Stabilire dei limiti: più gliene metto, più si ribella

Cercate di stabilire dei limiti per i vostri figli e loro si ribellano costantemente? Questo vi fa spesso impazzire? In questo articolo vediamo come agire in questi casi.
Stabilire dei limiti: più gliene metto, più si ribella

Ultimo aggiornamento: 26 novembre, 2022

Stabilire dei limiti per i bambini è un’arte. O almeno, dovrebbe essere considerato tale. Si tratta di una sfida impegnativa, tanto complessa quanto necessaria per dimostrare l’ennesima dimostrazione d’amore, nonostante i bambini spesso la percepiscano come un vero e proprio fastidio.

A nessuno piace sentirsi dire di no per qualcosa che vogliono fare. Se i vostri figli si ribellano ogni volta che provate a porre dei limiti, questo articolo sarà più che interessante per voi.

A volte i minori reagiscono in modo ribelle quando si decide di stabilire dei limiti. Giocano sui loro bordi quasi fino al punto di romperli. Ci mettono alla prova costantemente, il che genera in noi una profonda impotenza. Così, sentiamo di perdere il controllo dell’educazione dei nostri figli e riteniamo che dovremmo aumentare il rigore per garantire l’ obbedienza. Ma è questa la strada giusta? Quali alternative ci sono?

L’importanza di stabilire dei limiti nella genitorialità

Un limite è una linea di demarcazione, un messaggio che dice fin dove possiamo spingerci. Abbiamo bisogno di limiti simbolici per vivere in società e rispettarci l’un l’altro, così come noi stessi. In questo senso i bambini saranno adulti e dovranno sapersi adattare a una serie di codici e regole sociali per poter vivere in armonia con gli altri. Inoltre, potranno porre dei limiti agli altri, il che porterà loro grandi benefici nello sviluppo della loro autostima e dei loro legami affettivi.

Insegnare ai bambini i limiti è dare loro degli strumenti. Questi saranno i tuoi migliori alleati per il futuro personale o professionale.

Nella genitorialità, i limiti sono un segno di quanto lontano può spingersi il tuo comportamento. Ci sono atteggiamenti consentiti e altri no. Quelli che non lo fanno, generalmente, sono quelli che i genitori considerano pericolosi o dannosi per loro.

Il valore dei limiti nella genitorialità è innegabile. Tuttavia, stabilirli correttamente e garantire che vengano rispettati rappresenta una sfida difficile. Quando proviamo a limitarli, spesso finiamo per generare l’effetto opposto a quello previsto: i bambini ci sfidano mentre ricevono limiti. Vediamo come risolvere la questione.

Questo accenno di ribellione nei bambini di solito corrisponde a uno stadio specifico e viene vissuto in un periodo di tempo limitato. Ad un certo punto, la disobbedienza, nella sua giusta misura, riflette un atteggiamento sano.

Stabilire dei limiti: perché i bambini si ribellano

C’è da aspettarsi la ribellione nei bambini e, soprattutto, negli adolescenti, perché attraverso di essa cercano di differenziarsi dal resto e costruire la propria identità. I minori si ribellano per saperne di più sulla loro esistenza e individualità. Inoltre, cercano di prendere decisioni per se stessi e conquistare la loro indipendenza.

In questo senso, è fondamentale capire che i bambini comunicano attraverso il loro comportamento, quindi dovremmo affinare i nostri sensi e ascoltare i messaggi che emettono dalle loro azioni. Inoltre, i minori violano i nostri codici espressi verbalmente per sapere fino a che punto possono spingersi e comprendere le conseguenze dell’andare oltre ciò che è consentito.

Molte volte ci disobbediscono per metterci alla prova e osservare la nostra reazione quando ricevono le regole. Pertanto, notano la nostra perdita di controllo e sembrano apprezzarlo. È allora che tutto si trasforma in una lotta per il potere che è molto scomoda per gli adulti.

Come comportarsi?

Non è una buona alternativa entrare nel gioco della lotta per il potere che propongono i bambini. Non sono nostri rivali o nostri pari, quindi non hanno nemmeno bisogno che ci comportiamo a modo loro. Pertanto, nonostante il fatto che siamo provocatoriamente incoraggiati a partecipare al loro gioco, è importante che non ci arrendiamo. In breve, cercano l’opposto: che noi assumiamo il nostro ruolo di genitori e questo include la definizione di limiti.

Se i tuoi figli si ribellano quando cerchi di porre dei limiti al loro comportamento, è probabile che il problema non siano le regole, ma il modo in cui solitamente le presenti.

Raccomandazioni per l’impostazione dei limiti

La verità è che ogni bambino è diverso. Pertanto, le sue esigenze saranno particolari. A sua volta, ogni genitore è diverso, quindi aspettarsi che tutti crescano i propri figli allo stesso modo è un’idea che sfugge al buon senso. Tuttavia, in termini generali, possiamo menzionare alcune raccomandazioni che di solito portano a conseguenze positive quando si fissano i limiti.

  • Imparare a regolare le proprie emozioni: lasciarsi trasportare dall’intensità della rabbia o dell’impotenza non fa bene. È fondamentale imparare a gestire le nostre emozioni ed evitare di perdere la calma.
  • Siate coerenti: se vogliamo che i nostri figli siano in grado di rispettare i limiti, dobbiamo farlo anche noi. Evitiamo di fare e disfare le regole che noi stessi proponiamo, altrimenti invieremo messaggi contrastanti.
  • Spiegate il motivo della regola: è importante che i bambini capiscano il significato del nostro limite.
  • Proponete altre alternative: un’ottima strategia per porre un limite è offrire altre possibilità. Ad esempio, dì quanto segue: “È ora di posare il tablet. Vuoi giocare con i puzzle, con le macchinine o preferisci che ci travestiamo?”
  • Esprimetevi attraverso affermazioni: Invece di enunciare frasi negative come “non saltare più sul letto”, prova a dare affermazioni e ad accentuare quelle positive: “dai, salta qui sul pavimento”.

Stabilire dei limiti con risolutezza, ma senza urlare

Senza dubbio, non è facile porre dei limiti ai bambini quando si ribellano e cambiano atteggiamento. Tuttavia, è essenziale che i minori non ci vedano come persone facilmente manipolabili. In questo caso scopriranno che con un semplice pianto o uno scatto d’ira otterranno ciò che vogliono.

Stabilire dei limiti con fermezza non significa gridare o ricorrere alla violenza. Si tratta semplicemente di esprimerci in sicurezza ed evitare messaggi dubbi o inconcludenti.

Potrebbe interessarti ...
18 regole di convivenza da insegnare ai nostri figli
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
18 regole di convivenza da insegnare ai nostri figli

Le regole di convivenza contribuiscono a creare un ambiente di rispetto e di tolleranza  in cui non c'è posto per atteggiamenti esigenti. In questo...



  • Álvarez Icaza, M,A., Murow Troice, E. (2001) Cómo poner límites a tus niños sin dañarlos. Respuestas a los problemas de disciplina más frecuentes practicando una educación positiva. Editorial Pax México. 
  • Novakovich, P., Verdugo, L. (2009). Adolescencia. Rebeldía adolescente, ¿mito o realidad?

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.