5 errori comuni nel curare le malattie dei bambini

9 Settembre 2019
Molti genitori commettono degli errori nel curare le malattie dei bambini, e di conseguenza peggiorano le cose.

Quando i bambini si ammalano, la maggior parte delle madri tende a disperarsi, quindi è più facile commettere errori. Per affrontare la malattia di vostro figlio non dovreste improvvisare, al contrario è essenziale una consulenza specializzata. Tuttavia, in alcuni casi si tratta di lesioni o disagi perfettamente curabili a casa; pertanto, le possibilità di sbagliare aumentano. Vediamo 5 errori comuni nel curare le malattie dei bambini.

Nella maggior parte dei casi le soluzioni mediche casalinghe hanno a che fare con i consigli tramandati dalla nonna. Oppure si prende in considerazione il trattamento precedentemente raccomandato dal pediatra. In effetti, la nonna spesso tramanda una parte della sua esperienza o semplicemente deduciamo possiamo risolvere il problema attraverso un percorso specifico. Cioè, applichiamo un po’ delle nostre conoscenze precedenti per auto-medicare i più piccoli.

Si ritiene che uno dei 5 errori comuni nel curare le malattie dei bambini sia smettere di consultare il medico. È vero che alcune cose possono essere risolte solo con il kit di pronto soccorso. Tuttavia, potreste sbagliarvi.

5 errori comuni nel curare le malattie dei bambini

Qualunque errore voi commettiate, l’importante è cercare di non ripeterlo. Ecco alcuni degli errori più comuni nel curare le malattie dei bambini.

Automedicazione

Talvolta, osservando i sintomi della malattia, potremmo essere in grado di capire di cosa si tratta. In questi casi, spesso andiamo nel nostro armadietto dei medicinali per cercare un farmaco pediatrico che il medico ci ha indicato in precedenza.

Errori comuni nel curare le malattie dei bambini

È molto rischioso auto-medicare, soprattutto se si tratta di antibiotici, perché il corpo può aver sviluppato un certo tipo di resistenza. A questo proposito, se la malattia ha sviluppato una resistenza nei confronti di un determinato antibiotico, non funzionerà e potrebbe causare un altro tipo di disturbo.

L’automedicazione è rischiosa in altri modi. Non sappiamo da dove proviene la malattia, quindi è molto probabile che non riusciremo a curarla a casa. Allo stesso modo, potremmo sbagliarci nella scelta della dose, causando gravi problemi.

Alcuni specialisti spiegano che nel caso del trattamento per gli effetti della vaccinazione, è comune commettere errori. A volte i bambini hanno la febbre o una reazione quando vengono vaccinati. In questi casi, i genitori tendono a curarli e questo è considerato un errore dai pediatri.

Combinare diversi tipi di farmaci

Il rischio di combinare diversi tipi di farmaci è correlato all’avvelenamento o all’alterazione della dose. La miscela di due o più farmaci può creare diversi tipi di resistenza al prodotto. Può anche causare un avvelenamento da sovra-dosaggio, poiché l’indicazione è accurata in base all’età e al peso del bambino.

I pediatri indicheranno le possibili combinazioni in base alle loro conoscenze. Sebbene riteniamo che l’altro medicinale sia innocuo o non interferisca, è preferibile evitare i rischi.

Trattare tutte le malattie allo stesso modo

Questo è un errore davvero comune nel curare le malattie dei bambini, soprattutto nel caso di un raffreddore. Spesso finiamo per dare loro uno sciroppo per la tosse che può essere comprato liberamente in qualsiasi farmacia.

Bambino malato

Tuttavia, non sempre si tratta di tosse; potrebbe esserlo solo apparentemente. Ecco perché è fondamentale essere consapevoli degli altri sintomi e anche del tempo impiegato per rispondere al trattamento improvvisato.

I rimedi casalinghi per curare le malattie dei bambini

Non tutti i rimedi casalinghi sono innocui, specialmente se li usate per curare le malattie dei bambini. Inoltre, la maggior parte di questi non funziona immediatamente o semplicemente non funziona. Soprattutto se non siete sicuri della diagnosi, è meglio non somministrare rimedi di nessun tipo.

Allo stesso modo, i rimedi casalinghi che sono stati efficaci in precedenza possono alterare l’evoluzione della malattia se non sono compatibili. Infatti, alcuni sintomi possono aggravarsi se la temperatura o il tipo di preparazione con cui li somministrate non sono quelle adeguate.

Portare vostro figlio a scuola normalmente

Di fronte alla maggior parte delle malattie infantili, è meglio che le condizioni di salute del bambino si stabilizzino prima di portarlo a scuola. Ad esempio, se il bambino ha la febbre, anche se supera di poco la normale temperatura, è meglio che resti a casa.

Anche se sapete cos’ha vostro figlio e siete certi che non sia nulla di preoccupante, è meglio non rischiare di peggiorare le cose portando il bambino fuori di casa.

A volte le condizioni meteo non sono favorevoli per la malattia o la mancanza di riposo può aggravarne le condizioni. A volte può essere meglio aspettare fino a quando il bambino non si sente bene e fino a quando il pediatra e gli insegnanti non sono d’accordo con il suo ritorno a scuola.