Consumo responsabile di alcol durante le festività natalizie

Questo Natale, divertitevi ma fate un consumo responsabile di alcol, seguendo i consigli che vi proponiamo per evitare conseguenze negative per la salute vostra e dei più giovani di casa.
Consumo responsabile di alcol durante le festività natalizie

Ultimo aggiornamento: 19 dicembre, 2021

L’alcol è diventato una bevanda essenziale per interagire socialmente e divertirsi. Tuttavia, il suo consumo comporta conseguenze negative per la salute e per il nostro ambiente, soprattutto nei bambini e negli adolescenti. Per questo motivo, vi consigliamo un consumo di alcol responsabile per questo Natale.

Cosa si intende per consumo responsabile di alcol?

Significa essere consapevoli di quanto e con quale frequenza si ingeriscono bevande alcoliche, quando e perché. Culturalmente è un’abitudine considerata normale, eppure è una bevanda di cui si può fare a meno. Vi siete mai chiesti da quanto tempo è un’abitudine e come avete iniziato a bere?

Sebbene sia legale solo nel caso degli adulti, di solito c’è una situazione scatenante che invita a “provare”. Ci sono altri fattori di rischio, come il fatto se beviamo ci sentiamo accettati o una carenza di affetto di affetto, stress, ecc.

Bisogna anche dire che l’alcol fornisce solo calorie inutili, poiché non contiene nutrienti essenziali. Fornisce solo zuccheri aggiunti e, forse, un po’ di più, a seconda di cosa si beve.

Donna che beve responsabilmente un bicchiere di vino.

Nello spazio seguente vi parleremo dell‘impatto che il consumo di alcol ha sulla vita e sulle persone intorno a noi.

Conseguenze del consumo di alcol

L’alcol, per quanto sia venduto come fonte di antiossidanti, è dannoso per il corpo. Sebbene ci siano studi che mostrano i benefici del vino, questi sono solo basati sull’osservazione, quindi non individuano alcuna associazione, poiché ci sono molti fattori dello stile di vita da tenere in considerazione.

A questo punto, l’ alcol è la causa principale di varie patologie, come malattie cardiovascolari, tumori digestivi, demenza, tra gli altri e mortalità per qualsiasi motivo, evidenziando, in particolare, patologie cardiache e cancro.

È sufficiente bere tra 12,5 e 50 grammi di alcol almeno una volta alla settimana. Si trova in una lattina di birra, 2 bicchieri di vino, ecc., variando a seconda della gradazione alcolica delle bevande.

Inoltre provoca danni al fegato e altera l’umore, così come il comportamento, che diventa più impulsivo e violento. Genera persino incidenti stradali, quindi è consigliabile evitarlo durante la guida.

Aumenta anche i livelli di zucchero nel sangue, il colesterolo e i tassi di sovrappeso e obesità sostituendo il consumo di altri cibi o bevande meno calorici e più densi dal punto di vista nutrizionale. Di conseguenza, ha un impatto negativo sulla tua qualità di vita e su quella delle persone che vivono con te.

Rischi dell’assunzione di bevande alcoliche nei bambini e negli adolescenti

Sappiamo tutti che il consumo di alcol è totalmente vietato ai minori (18 anni in Spagna e 21 negli Stati Uniti). È un’età in cui ci stiamo ancora sviluppando, soprattutto il cervello. Pertanto, la capacità di attenzione, apprendimento e memoria risultano ridotte. Indirettamente, il numero di neuroni e il loro funzionamento sono ridotti. Inoltre, il coordinamento è peggio.

A lungo termine provoca una digestione pesante, carenze nutrizionali dovute a malassorbimento, nausea e vomito, persino mal di testa. Quindi, sii un buon esempio per loro riducendo i loro consumi ed evitando di farlo davanti a loro, o usandolo come via di fuga da qualsiasi problema. Ricorda che vedono tutto, lo imitano e lo normalizzano.

Uomo che rifiuta un bicchiere di vino.

