Il cloro della piscina e la salute dei denti

Il cloro aiuta a mantenere pulita l'acqua della piscina, ma sapevate che può danneggiare i denti? Ne parliamo in questo spazio.
Il cloro della piscina e la salute dei denti
Vanesa Evangelina Buffa

Scritto e verificato da la dentista Vanesa Evangelina Buffa.

Ultimo aggiornamento: 28 novembre, 2022

È normale che i genitori dei bambini che praticano il nuoto si chiedano se il cloro della piscina possa danneggiare i denti dei propri figli. In questo articolo vi parleremo della relazione tra questo composto chimico e la salute orale.

Le piscine sono frequentate da un gran numero di persone durante tutto l’anno, soprattutto nei periodi estivi. Per evitare che il passaggio di così tante persone influisca sulla qualità dell’acqua, vengono utilizzati trattamenti al cloro per aiutare a preservare la pulizia.

Eppure, l’uso scorretto del cloro della piscina altera il pH dell’acqua e questo può nuocere alla salute dei denti. Vi diciamo tutto quello che c’è da sapere al riguardo.

Il rapporto tra il cloro della piscina e la salute dentale

Il cloro è una sostanza chimica che viene utilizzata nel trattamento dell’acqua delle piscine per prevenire la presenza di germi.

Senza il suo potere disinfettante prolifererebbero batteri, virus e funghi in grado di provocare malattie. Tuttavia, l’uso di questa sostanza chimica ha alcuni effetti negativi sulla salute delle persone quando c’è una grande esposizione a essa.

Il contatto del cloro con la pelle, soprattutto se sensibile, provoca secchezza, irritazione e reazioni allergiche. Anche i capelli subiscono delle conseguenze: si seccano in generale e quelli chiari possono acquisire una tonalità verdastra.

In generale, di solito non ci sono problemi per i bambini che trascorrono del tempo in acqua, ma le conseguenze si manifestano in quelle persone che stanno in piscina per più di sei ore al giorno, come i nuotatori professionisti o gli insegnanti di nuoto.

E i denti?

Inoltre, i denti possono risentire del contatto eccessivo con il cloro della piscina. Questo agente chimico è in grado di erodere lo smalto, che è lo strato superficiale che ricopre e protegge i denti. Di conseguenza, i denti diventano più sensibili agli agenti esterni. Per questo motivo, è comune che compaiano fastidi dentali quando si ingeriscono cibi o bevande dolci, freddi o caldi.

D’altra parte, la secchezza che il cloro provoca alla pelle coinvolge anche la mucosa orale. I tessuti molli si seccano e c’è meno saliva per lubrificare e pulire la bocca. Pertanto, possono verificarsi le seguenti condizioni:

  • Accumulo di placca batterica.
  • Insorgenza di carie.
  • Gengivite.
  • Alito cattivo.

Il pH dell’acqua della piscina

Il pH è un indicatore che ci permette di conoscere l’acidità o l’alcalinità di una sostanza. Quando il valore è compreso tra 0 e 6, è acido; se è 7, è neutro; e superiore a 7, è alcalino.

L’uso del cloro nelle piscine permette di mantenere il pH dell’acqua a valori prossimi a 7,4 e 8. Questo si differenzia dal pH della bocca, che oscilla tra 6, 8 e 7.

Questa differenza di valori può causare problemi alla bocca. Avere un pH più alcalino nell’acqua favorisce la formazione del tartaro dentale, cioè il deposito di sali minerali sulla placca batterica accumulata sui denti. Questo fenomeno è conosciuto in ambito odontoiatrico come “tartaro del nuotatore”.

I depositi di tartaro sui denti provocano la comparsa di macchie giallastre o marroni sulle superfici dentali.

Inoltre, la presenza di tartaro aumenta anche il rischio di sviluppare problemi parodontali. Al contrario, quando il cloro della piscina è insufficiente, il pH dell’acqua può scendere sotto il 6 e diventare molto acido.

