4 falsi miti sulla frutta da sfatare per mangiare sano

24 febbraio, 2020
Scoprite con noi i 4 falsi miti sulla frutta più diffusi e approfittate al meglio delle virtù di questo fantastico alimento.
 

L’alimentazione è una scienza piena di miti. Alcuni fra i più antichi e diffusi tra la popolazione sono i miti sulla frutta, sebbene sia sana e fornisca vari nutrienti. Pertanto, in questo articolo vedremo 4 falsi miti da sfatare sulla frutta.

Evitare la frutta ricca di zuccheri per perdere peso, uno dei falsi miti più diffusi

Siete mai andati dal nutrizionista o dall’endocrino? A partire dagli anni ’80 e ’90, a chiunque volesse perdere peso è stato fornito un elenco di cibi proibiti, tra cui alcuni frutta come banane, uva, fichi, cachi e prugne. Tuttavia, i tempi sono cambiati e varie prove scientifiche dimostrano che non esiste alcuna relazione tra l’indice glicemico e la perdita di peso.

Per chi non lo sapesse, l’indice glicemico è la risposta generata dal nostro corpo al contenuto di zucchero nel cibo. Più è alto, più velocemente sarà assorbito nel sangue. Tuttavia, dipende dal cibo nel suo insieme. Cioè, la fibra rallenta quell’effetto, che è ciò che accade con la frutta.

Pertanto, potete mangiare fino a 3 porzioni di frutta al giorno, poiché sono utili per prevenire l’insorgenza di diabete, le malattie cardiovascolari e l’obesità.

I diabetici non possono mangiare frutta: un altro falso mito

Come abbiamo detto prima, la frutta è sostanzialmente formata da acqua e fibre, soprattutto se è fresca. Inoltre, fornisce vitamine e minerali. Contiene anche glucosio e fruttosio, che sono degli zuccheri semplici a rapido assorbimento.

 

Se consideriamo quest’ultimo fattore, possiamo pensare che le persone diabetiche non possano metabolizzarla bene, peggiorando i livelli di zucchero nel sangue. Tuttavia, contenendo la fibra, la frutta aiuta a regolarli, ritardandone l’assorbimento nel tempo.

Bambina circondata da frutta e verdura

Un bicchiere di succo equivale a una porzione di frutta

Questo è il falso mito più usato da chi crea le pubblicità dei succhi di frutta. Ovviamente, sono fatti di frutta ma, una volta schiacciata, la fibra si perde, per cui il corpo reagisce in modo diverso, aumentando rapidamente i livelli di glucosio nel sangue.

Ciò significa che, dopo 2-3 ore, si ha un rischio più elevato di ipoglicemia, se si soffre di diabete e, a sua volta, avrete di nuovo fame. Questo accade perché il succo di frutta è un liquido che riempie solo momentaneamente.

Per l’Organizzazione mondiale della sanità, poi, i succhi di frutta vanno inclusi tra le bevande zuccherate, quindi è consigliabile ridurre il loro consumo giornaliero.

È meglio mangiare la frutta tra i pasti, tra i falsi miti più diffusi

Avete sentito che la frutta mangiata dopo i pasti fermenta? Beh, non è necessario, a meno che non la digeriate male. In generale, coloro che difendono questo falso mito lo giustificano assumendo proteine ​​durante lo stesso pasto.

 

Al contrario, la frutta come l’ananas e la papaia contiene enzimi digestivi che facilitano la digestione delle proteine. Pertanto, non ha senso rafforzare questo motivo per evitare di mangiarla come dessert.

Un altro aspetto che deve essere preso in considerazione è che, quando si segue una dieta finalizzata alla perdita di peso o per controllare l’ansia alimentare, può essere utile mangiare la frutta prima dei pasti. Perché? Essendo ricca di fibre, acqua e vitamine ci riempie, il che ci consente di resistere fino a pranzo o a cena.

Bambine bevono succo di frutta

Per sfatare questi falsi miti, uno dei motivi validi per cui bisogna evitare la frutta dopo i pasti è solo ed esclusivamente l’intolleranza al fruttosio. Questo zucchero si trova anche in alcune verdure e frutta secca come noci, uvetta, prugne secche, ecc.

