Stanza del bambino: decoratela con il metodo Montessori

· 20 giugno 2018

“Il metodo Montessori contiene elementi che possono aiutarvi anche nel momento di arredare la stanza del bambino. Questo metodo si utilizza nelle aule all’asilo per stimolare l’educazione infantile.”

Quando sta per arrivare un nuovo bebè in famiglia scatta la corsa alle compere per rendere la stanza il più accogliente e comoda possibile. A volte nemmeno i genitori sono coscienti di quello che potrebbe essere comodo per il bebè, e molto spesso sbagliano.

Oggi vi parliamo del sistema educativo Montessori per arredare la stanza del bambino, per aiutarvi a sviluppare la creatività di vostro figlio in un ambiente sicuro.

In cosa consiste il metodo Montessori per decorare la stanza del bambino?

Il metodo Montessori è noto come un modello educativo alternativo con ottimi risultati nell’apprendimento. Visto che ogni bambino ha delle abilità differenti, il metodo Montessori ha alla base la sperimentazione di queste capacità.

La caratteristica principale del metodo è che il piccolo auto esplori. Per questo, si richiede un luogo pensato per la comodità di un bambino e non di un adulto.

L’esplorazione è uno degli obiettivi che persegue questa tecnica, e il luogo migliore in cui farlo è la stessa stanza del piccolo. La stanza da letto del bebè può diventare luogo di esplorazione e scoperte. Potete ottenere tutto ciò utilizzando il metodo Montessori per decorare la stanza del piccolo.

stanza del bambino

Come implementare il metodo Montessori nella stanza del bambino?

Molto comune è vedere stanze di bambini che si adattano alle esigenze dei genitori. Invece decorare la stanza ispirandosi al Metodo Montessori, prevede:

  • Spazio. Il concetto è che la stanza sia spaziosa, areata, pulita, ben illuminata.
  • Camera. Evitare i letti in comune, le culle chiuse a partire dai 18 mesi di vita. Il metodo prevede una stanza a livello del suolo, così da essere più sicura per il piccolo che impara a muoversi.
  • Pareti. Optate per colori caldi che ispirano tranquillità. La stanza è lo spazio personale del piccolo, i colori caldi invitano al rilassamento e al riposo.
  • Mobili. Mobili come cassettiere, sedie, quadri e mensole devono essere al livello del piccolo e non dell’adulto. In questo modo si sentirà comodo perché avrà tutto alla sua portata.
  • Pavimento. Deve essere libero da ostacoli in modo che il bambino possa muoversi liberamente. Se è possibile, scegliete dei tappeti così che il piccolo possa apprezzarne la consistenza.
  • Giochi. Preferibilmente i giochi dovrebbero essere di materiale naturale invece che di plastica. Tenete a mente che i giochi molto elaborati con luci e suoni limitano la creatività.
  • Accessori. Uno specchio ad altezza bambino può permettergli l’esplorazione del suo corpo. Potete anche disporre foto di animali o paesaggi. Gli appendiabiti devono essere collocati in modo che il piccolo ci arrivi senza problemi.
  • Ordine. Si deve stimolare l’ordine di ogni cosa. Non è bene avere troppi elementi, meglio pochi e più semplici da riordinare.
stanza del bambino

7 Vantaggi di decorare la stanza del piccolo con il Metodo Montessori

Decorare la stanza del bambino con il metodo Montessori apporta i seguenti vantaggi:

  • Il piccolo è più autonomo e indipendente.
  • Apporta la libertà necessaria per sviluppare la creatività.
  • L’apprendimento è più rapido e si adatta facilmente ad ambienti diversi.
  • Contribuisce allo sviluppo integrale del bambino.
  • Il bambino è protagonista del suo stesso apprendimento.
  • L’apprendimento segue il ritmo del piccolo.
  • La pedagogia del metodo Montessori vede il piccolo come un essere completo e non come un essere indifeso.

Regalate al piccolo una stanza arredata secondo il metodo Montessori, a maggior ragione è anche più economica e funzionale delle normali stanze da letto. Inoltre esistono tantissime varianti di decorazione.