5 esami ginecologici che dovete conoscere

12 Maggio 2019
Ecco una lista di esami ginecologici che dovete conoscere per prendervi cura della vostra salute. Mi raccomando, non tralasciateli!

Questi esami ginecologici consentono di rilevare in tempo qualsiasi alterazione che potrebbe prodursi nel vostro apparato riproduttivo o al seno.

La salute è importante, non dimenticatelo. Non esitate a consultare il vostro medico di base o il vostro ginecologo se avete dei dubbi al riguardo o se dovete sottoporvi a uno di questi esami ginecologici.

Esami ginecologici da conoscere

Pap test

Il pap test è un esame citologico e consiste nel prelievo di cellule del collo dell’utero. È un esame semplicissimo e indolore, e permette di rilevare in tempo qualsiasi anomalia o alterazione delle cellule.

È uno degli esami ginecologici che rientrano nel programma di prevenzione del tumore del collo dell’utero.

Un’alterazione delle cellule prelevate potrebbe indicare la presenza di un’infezione provocata dal papilloma virus (HPV), la causa primaria del tumore della cervice. Questo esame ginecologico permette di studiare tali alterazioni con maggior cura allo scopo di eliminarle, nel caso in cui ciò si rendesse necessario.

Come avviene il Pap test?

Per sottoporsi all’esame sarà necessario sdraiarsi sul lettino del ginecologo. Quest’ultimo inserirà uno speculum nella vagina e preleverà i campioni di cellule con una o più spatoline. Provvederà poi a inviare i campioni al laboratorio per farli analizzare.

Si tratta di un esame indolore, al massimo leggermente fastidioso a causa dell’inserimento dello speculum. Il prelievo è comunque veloce e semplice.

Oggigiorno molte regioni offrono la possibilità di sottoporsi a questo esame gratuitamente.  Questo esame, infatti, fa parte di un programma di screening rivolto alla popolazione femminile.

Il pap test permette di individuare casi di alterazioni e infezioni da HPV prima che compaiano i sintomi. Per questo è molto importante che vi rivolgiate alla vostra azienda ospedaliera per sapere se dovete sottoporvi all’esame e, nel caso, è importante che lo facciate, soprattutto se avete iniziato ad avere rapporti sessuali.

Il Pap test deve essere fatto periodicamente, in genere ogni anno. Vi conviene comunque sempre consultare il ginecologo per informazioni più precise.

Esami ginecologici cui sottoporsi a scopo preventivo

Tampone vaginale, uno degli esami ginecologici da conoscere

L’esame del tampone vaginale, o raccolta della secrezioni vaginali, viene eseguito dall’ostetrica o dal ginecologo in ambulatorio. Si tratta di un esame indispensabile quando si nota che il flusso ha subito delle alterazioni, in particolare nell’odore, nella consistenza o nella quantità. Tali alterazioni, infatti, potrebbero indicare un’infezione vaginale in atto.

Per sottoporvi a questo esame dovrete sdraiarvi sul lettino del ginecologo. Il medico inserirà lo speculum per esaminare i genitali, la vagina e il fluido vaginale, che preleverà con un tampone simile a un cottonf fioc. Dopodiché, il campione prelevato verrà inviato al laboratorio per essere analizzato.

Come per il pap test, si tratta di un esame indolore, al massimo un po’ fastidioso al momento dell’introduzione dello speculum. Se notate un cambiamento nelle vostre secrezioni vaginali, vi consigliamo di consultare subito il medico.

Ecografia transvaginale

È un esame cui vi sottoporrà il ginecologo qualora lo ritenga necessario. Grazie all’ecografia, il dottore potrà esaminare l’utero, le ovaie e le tube di Falloppio. L’ecografia vaginale viene eseguita da sdraiate, sul lettino del ginecologo, con una sonda ecografica lunga e stretta che viene inserita direttamente in vagina.

Come per gli esami precedenti, è indolore e solo un po’ fastidioso per la posizione che bisogna mantenere. È un esame veloce che però offre numerose informazioni sul vostro stato di salute dell’apparato riproduttivo. Rivolgetevi al medico in caso abbiate dei dolori, delle irregolarità nel ciclo o altre anomalie.

Altri esami ginecologici

Ecografia mammaria

L’ecografia mammaria è un altro degli esami ginecologici cui vi sottoporrà il ginecologo se lo riterrà necessario. Permette di esaminare le mammelle ed è indicata fondamentalmente per le donne giovani poiché, con il passare degli anni, l’esame più attendibile per monitorare la salute del seno è la mammografia.

Ricordate di eseguire periodicamente l’autopalpazione del seno e di consultare il vostro medico di base o il ginecologo nel caso in cui notiate anche il più piccolo cambiamento: presenza di rigonfiamenti, alterazioni cromatiche, pelle a buccia d’arancia, secrezioni ecc.

Mammografia

La mammografia, al pari del Pap test, è un esame di screening che viene eseguito nella maggior parte delle regioni su tutte le donne di una certa età. Consultate la vostra azienda sanitaria quando arriva il momento per voi di sottoporvi a questo esame.

Essendo un esame di screening viene eseguito prima della comparsa di qualsiasi sintomo, il che consente di rilevare la malattia (se presente) con largo anticipo. Nel caso in cui il medico lo ritenesse opportuno, può prescriverlo anche in un altro momento.

La mammografia viene eseguita da un tecnico specializzato e il risultato dell’esame viene poi analizzato da un radiologo. È un esame che si esegue con il mammografo, un apparecchio che cattura delle immagini del seno per poterne esaminare la struttura interna.

È un esame un po’ fastidioso, per la compressione che il mammografo esercita sul seno. Ma solo grazie a questa compressione le immagini catturate dallo strumento risultano più chiare e nitide. È un esame comunque rapido ed essenziale per controllare lo stato di salute dei seni.

Se notate qualsiasi cambiamento nel seni, di colore, di consistenza, la presenza di protuberanze o di secrezioni, non esitate un attimo a consultare il vostro medico di base o il ginecologo.

Per concludere…

Ricordate che esistono diversi esami ginecologici cui le donne che appartengono a una determinata fascia di età possono sottoporsi in modo anche gratuito.

Rivolgetevi alla vostra azienda sanitaria e abbiate sempre cura della vostra salute!

 

  • Guía de cribado del cáncer de cuello de útero en España. (2014). Asociación Española de Patología Cervical y Colposcopia (AEPCC). [Internet] Disponible en: http://www.aepcc.org/wp-content/uploads/2015/05/AEPCC_revista01.pdf
  • Arroyo Yustos, M., Martín Angulo, M., & Álvarez-Mon Soto, M. (2017). Cáncer de mama. Medicine (Spain). https://doi.org/10.1016/j.med.2017.05.001
  • Ibarrola Vidaurre, M., Benito, J., Azcona, B., & Zubeldía, N. (2009). Patología infecciosa: Vulvovaginitis, enfermedades de transmisión sexual, enfermedad inflamatoria pélvica, abscesos tubo-ováricos. Anales Del Sistema Sanitario de Navarra.