Il contatto del cloro con i denti favorisce l’erosione dello smalto, la perdita di minerali dentali e la comparsa di sensibilità. In ogni caso, con una buona igiene dentale non dovrebbero esserci problemi.

Come proteggere i denti dal cloro della piscina

Gli effetti negativi del cloro in piscina sui denti di solito si manifestano nelle persone che trascorrono più di 6 ore al giorno in acqua. In ogni caso, vale la pena prendere alcune precauzioni che aiutano a ridurre i rischi e a prendersi cura dei denti:

  • Prestare attenzione alla manutenzione della piscina. Non esagerare con il cloro, ma neanche va eliminato del tutto.
  • Insegnate ai bambini a non mettere in bocca l’acqua della piscina oa non inghiottirla.
  • Prendetevi cura dell’igiene orale dei più piccoli: i denti dei bambini vanno lavati due volte al giorno con dentifrici al fluoro. Inoltre, è necessario utilizzare il filo interdentale e, se il dentista lo consiglia, il collutorio. Il fluoro aiuta a contrastare la perdita di minerali dai denti e diminuisce la sensibilità.

Altre precauzioni:

  • Mantenete l’idratazione: l’acqua bevuta durante tutta la giornata in piscina mantiene un’adeguata idratazione e favorisce la produzione salivare.
  • Scegliete una dieta sana che includa latticini, verdure, pesce e carne. Per quanto possibile, dovresti evitare di fare spuntini con dolci, bibite e ninnoli.
  • Usate un paradenti personalizzato che impedisca ai denti di entrare in contatto con l’acqua se il tuo piccolo trascorre molte ore in piscina.
  • Recatevi dal dentista pediatrico ed eseguite controlli regolari per rilevare eventuali problemi orali in tempo.

Cura dei denti

Come avrete notato, il cloro presente in piscina può intaccare i denti dei vostri figli se passano molte ore al giorno in acqua. Se il tempo dedicato alla sessione di nuoto non è eccessivo e ci si prende cura della propria igiene orale con un corretto spazzolino e dentifrici al fluoro, molto probabilmente non ci saranno problemi alla bocca. Con il vostro aiuto, i più piccoli potranno sguazzare in acqua senza mettere a rischio la loro salute orale.

Potrebbe interessarti ...
Il cloro delle piscine può causare allergie?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Il cloro delle piscine può causare allergie?

Molti genitori ignorano il fatto che il cloro delle piscine possa causare allergie. In questo articolo vi parleremo di come prevenire questi proble...



  • Borja Vélez, Y. L. (2013). Investigación de los agentes químicos para el tratamiento de las piscinas y su incidencia en la erosión del esmalte en deportistas nadadores de la federación deportiva de Manabí.
  • Arana, J. J. EL TÁRTARO DE LOS NADADORES.
  • Curi Quispe, R. E., & Crisostomo Mayhua, M. N. (2017). Conocimiento sobre medidas preventivas para evitar enfermedades en usuarios que acuden a la piscina de San Cristóbal, Huancavelica–2017.
  • Leyton de la Cruz, V. S. Comparación del PH salival antes y después de la rutina de entrenamiento en nadadores de la piscina olímpica de Trujillo, 2018.
  • González, J. I. C., Anchundia, A. K. M., & Carballo, L. C. (2022). Método neutrosófico para la evaluación del efecto de la cloración del agua de piscina en Quito: análisis comparativo entre pH ácido y neutro sobre el esmalte dentario superficial, estudio in vitro. Revista Asociación Latinoamericana de Ciencias Neutrosóficas. ISSN 2574-110122, 121-142.
  • Carolina, D., & Cruz, C. (2021). Cambios en la estructura dentaria de nadadores provocados por el Ph del agua de piscina de entrenamiento (Bachelor’s thesis, Universidad Nacional de Chimborazo).

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.