La misfonia nei bambini: se mio figlio odia alcuni suoni

Alcuni suoni possono provocare irritazione o rabbia in alcune persone. In questo articolo vi diciamo cosa fare per aiutare vostro figlio se soffre di misofonia.
La misfonia nei bambini: se mio figlio odia alcuni suoni
Maria Fátima Seppi Vinuales

Scritto e verificato da lo psicologo Maria Fátima Seppi Vinuales.

Ultimo aggiornamento: 22 settembre, 2022

Per alcune persone, suoni come battere i denti, battere le dita sul tavolo o masticare gomme passano inosservati. Tuttavia, in altri casi, questi rumori sono in grado di innescare una cascata di reazioni emotive negative e di disagio. Questo è ciò che accade nella misofonia. Vediamo di cosa si tratta.

Cos’è la misofonia

La misofonia è intesa come l’avversione ai suoni. Include una sensibilità selettiva al rumore che provoca diverse emozioni associate al disagio, come rabbia, irritabilità o disagio, tra le altre. Per questo motivo viene anche chiamata sindrome da ipersensibilità selettiva.

In generale i suoni che danno più fastidio sono quelli della masticazione, sbattere o digrignare i denti o deglutire, cioè quelli legati al cibo. Ma possono essere irritanti anche i suoni di un respiro forte o il suono generato da un passo con i tacchi.

D’altra parte, è importante non confondere la misofonia con l’iperacusia, poiché quest’ultima ha a che fare con stimoli uditivi percepiti in modo accentuato e massimizzato. Dal canto suo, nel caso della misofonia, sono i suoni ripetitivi, o quelli che seguono un certo schema, a essere fastidiosi, come il picchiettare con la punta della matita. In questo senso, per molte persone, la misofonia è per i suoni ciò che la misocinesi è per i movimenti.

Cause di misofonia

La misofonia ha la particolarità che l’intensa attivazione emotiva e il disagio non sono direttamente correlati al tipo di suono o alle sue caratteristiche; vale a dire che non deriva da un suono forte o grave, ma è correlato a ciò che provoca la persona, con la propria sensazione.

Resta quindi inteso che la misofonia ha a che fare con precedenti esperienze negative, dove si è generata una connessione disfunzionale tra il sistema limbico -legato alle emozioni- e il Sistema Nervoso Autonomo.

In questa linea, in alcuni casi, viene solitamente spiegato come un fenomeno neurologico, mentre in altri viene interpretato dal punto di vista psicologico. Tuttavia, in quest’ultimo caso, va ricordato che non è riconosciuto come disturbo, poiché non è ancora indicato nel DSM-V.

Rabbia, irritazione e difficoltà a svolgere o completare un’attività a causa di un suono ripetitivo sono alcuni sintomi della misofonia.

La misofonia: sintomi principali

La misofonia può essere espressa in alcuni segni come i seguenti:

  • Irritabilità.
  • Ansia.
  • Palpitazioni.
  • Sudorazione
  • Incapacità di prestare attenzione a qualcosa di diverso dal suono.
  • Difficoltà a proseguire con ciò che si stava facendo.
  • Disgusto.
  • Intenso e incontrollabile bisogno di fermare il suono o allontanarsi dal luogo.

Raccomandazioni da tenere a mente se vostro figlio o vostra figlia soffre di misofonia

Sebbene possa presentarsi in età adulta, è comune che il primo episodio si manifesti durante l’infanzia o l’adolescenza (tra i 9 ei 13 anni di età). Pertanto, ecco alcuni consigli da prendere in considerazione se vostro figlio non ha tolleranza per determinati suoni.

Eseguire studi per ottenere una diagnosi corretta

Se vi rendete conto che un suono innesca reazioni sproporzionate allo stimolo e che questo capita spesso, è importante dare voce a vostro figlio, ascoltarlo e chiedergli come si sente.

Tali informazioni saranno fondamentali per il passaggio successivo, cioè consultare un professionista. Come accennato, la misofonia a volte può essere confusa con altri casi, come il disturbo ossessivo-compulsivo o l’iperacusia. Ecco perché potrete avere un quadro chiaro e preciso, escludere diagnosi e offrire l’aiuto appropriato.

Spiegate a vostro figlio cosa gli sta succedendo

Una volta ottenute le informazioni necessarie, dobbiamo renderle accessibili al bambino. Spiegare il quadro clinico ci consentirà di avere maggiore chiarezza su ciò che gli sta accadendo, oltre a permettere di sviluppare risorse per stare meglio e affrontare il problema. La consapevolezza può portare molta sicurezza e tranquillità.

Date importanza alle sue emozioni

Molte volte, le persone che soffrono di misofonia sono accusate di essere intolleranti e lunatiche. In questo modo, attraversano la vita con quell’etichetta. È importante essere in grado di entrare in empatia con loro e dare importanza alle loro emozioni invece di ritenerle responsabili.

L’uso di tappi per le orecchie può essere una misura iniziale per combattere la misofonia. Si consiglia inoltre di implementare tecniche di respirazione e rilassamento per imparare a gestire i suoni.

Aiutate i ragazzi a sviluppare risorse di coping

Alcune delle esperienze riportate da chi soffre di misofonia è la sensazione di voler urlare “smettila, smettila di farlo”. In altri casi, hanno anche intenzione di lasciare il posto. Possono sorgere reazioni ancora più violente, come voler picchiare un’altra persona. In ogni caso, è necessario identificare quali emozioni sono innescate da determinati suoni e lavorare sulle risorse per imparare a controllarle, come implementare alcune tecniche di respirazione o di rilassamento.

In alcuni casi si consiglia di indossare i tappi per le orecchie, mentre in altri si è utilizzato l’uso di cuffie con suoni deboli per distrarre dalla situazione. Inoltre, viene applicata un’esposizione graduale, come nel caso delle fobie, per ridurre la reazione e abituarsi gradualmente allo stimolo avversivo. In definitiva, si tratta di scoprire cosa funziona e cosa no.

Decontestualizzare la situazione

In molti casi, coloro che soffrono di misofonia possono arrivare a credere che l’altra persona ripeta quel suono intenzionalmente, con l’intenzione di disturbare. È bene parlare con vostro figlio per spiegare che questo suono non è diretto a nessuno in particolare.

La misofonia influenza la qualità della vita

Anche se disponiamo di informazioni sul tema, la misofonia è ancora oggetto di studio, soprattutto in termini di diffusione, diagnosi precoce e statistiche reali. Quello di cui possiamo essere certi è che se una persona si sente disturbata da certi suoni, questo influenza il suo benessere.

A volte, l’emozione che si innesca è così fastidiosa che questi individui scelgono di isolarsi o di non recarsi in determinati luoghi. Tutto ciò limita le loro opportunità e possibilità, come nel rendimento scolastico o sul posto di lavoro.