimmie nei bambini: tutto ciò che bisogna sapere

Ultimo aggiornamento: 31 maggio, 2022

All’inizio di maggio 2022, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è stata informata di un focolaio di vaiolo delle scimmie in paesi non endemici. Da allora, questa malattia è stata al centro dell’attenzione, sia da parte dei media che delle organizzazioni sanitarie. Per questo oggi vi raccontiamo tutto quello che c’è da sapere su questa patologia.

Infatti, quando i genitori pensano al vaiolo delle scimmie, è inevitabile che lo associno al virus del vaiolo e ad altri virus simili e potenzialmente pericolosi. D’ora in poi vogliamo trasmettere parole di incoraggiamento, poiché questa variante del virus è meno letale di quella debellata a metà degli anni Ottanta del secolo scorso.

Cos’è il vaiolo delle scimmie?

Monkeypox è un’infezione causata da un Orthopoxvirus appartenente alla famiglia Poxviridae. Questo virus è stato scoperto per la prima volta nel 1958, in scimmie inviate da Singapore a un centro di ricerca in Danimarca. Tuttavia, il primo caso di infezione umana è stato segnalato solo nel 1970, nella Repubblica Democratica del Congo.

Come sottolineano gli esperti, l’immunità concessa dal vaccino contro il virus del vaiolo (vaccinia) è riuscita a tenere sotto controllo l’epidemia di vaiolo delle scimmie in quel momento. Tuttavia, la mancanza di rinforzi e il licenziamento delle campagne di vaccinazione nelle aree in cui questo virus è endemico hanno aperto la strada alla diffusione della malattia in questione oltre i confini.

La maggior parte dei casi di vaiolo delle scimmie si verifica nell’Africa rurale ed è considerata un’infezione endemica nelle seguenti nazioni:

  • Repubblica Democratica del Congo (RDC).
  • Camerun.
  • Repubblica Centrafricana.
  • Gabon.
  • Costa d’Avorio.
  • Liberia.
  • Sierra Leone.
  • Sudan del Sud.
  • Nigeria. Questo Paese è stato al centro dell’infezione negli ultimi anni e dal 2017 ad aprile 2020 sono stati segnalati un totale di 558 casi.

Questo tipo di vaiolo fa parte delle malattie zoonotiche, che sono caratteristiche degli animali ma che alla fine possono colpire l’uomo. Pertanto, la cosa più comune è che una persona venga infettata attraverso un serbatoio animale, ma nel contesto di un focolaio esiste anche la possibilità che il contagio sia interumano.

Va notato che sebbene appartengano alla stessa famiglia, il virus del vaiolo delle scimmie è molto più mite del virus del vaiolo già sradicato. In questo modo, i tassi di mortalità associati alla malattia che è oggi nel mirino del mondo sono molto bassi.

parte posteriore del bambino con herpes zoster eruttivo
Le lesioni caratteristiche del virus che causa il vaiolo delle scimmie sono polimorfiche. Cioè, seguono una certa sequenza da quando compaiono fino a quando non si risolvono completamente.

Quali sono i sintomi del vaiolo delle scimmie nei bambini?

I sintomi del vaiolo delle scimmie nei bambini sono simili ai sintomi del vaiolo, ma molto più lievi. Va notato che non compaiono immediatamente dopo il contatto con il virus, ma piuttosto il periodo di incubazione è in media di 14 giorni. In effetti, varia tra 5 e 21 giorni.

Secondo il sito ufficiale dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti, le manifestazioni più comuni della malattia sono le seguenti:

  • Febbre.
  • Mal di testa.
  • Dolori muscolari.
  • Brividi che fanno tremare.
  • Stanchezza e spossatezza.
  • Mal di schiena.
  • Eruzione cutanea.