Suggerimenti per un consumo responsabile di alcol

  • Prima di tutto, prendete carta e penna e fate una lista con la quantità giornaliera e settimanale che consumi di alcol. Vi consigliamo di annotare anche il quando.
  • Fatto ciò, riflettete su un aspetto: bevete perché ne avete voglia o per non fare brutta figura davanti agli altri? Vi piace oppure no? Così, ogni volta che vi viene offerto, potete rifiutare perché siete consapevoli.
  • Ora che avete imparato a dire di no, sostituite l’alcol con un altro drink, ispirandovi a quelli che vi proponiamo di seguito. Procedete progressivamente, in modo che sia più facile cambiarlo.

Alternative al consumo di alcol

  • La bevanda principale è l’acqua, ed è consigliata a tutti, quindi cercate di berne almeno un paio di bicchieri al giorno. Potete farlo lontano dai pasti o durante i pasti principali. Nel caso non vi piaccia, aggiungete una fetta e qualche goccia di limone o arancia.
  • Potete anche preparare alcune bibite fatte in casa a piacere.
  • Brodo vegetale o di pollo.
  • Infusi o tè.
  • Frullati di frutta o succhi di frutta e verdura.

Infine, speriamo che abbiate capito che l’alcol è dannoso e che siate incoraggiati a ridurne il consumo. Vi sentirete meglio fisicamente e mentalmente; vi sentirete più energici e concentrati. Inoltre, sarete un modello per i vostri figli.

Potrebbe interessarti ...
Il consumo di alcool durante l’allattamento
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Il consumo di alcool durante l’allattamento

Quando diventiamo madri, siamo invase costantemente da dubbi e preoccupazioni. Uno di questi è senz'altro il consumo di alcool durante l'allattamen...



  • Pisinger VSC, Holst CA, Bendtsen P, Becker U, Tolstrup JS. (2017). Perceived parental alcohol problems and drinking patterns in youth: A cross-sectional study of 69,030 secondary education students in Denmark. Prev Med, 105: 389- 96.
  • Rossow I, Keating P, Felix L, McCambridge J. (2016). Does parental drinking influence children’s drinking? A systematic review of prospective cohort studies. Addiction, 111(2): 204-17.
  • Aitor Sánchez. (2013). Limitaciones de la paradoja francesa: vino, correlación y causalidad. Mi dieta cojea. [Consultado el 24 de diciembre de 2019] Disponible en: https://www.midietacojea.com/2013/10/24/la-paradoja-francesa-el-vino-correlacion-y-causalidad/
  • Praud D, Rota M, Rehm J, Shield K, Zatoński W, Hashibe M et al. (2016). Cancer incidence and mortality attributable to alcohol consumption. Int J Cancer, 138(6): 1380-87.
  • Alicia Delgado. (2019). Más del 40% de los conductores fallecidos iba borracho o drogado. DGT. ^[Consultado el 23 de diciembre de 2019]. Disponible en: http://revista.dgt.es/es/noticias/nacional/2019/07JULIO/0718-Informe-alcohol-drogas.shtml#.XgCmZ0dKi7
  • Martin JL, Gadegbeku B, Wu D, Viallon V, Laumon B. (2017). Cannabis, alcohol and fatal road accidents. PLos One, 12(11).
  • Topiwala A, Ebmeier KP. (2018). Effects of drinking on late-life brain and cognition. Evid Based Ment Health, 21(1):11-15. 
  • Spear LP. (2018). Effects of adolescent alcohol consumption on the brain and behaviour. Nat Rev Neurosci, 19(4): 197-214. 
  • Lee RD, Chen J. (2017). Adverse childhood experiences, mental health, and excessive alcohol use: Examination of race/ethnicity and sex differences. Child Abuse Negl, 69:40-8.
  • Mostofsky E, Chahal HS, Mukamal KJ, Rimm EB, Mittleman MA. (2016). Alcohol and Immediate Risk of Cardiovascular Events: A Systematic Review and Dose-Response Meta-Analysis. Circulation, 133(10): 979-87.