Paura di fare del male ai miei figli o fobia d'impulso

Non fareste mai del male al vostro bambino, ma il pensiero di fargli del male vengono da voi stesse e vi causano grande ansia. Questo fenomeno è noto come fobia d'impulso e capita a molte madri. Scoprite perchè.
Paura di fare del male ai miei figli o fobia d'impulso
Elena Sanz Martín

Scritto e verificato da lo psicologo Elena Sanz Martín.

Ultimo aggiornamento: 17 ottobre, 2022

Sappiamo che, da quando si è madri, un figlio diventa la cosa più importante. Lo adorate e cercate il suo benessere a tutti i costi. Tuttavia, ci possono essere momenti in cui si sviluppano pensieri terrificanti, che non sapete da dove provengono e che prevedono la possibilità di fare del male a vostro figlio. Se vi è successo, probabilmente vi siete spaventate e vi siete sentite estremamente in colpa, ma state tranquille, questo succede a molte madri ed è noto come fobia dell’impulso o paura di fare del male.

Infatti, si stima che quasi il 40% delle madri con depressione post partum abbia questo tipo di pensieri. E, anche se non ne soffrite, potreste averli sperimentati anche voi. La realtà è che non dovreste temere, poiché nella fobia dell’impulso non c’è alcun rischio reale di danneggiare il vostro piccolo. Si tratta di una gestione impropria dei vostri pensieri. Scopriamo perchè.

Cos’è la fobia d’impulso?

La fobia d’impulso nasce dal pensiero di fare del male a noi stessi oa qualcun altro. Nel caso della maternità, di solito ruota attorno al ferire i propri figli. Tuttavia, è necessario spiegare che questi pensieri in realtà non hanno nulla in particolare, ma ciò che è veramente rilevante è l’impatto che provocano sulla donna.

La fobia d’impulso può verificarsi a causa di depressione postpartum, ansia o altri disturbi. A volte è necessario un aiuto professionale.

Pensieri invadenti

Tenete presente che una persona di solito ha circa 60.000 pensieri al giorno. La nostra mente è un incessante andirivieni di idee, la maggior parte delle quali non controlliamo. Queste idee automatiche non sono deliberate e possono riguardare ogni genere di cose. Alcuni potrebbero essere reali e altri no, così come alcuni potrebbero essere in linea con chi siamo e altri potrebbero essere totalmente contrari.

Per fare una similitudine, possiamo dire che la mente è come una radio in cui la musica viene costantemente trasmessa e noi siamo gli ascoltatori. In altre parole, non decidiamo cosa trasmettere e non dobbiamo nemmeno apprezzare tutte le canzoni.

Quindi, normalmente, quando le persone hanno pensieri invadenti e spiacevoli (ad esempio, sul ferire qualcuno), semplicemente li ignorano e passano a qualcos’altro. Capiscono che questa idea automatica non gli appartiene.

Il problema sorge quando quel pensiero provoca un tale impatto e provoca un tale disagio che non possiamo distogliere la nostra attenzione da esso e inizia a condizionare le nostre vite.

La paura di fare del male ai miei figli

In maternità, e soprattutto durante il periodo postpartum, i pensieri invadenti sono molto comuni e di solito sono legati al danneggiamento dei bambini. Ad esempio, quando una madre taglia il pane per il sandwich di suo figlio, potrebbe pensare: “E se gli infilassi il coltello adesso?” Oppure, mentre una donna tiene in braccio il suo piccolo nel suo soggiorno, potrebbe pensare “e se lo butto fuori dalla finestra?” o “se lo soffoco con un cuscino?”

Non utilizzare meccanismi di evitamento

Naturalmente, quando vengono fuori questo tipo di idee, lo troviamo terrificante. Tuttavia, non hanno nulla a che fare con i veri desideri o intenzioni della donna. Il problema è che, a volte, lo spaventano così tanto che finisce per dare loro la verità. In altre parole, si chiede se in qualche modo sarebbe davvero capace di fare quel danno a suo figlio.

Pertanto, la madre non solo soffre di tremende angosce, paura e senso di colpa, ma tendono ad attivarsi alcuni meccanismi di evitamento. Ad esempio, cerca di trascorrere il minor tempo possibile con il bambino o cerca di non stare mai da sola con lui perché si percepisce come un pericolo. Questo limita molto la sua vita e l’esercizio della sua maternità, ma la paura è maggiore.

Molte volte la madre evita di stare da sola con il bambino per paura di fargli del male. Tuttavia, è meglio affrontare la paura e non condizionare la maternità.

Paura di fare del male: cosa fare in questa situazione?

Se avete avuto questo tipo di pensieri, la cosa principale che dovete capire è che è molto normale. Tutti abbiamo idee aberranti che non hanno nulla a che fare con chi siamo o con la nostra volontà. Quello che succede nella fobia dell’impulso è che questo pensiero è diventato ossessione, gli abbiamo dato una credibilità che non ha e aumenta man mano che prestiamo attenzione ad esso.

Il vero problema è l’interpretazione da parte della donna di quel pensiero. “Potrebbe essere che voglio davvero farlo?”, “Potrebbe essere che lo farò?”. E la realtà è no.

Il semplice fatto che questa idea vi sembri inquietante e provochi in voi tanto dolore e tanta paura parla di quanto sia contraria alla vostra vera volontà. Sapete che non lo fareste mai, ma forse avete paura di perdere il controllo del vostro comportamento. A questo proposito, ricordate che nessuna idea è una realtà e che il fatto che la pensiate non implica che la realizzerete. In questo senso potete prendere in considerazione i seguenti suggerimenti:

  • Non date credito a quell’idea. Dovete capire che questo pensiero in realtà non vi appartiene. Quindi, dovete lasciarlo andare, smettere di nutrirlo e non dargli credibilità.
  • Rinunciate all’evitamento. Questa misura non fa che aumentare il problema. Quando vi rifiutate di tenere il bambino o di prendervi cura di lui da sole, entrate in un ciclo che dà solo potere a quel pensiero inizialmente irrilevante.
  • Affrontate la paura. In questo modo potrete verificare di avere davvero il controllo sul vostro comportamento.

Cercate un aiuto professionale per trattare la fobia dell’impulso

La fobia dell’impulso può apparire in maniera episodica, ma anche far parte di una patologia come la depressione postpartum, il disturbo ossessivo-compulsivo o l’ansia generalizzata. Pertanto, potrebbe essere necessario cercare un aiuto professionale per gestire questa situazione.

Ci sono diversi gradi di gravità. In alcuni casi, il solo rendersi conto che il pensiero non è vostro e smettere di evitare il bambino può sfociare in fobia dell’impulso.. Ma è anche possibile, ed è legale, che abbiate bisogno di aiuto e accompagnamento durante questo processo. Pertanto, smettetela di incolpare voi stesse o di sentirvi una cattiva madre, cercate di capire cosa sta succedendo e chiedete aiuto se ne avete bisogno.

Potrebbe interessarti ...
Educare al rispetto, non all’obbedienza o alla paura
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Educare al rispetto, non all’obbedienza o alla paura

Un bambino obbediente non è un bambino felice. L'obbedienza si ottiene quasi sempre attraverso la paura: la cosa migliore è educare al rispetto.



  • Abramowitz, J. S., Schwartz, S. A., & Moore, K. M. (2003). Obsessional thoughts in postpartum females and their partners: content, severity, and relationship with depression. Journal of Clinical Psychology in Medical Settings10(3), 157-164.
  • Fairbrother, N., & Woody, S. R. (2008). New mothers’ thoughts of harm related to the newborn. Archives of women’s mental health11(3), 221-229.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.