Quindi, se durante lo stesso pasto mangiamo diversi cibi che contengono dosi alte di fruttosio, il trasportatore che ne consente l’assorbimento diventerà saturo, facendo sì che l’eccesso raggiunga l’intestino senza essere digerito. Qui, i batteri lo fermentano, producendo sintomi digestivi come gas, gonfiore e pesantezza.

 

In conclusione, consumare almeno 2 o 3 porzioni di frutta fresca al giorno assicura numerosi benefici per la salute. Ricordate che il cibo si evolve nel tempo e ciò che può essere buono oggi, può non esserlo un altro giorno. Per cui, è sempre necessario adattare la dieta alle esigenze di ciascuna persona.

  • Karl JP, Roberts SB, Schaefer EJ, Gleason JA, Fuss P, Rasmussen H et al (2015). Effects of carbohydrate quantity and glycemic index on resting metabolic rate and body composition during weight loss. Obesity (Silver Spring):23(11): 2190-8.
  • Silva KC, Neri Nobre L, Emanuelle de Castro Ferreira Vicente S, Lopes Moreira L, do Carmo Lessa A, Alves Lamounier J(2016). Influence of glycemic index and glycemic load of the diet on the risk of overweight and adiposity in childhood. Rev Paul Pediatr, 34(3): 293-300.
  • Christensen AS, Viggers L, Hasselström K, Gregersen S. (2013) Effect of fruit restriction on glycemic control in patients with type 2 diabetes–a randomized trial. Nutr J,12:29.
  • Mamluk L, O’Doherty MG, Orfanos P, Saitakis G, Woodside JV, Liao LM et al (2017) Fruit and vegetable intake and risk of incident of type 2 diabetes: results from the consortium on health and ageing network of cohorts in Europe and the United States (CHANCES). Eur J Clin Nutr, 71(1): 83-91.
  • Muraki I, Imamura F, Manson JE, Hu FB, Willett WC, van Dam RM et al. (2013). Fruit consumption and risk of type 2 diabetes: results from three prospective longitudinal cohort studies. BMJ, 347.
  • Diabetes a la carta. ¿Se puede comer fruta con diabetes? Consultado el 21 de enero de 2020. Disponible en: https://diabetesalacarta.org/preguntas-frecuentes/
  • OMS. Nota informativa sobre la ingesta de azúcares recomendada en la directriz de la OMS par adultos y niños. Organización Mundial de la Salud, 2015.
  • Julio Basulto (Comer o no comer). Mejor una fruta entera que un zumo. [Actualizado el 8 de septiembre de 2015] Consultado el 21 de enero de 2020. Disponible en: https://comeronocomer.es/los-consejos/mejor-una-fruta-entera-que-un-zumo
  • Juan Revenga (Patia diabetes). (2019) No es recomendable sustituir fruta por zumos. Consultado el 21 de enero de 2020. Disponible en: http://www.patiadiabetes.com/no-recomendable-sustituir-fruta-zumos-2/
  • Ubois, L.; Farmer, A.; Girard, M. y Peterson,K. Regular sugar-sweetened beverages consumption between meals increases risk of overweight among preschool-aged children. J Am Diet Assoc 2007, 107(6): 924-34.
  • Yoshida, Y y Simoes, EJ. Sugar-Sweetened beverage, obesity and type 2 diabetes in children and adolescents: policies, taxation and programs. Curr Diab Rep 2018, 18(6): 31.
  • Pérez Aisa, A y Riquelme, A. (n.d.). Intolerancia a la fructosa-sorbitol. AEGASTRO(Asociación Española de Gastroenterologia). [Consultado 14 agosto 2019] Disponible en: https://www.aegastro.es/sites/default/files/archivos/documento-grupo/intolerancia_fructosa_-_sorbitol_0.pdf   
  • Guía Metabólica. (n.d.). Intolerancia Hereditaria a la Fructosa. [Consultado 14 de  agosto de 2019] Disponible en: https://metabolicas.sjdhospitalbarcelona.org/ecm/intolerancia-hereditaria-fructosa-ihf