Cosa fare quando il bambino non vuole masticare?

Vi diremo come agire se vostro figlio non vuole masticare per evitare un deficit nutrizionale e ottenere un adattamento progressivo che risolva il problema.
Cosa fare quando il bambino non vuole masticare?

Ultimo aggiornamento: 06 ottobre, 2022

La masticazione è un’abilità che si acquisisce durante le prime fasi della vita. I bambini di solito possono iniziare a mangiare cibi grossi o grossi a 8 o 9 mesi di età, anche se non hanno ancora i denti completamente sviluppati. D’altra parte, non è consigliabile ritardare troppo l’introduzione dei solidi nella linea guida, poiché ciò potrebbe allungare il processo di apprendimento a masticare.

È importante che i bambini acquisiscano presto l’abitudine di sedersi a tavola con gli altri membri della famiglia. A poco a poco acquisirai familiarità con il cibo e le sue caratteristiche organolettiche, che ne impediranno il rigetto in futuro. Ciò garantirà che la dieta sia il più varia ed equilibrata possibile.

Come comportarsi se il bambino non vuole masticare?

Può darsi che dopo due anni di vita il bambino non voglia masticare. In questo caso, la cosa migliore da fare è aumentare progressivamente la consistenza delle puree, in modo da trovare a poco a poco dei pezzetti, che all’inizio saranno facili da lavorare. A poco a poco questi solidi saranno sempre meno frantumati, costringendo il bambino ad aumentare lo sforzo fatto.

Allo stesso tempo, possono essere inseriti piccoli pezzi di cibo che si sciolgono facilmente in bocca. Tagliatelle ben cucinate, frutta arrosto o biscotti imbevuti di latte sono buone scelte. Ora, non è nemmeno consigliabile abusare di questi alimenti nella dieta. Molti di loro hanno al loro interno una grande quantità di zuccheri semplici, elementi che hanno dimostrato di essere dannosi per la salute nel medio termine.

Il passo successivo è iniziare a offrire il cibo schiacciato con una forchetta, come le patate lesse, per aumentare successivamente le dimensioni dei pezzi o dei pezzi. Un esempio di alimenti che potrebbero essere introdotti in questo periodo sono il riso al sugo, la carne macinata, le polpette e gli stufati. Tutti questi preparati sono facili da masticare.

Alcuni bambini più grandi si rifiutano di masticare

Può darsi che anche i bambini di età superiore ai due anni abbiano un problema con la masticazione, rifiutandosi di compiere questo atto. Potrebbe esserci anche una difficoltà neurologica che impedisce una corretta alimentazione, quindi sarà necessario escludere alterazioni legate al sistema nervoso centrale.

In questo caso, è più conveniente preparare diversi tipi di verdure morbide e cotte, oltre a pezzi di frutta o formaggio. La frittata francese può anche essere una buona opzione da offrire. Tutti questi alimenti sono facili da schiacciare in bocca senza masticare intensamente. Inoltre, di solito hanno abbastanza nutrienti all’interno.

Questa difficoltà può causare un deficit di alcuni nutrienti essenziali che condizionano la crescita. Sarà necessario cercare di coprire il fabbisogno proteico. Questi possono superare il grammo di proteine per chilogrammo di peso al giorno durante le prime fasi della vita, come confermato da una ricerca pubblicata sulla rivista Annals of Nutrition & Metabolism .

Allo stesso modo, sarà importante raggiungere un consumo adeguato di grassi e carboidrati. Tuttavia, questo può essere più semplice, poiché gli alimenti che li contengono tendono ad avere una consistenza più morbida e sono più facili da lavorare. Con l’inclusione di pasta, riso o oli nella dieta, il fabbisogno giornaliero dovrebbe essere soddisfatto.

Devi ottimizzare la dieta quando i bambini non vogliono masticare

I bambini che si rifiutano di masticare sono un problema relativamente comune. A volte questo accade a causa del dolore causato dall’eruzione dei primi denti. Tuttavia, ci sono condizioni a livello del sistema nervoso centrale che possono ritardare l’apprendimento della masticazione. Comunque sia, è necessario garantire un’assunzione ottimale di nutrienti per evitare problemi di sviluppo.

Tenete presente che se dopo due anni il bambino si rifiuta di masticare, potrebbe essere necessario consultare uno specialista per adottare la soluzione più appropriata. Questo effettuerà una serie di test per determinare l’esistenza di un problema psicologico che può determinare questo comportamento. In tal caso verrà proposta una soluzione a medio termine con l’ausilio di esperti di farmacologia o comportamentali.

Potrebbe interessarti ...
Quando cominciare a dare cibi solidi ai più piccolini?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Quando cominciare a dare cibi solidi ai più piccolini?

Molti genitori tardano nel cominciare a dare cibi solidi ai propri figli. Quando un piccolo si morde le mani significa che si prepara a mangiare.



  • Freeman, C. R., Zehra, A., Ramirez, V., Wiers, C. E., Volkow, N. D., & Wang, G. J. (2018). Impact of sugar on the body, brain, and behavior. Frontiers in bioscience (Landmark edition)23, 2255–2266. https://doi.org/10.2741/4704
  • Richter, M., Baerlocher, K., Bauer, J. M., Elmadfa, I., Heseker, H., Leschik-Bonnet, E., Stangl, G., Volkert, D., Stehle, P., & on behalf of the German Nutrition Society (DGE) (2019). Revised Reference Values for the Intake of Protein. Annals of nutrition & metabolism74(3), 242–250. https://doi.org/10.1159/000499374

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.