Dieta nel terzo trimestre di gravidanza: punti chiave e raccomandazioni

Spiegheremo i punti chiave che dovrebbero essere monitorati nella dieta durante il terzo trimestre di gravidanza, per nutrirsi in modo efficiente in questa fase.
Dieta nel terzo trimestre di gravidanza: punti chiave e raccomandazioni

Ultimo aggiornamento: 21 giugno, 2022

Seguire la migliore dieta possibile nel terzo trimestre di gravidanza è essenziale per garantire che il bambino completi il proprio sviluppo e per evitare problemi di salute nei primi mesi. Durante la gravidanza non è solo importante guardare cosa si mangia, ma anche rimanere ben idratati ed evitare alcol e tabacco.

Anzitutto, va detto che nell’ultimo trimestre di gravidanza si possono sperimentare alcuni disagi digestivi, soprattutto a livello dello stomaco. Ciò è dovuto alla pressione che il bambino esercita sugli organi interni. Pertanto, non sorprende che il reflusso o la sensazione di pesantezza facciano la loro comparsa dopo un pasto pesante.

Nelle prossime righe vi diciamo tutto ciò che c’è da sapere e che dovreste mettere in pratica in quest’ultima fase della gravidanza. Non perdetevelo!

Apporto nutrizionale adeguato

la donna incinta dubita di mangiare la porta del frigorifero frutta verdura banana mela arancione sedia tavolo
Nel terzo trimestre la dieta della gestante deve essere varia, completa, equilibrata e leggermente ipercalorica. Ma ciò non significa “mangiare per due” o trascurare la qualità del cibo.

Come abbiamo accennato in altri articoli, durante la gravidanza è fondamentale raggiungere un surplus energetico per garantire la crescita del bambino. Soprattutto nell’ultima fase. Aumentare il consumo calorico di 300 kcal rispetto al solito soddisferà i fabbisogni metabolici della madre e del feto. In questo senso, la dieta iniziata durante il secondo trimestre dovrebbe proseguire e l’eccesso calorico dovrebbe essere simile.

Certo, conviene continuare a limitare la presenza di carboidrati semplici (come da linee guida) , ma saranno necessari carboidrati complessi e fibre. Quest’ultimo elemento, infatti, può aiutare a gestire situazioni di stitichezza, relativamente frequenti in questo periodo di gravidanza. Questo aspetto è stato  dimostrato da una ricerca pubblicata sulla rivista Canadian Family Physician Medecin de Famille Canadien.

D’altronde, diventa più che mai determinante garantire il consumo di proteine. A questo punto, il fabbisogno di questi nutrienti aumenterà oltre 1 grammo per chilo di peso al giorno, secondo uno studio pubblicato negli Annals of Nutrition & Metabolism. In questo modo si contribuirà al corretto sviluppo di tutti i tessuti fetali.

Ridurre il disagio digestivo grazie alla dieta nel terzo trimestre di gravidanza

Come accennato all’inizio, nel terzo trimestre di gravidanza è comune soffrire di problemi digestivi come reflusso e bruciore di stomaco. A volte può anche essere necessario ricorrere agli antiacidi per alleviare i sintomi. Tuttavia, si possono mettere in atto una serie di rimedi naturali che possono essere efficaci, a fronte di minori effetti collaterali nel medio termine. Dopotutto, quando possibile, l’uso di droghe dovrebbe essere evitato in questa fase.

La prima delle strategie consiste nel suddividere i pasti, cioè garantire più assunzioni nell’arco della giornata ma di dimensioni inferiori. Ciò assicurerà che la sacca addominale si riempia di meno e sarà in grado di funzionare meglio. Inoltre, con un numero maggiore di pasti sarà più facile soddisfare i fabbisogni energetici e quelli relativi ai nutrienti essenziali.

Oltretutto, è opportuno evitare di assumere una posizione orizzontale dopo aver mangiato. Non è una buona idea andare a letto subito dopo. Ci vorrà tra mezz’ora e un’ora prima che inizi la digestione e il volume di cibo mangiato si riduca. Oltretutto, è fondamentale accompagnare i pasti con una quantità sufficiente di acqua. Nelle linee guida possono essere inclusi anche alimenti come l’ananas, che contengono enzimi e facilitano la successiva digestione.

Sarà invece necessario evitare l’assunzione di bibite, succhi e bibite gassate. Questi possono condizionare negativamente i processi digestivi, poiché aumentano il disagio a livello intestinale e provocano l’accumulo di gas nel tubo. La cosa migliore per garantire un buon stato di idratazione è l’acqua minerale.

peso della piscina a piedi della donna incinta
Oltre a seguire una buona dieta, le donne in gravidanza dovrebbero mantenere un certo grado di attività fisica regolare, al fine di promuovere il funzionamento del loro corpo.

Pianificare al meglio la dieta nel terzo trimestre di gravidanza

Come avete potuto vedere è fondamentale essere in grado di pianificare una buona dieta nel terzo trimestre di gravidanza per garantire che il feto si sviluppi correttamente. Questo consentirà anche di prevenire un gran numero di problemi digestivi, che miglioreranno il benessere della madre.

Se però, pur mettendo in pratica i consigli adeguati le digestione non dovesse andar bene, potrebbe essere necessario andare dal medico per iniziare un trattamento farmacologico.

Infine, non dimenticate che, per quanto possibile, fa bene mantenere un certo grado di attività fisica. Deve essere molto leggera e adatta alle circostanze, ma in quasi nessun caso è consigliato uno stile di vita sedentario. Semplicemente fare alcune passeggiate frequenti aiuterà il vostro corpo a lavorare in modo efficiente.

Potrebbe interessarti ...
Prevenire i crampi ai piedi e alle gambe in gravidanza: utili consigli
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Prevenire i crampi ai piedi e alle gambe in gravidanza: utili consigli

Prevenire i crampi ai piedi e alle gambe durante la gravidanza è possibile, con una buona dieta e un corretto esercizio quotidiano.



  • Trottier, M., Erebara, A., & Bozzo, P. (2012). Treating constipation during pregnancy. Canadian family physician Medecin de famille canadien58(8), 836–838.
  • Richter, M., Baerlocher, K., Bauer, J. M., Elmadfa, I., Heseker, H., Leschik-Bonnet, E., Stangl, G., Volkert, D., Stehle, P., & on behalf of the German Nutrition Society (DGE) (2019). Revised Reference Values for the Intake of Protein. Annals of nutrition & metabolism74(3), 242–250. https://doi.org/10.1159/000499374