Le eruzioni cutanee tendono a svilupparsi da 3 a 5 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi e hanno un decorso caratteristico, sia nella distribuzione che nell’aspetto. In primo luogo, iniziano al centro del corpo e poi si estendono agli arti. In secondo luogo, la forma delle lesioni cambia con il passare dei giorni. Iniziano come macchie, poi si sollevano, dopo un po’ si trasformano in vesciche liquide, che si rompono e lasciano croste.

Per quanto riguarda la febbre, di solito non dura più di 5 giorni e dopo questo tempo è accompagnata da lesioni cutanee e ingrossamento dei linfonodi. Quest’ultimo segno è comune nelle immagini dei bambini ed è una delle caratteristiche che differenzia il vaiolo delle scimmie da quello comune.

Sebbene la malattia abbia manifestazioni tipiche, la sua intensità varia da persona a persona. Ciò dipende principalmente dalle condizioni di base di ogni bambino.

Vale la pena notare che le persone infettate dal virus del vaiolo delle scimmie possono infettare i loro familiari o contatti stretti mentre hanno segni o sintomi attivi della malattia.

Come si trasmette il vaiolo delle scimmie

Come abbiamo spiegato prima, il serbatoio naturale del virus sono gli animali. Oltre alle scimmie, è stato rilevato anche nei roditori, come ratti, scoiattoli e ghiri.

Secondo l’OMS, il virus viene trasmesso all’uomo attraverso il contatto diretto con il sangue, i fluidi corporei o le mucose degli animali infetti. Inoltre, si ritiene che l’assunzione di carni poco cotte e altri prodotti animali di dubbia origine possa essere una possibile via di infezione.

Per quanto riguarda la trasmissione tra persone, questo fenomeno di solito si verifica nel contesto di un focolaio. Per contrarre il virus da un essere umano infetto, è sufficiente entrare in contatto con le sue secrezioni respiratorie, la sua pelle o oggetti da lui maneggiati di recente.

La trasmissione attraverso le goccioline respiratorie richiede un contatto stretto e prolungato, poiché il tasso di contagiosità di questo virus è piuttosto basso.

Nel caso specifico del vaiolo delle scimmie, i bambini possono contrarre il virus attraverso la placenta o subito dopo la nascita a causa dello stretto contatto con la madre infetta. Nel primo caso si parla di vaiolo delle scimmie congenito.

ragazzo con eruzione cutanea virale tiene la siringa con il vaccino
La vaccinazione contro il vaiolo non è stata ancora approvata come strategia di prevenzione universale nel contesto dell’attuale epidemia. È riservato a casi specifici.

Opzioni di trattamento

Attualmente non esiste un trattamento curativo per il vaiolo delle scimmie. Tuttavia, il più delle volte, il quadro si risolve spontaneamente dopo alcuni giorni.

Il vaccino contro il vaiolo, gli antivirali e le immunoglobuline sono usati come metodo di prevenzione, ma queste strategie sono riservate a coloro che viaggiano in paesi endemici o fanno parte di un gruppo ad alto rischio.

L’obiettivo principale delle terapie del vaiolo delle scimmie nei bambini è alleviare i sintomi. Inoltre, evitare complicazioni e prevenire sequele a lungo termine.

La maggior parte dei pazienti guarisce in modo soddisfacente, quindi non c’è motivo di allarmarsi in questo momento. Oggi le organizzazioni sanitarie internazionali definiscono il problema come un focolaio e non come una pandemia.

La maggior parte dei casi segnalati sono adulti e, come abbiamo detto, il rischio di infezione è basso, rispetto al virus del vaiolo eradicato. Tuttavia, in caso di dubbio o in presenza di sintomi compatibili, è meglio consultare il proprio medico di famiglia per sapere come agire.

Potrebbe interessarti ...
Cos’è e com’è nato il movimento anti-vaccini?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Cos’è e com’è nato il movimento anti-vaccini?

Il movimento anti-vaccini esiste sin dalla comparsa dei primi vaccini. È un movimento pericoloso perché non ha basi scientifiche