Giochi Montessori classificati a seconda dell'età dei bambini

I giochi Montessori sono ideali per favorire lo sviluppo dei più piccoli. Li classifichiamo per età in modo che possiate scegliere quella più adatta al vostro piccolo. Li amerete!
Giochi Montessori classificati a seconda dell'età dei bambini

Ultimo aggiornamento: 04 febbraio, 2022

Quando si parla di Maria Montessori, potrebbe venire in mente una donna che ha cambiato il concetto di insegnamento e apprendimento, soprattutto per i più piccoli.

Con l’aiuto di giocattoli e giochi, Montessori ha ideato un metodo in cui i bambini, oltre ad apprendere si divertono e trovano la motivazione. Pertanto, vi parleremo di alcuni giochi Montessori classificati per età.

Quando i giochi stimolano l’apprendimento, la loro motivazione e consentono loro di scoprire l’ambiente al proprio ritmo, è meraviglioso. Sono giochi e giocattoli utili e quindi vale la pena essere nella vita dei più piccoli della casa.

Cos’è il metodo Montessori?

Prima di continuare, è fondamentale capire cos’è il metodo Montessori. È un metodo educativo ideato da Maria Montessori all’inizio del XX secolo.

Attualmente è un metodo apprezzato da molte famiglie e centri educativi per bambini. Ma in cosa consiste il fatto che ti piaccia così tanto? Perché ci sono persone che rifiutano il sistema tradizionale e puntano sul metodo Montessori?

L’obiettivo di questo metodo è che i bambini imparino scoprendo da soli attraverso risorse e materiali forniti dagli adulti, conosciuti anche come guide. In questo modo i piccoli sviluppano una buona coordinazione, concentrazione, indipendenza e ordine sia nel loro ambiente immediato che mentale.

Grazie ai sensi, i bambini possono vivere un’esperienza di apprendimento più sensoriale che consente loro di promuovere la conoscenza di sé attraverso l’autoapprendimento. A poco a poco, e grazie alla guida (adulti), vengono aiutati a raggiungere l’autonomia per imparare a superare gli ostacoli.

È un apprendimento basato sul bambino stesso, la guida si adatta al ritmo del bambino e non viceversa. È finito il modo tradizionale di insegnare e imparare in cui i bambini memorizzano senza sapere cosa stanno imparando e i voti migliori vengono premiati e i peggiori vengono puniti.

Obbediscono e rispettano solo le regole, senza aumentare il loro pensiero critico. Insegnano loro a obbedire, invece, Montessori insegna loro a pensare da e per se stessi e per e per l’ambiente, attraverso le esperienze.

Caratteristiche dei giocattoli e dei giochi Montessori

Quando si parla di apprendimento secondo il metodo Montessori, bisogna tener conto anche dei suoi giocattoli e giochi, perché sono una parte fondamentale del metodo. Con questa metodologia, apprendimento e gioco sono combinati con materiali e giochi per giocare e imparare allo stesso tempo.

Grazie al gioco, i bambini sviluppano meglio le loro capacità durante l’infanzia. Giochi e giocattoli devono soddisfare una serie di requisiti:

  • Accrescere la conoscenza del rapporto causa-effetto
  • Da realizzare sempre con materiali naturali, in particolare legno
  • Adattarsi ai bisogni e alle capacità del bambino
  • Aiutano sempre a migliorare alcune aree di conoscenza essenziale

I vantaggi dei giochi Montessori

È importante sapere quali sono i vantaggi che i giochi Montessori apportano alla vita dei bambini e quindi è importante sapere quali sono i più importanti. Non perdetevi i dettagli:

  • Aumenta l’autonomia del minore
  • Diverse aree di conoscenza vengono migliorate quasi naturalmente
  • I bambini migliorano cognitivamente (migliore attenzione, concentrazione, logica, ecc.)
  • Aiutano a lavorare sull’educazione e sulla gestione emotiva
  • Migliora le capacità sociali e di comunicazione
  • I bambini rispettano le regole perché non sono imposte, hanno tutte un senso
  • Sono più disposti a risolvere i problemi pacificamente
  • Giocattoli e giochi aiutano a migliorare la creatività, la destrezza e la coordinazione

Classificazione dei giochi montessori per età

Successivamente spiegheremo come questi giochi (e giocattoli) Montessori sono classificati in base all’età dei minori.

Da 0 a 3 anni

  • Incoraggiare la libertà di movimento incoraggiando una buona postura ma rispettandone il ritmo. Le giostrine Montessori sono ideali per giocare a questa età.
  • Dall’età di tre mesi, giocare con le palline Montessori è un’ottima opzione. Palle sensoriali con specchi e sonagli per stimolare il senso visivo e uditivo, oltre al tatto.
  • Tra 6 e 9 mesi puoi giocare a cesti del tesoro per continuare a stimolarne lo sviluppo.
  • Dall’anno il gioco della torre di apprendimento o la scatola della permanenza sono l’ideale per continuare ad aumentare il proprio sviluppo e la propria capacità.
  • Dopo 15 mesi, il movimento fisico attraverso i tricicli e l’esercizio mentale, attraverso i puzzle per questa età sono essenziali. Artigianato, cucina, gesso e lavagna sono anche attività e giochi per iniziare a questa età.
  • Dai 2 ai 3 anni si utilizzano ancora giochi e materiali per aumentare la stimolazione sensoriale.

Dai 3 ai 6 anni

  • Giochi che stuzzicano la curiosità mentre soddisfano i tuoi interessi e le tue capacità
  • Attraverso l’osservazione l’adulto capirà i suoi bisogni.
  • I giochi all’aria aperta diventano indispensabili: biciclette, passeggini, palloni… il contatto con la natura non può mancare.
  • Giochi da tavolo Montessori
  • Familiarizzare con la lettura attraverso il gioco e in modo attivo
  • Gioco di costruzione

Come puoi vedere, le opzioni sono illimitate, ma ciò che conta in ogni momento è permettere ai bambini di divertirsi, seguire i propri interessi e divertirsi, guardandoli imparare quasi come per magia.

Potrebbe interessarti ...
Tavole Montessori: cosa sono e a cosa servono
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Tavole Montessori: cosa sono e a cosa servono

Le tavole Montessori sono dei giocattoli perfetti per sviluppare l'abilità, il talento, la curiosità e la voglia di imparare dei bambini.



  • Palmarola, J. (2017) Guía práctica del Método Montessori: Con más de 100 actividades para hacer en casa de 0 a 6 años. Editorial: Independiente.