Vostro figlio ha bisogno di probiotici? 6 segnali per scoprirlo

Migliora la salute intestinale del vostro bambino con i probiotici. Individuate i segnali che indicano che ne hanno bisogno e promuovete il loro benessere in modo naturale per mano del vostro pediatra.
Vostro figlio ha bisogno di probiotici? 6 segnali per scoprirlo

Ultimo aggiornamento: 26 maggio, 2023

I probiotici sono un’ottima alternativa per la prevenzione e la gestione di alcuni disturbi intestinali, soprattutto nei bambini. Tuttavia, non tutti aiutano a combattere le stesse malattie e non tutti i bambini hanno bisogno di probiotici. Pertanto, imparate a riconoscere i segnali che indicano che vostro figlio ha bisogno di probiotici, per consultare il medico e includerli nella dieta del minore.

I probiotici sono un alleato per mantenere le funzioni corporee come la digestione, aumentare le difese ed equilibrare il microbiota intestinale. Ma sapete quando usarli nei bambini e quali sono le malattie più frequenti da combattere con i probiotici?

In questo articolo risponderemo a queste domande e vi mostreremo i 6 segnali che indicheranno il momento ideale per utilizzare i probiotici durante un problema di salute. Non dimenticate che, come qualsiasi altro trattamento, il pediatra è colui che darà le indicazioni corrispondenti.

Cosa sono i probiotici?

Un gruppo di esperti ha stabilito all’unanimità che i probiotici sono microrganismi vivi, principalmente batteri e lieviti, che se ingeriti in quantità adeguate, possono fornire benefici per la salute. Lo afferma la rivista Nature Reviews Gastroenterology & Hepatology.

I probiotici più utilizzati clinicamente si distinguono per i loro nomi. All’interno dei lieviti, Saccharomyces cerevisiae e batteri, il cosiddetto acido lattico (LAB) come Lactobacillus, Streptococcus, Pediococcus, Bifidobacterium, Propionibacterium, Bacillus ed Enterococcus.

Come sapere se i nostri figli hanno bisogno di probiotici durante una malattia? Vediamo.

6 segnali che indicano che vostro figlio ha bisogno di probiotici

Le prove ci mostrano che alcune malattie, come quelle causate da uno squilibrio intestinale, danno alcuni segni identificabili che potrebbero essere trattati con l’uso di probiotici. Certo, il pediatra è il professionista incaricato di dare le indicazioni. Vediamo quali sono questi segni.

1. Sintomi gastrointestinali dovuti all’uso di antibiotici

Come suggerito dal gruppo di lavoro di Korpela sulla rivista Nature Communications, gli antibiotici possono alterare l’equilibrio del microbiota intestinale, cioè dei batteri, dei loro geni e dei loro metaboliti. Questo può portare a problemi come crampi addominali, gas, vomito, gonfiore e persino diarrea costante.

L’organizzazione Healthy Children spiega che questi sintomi possono diminuire con l’uso di probiotici, in particolare Lactobacillus, Bifidobacterium e Saccharomyces.

2. Diarrea acuta di tipo virale: sintomi che vostro figlio ha bisogno di probiotici

Il Chilean Nutrition Magazine sottolinea che la diarrea virale acuta può essere combattuta con l’uso di diversi tipi di lattobacilli, come L. reuteri, L. acidophilus e L. bulgaricus. Questi riescono a ridurre la gravità e la durata della diarrea. Inoltre, sono così efficaci che dopo un giorno di trattamento la malattia è sotto controllo.

Coincide con questo uno studio più recente pubblicato sulla rivista Translational Pediatrics nel 2021, dove assicurano che per abbreviare il tempo della diarrea acuta, i probiotici devono essere combinati, in questo caso L. reuteri con Saccharomyces boulardii.

3. Problemi della pelle (eczema)

Una review pubblicata sulla rivista Pediatric Allergy and Immunology nel 2020 ha rivelato che l’uso di probiotici può modificare la composizione della flora intestinale dei bambini, a vantaggio di una riduzione della dermatite atopica. Tuttavia, alcuni risultati sono ancora inconcludenti.

D’altra parte, uno studio pubblicato sulla rivista JAMA Pediatrics nel 2016 suggerisce che la combinazione di ceppi misti di probiotici con prebiotici potrebbe essere più efficace per la prevenzione e il trattamento di questa malattia di origine allergica nei bambini di età pari o superiore a 1 anno. età.

Il team di Carlos Cuello sottolinea anche l’importanza dei probiotici per curare l’eczema, ma deve essere fatto dalla gravidanza e dall’allattamento. Lo suggerisce un articolo pubblicato su The Journal of Allergy and Clinical Immunology nel 2015.

4. Coliche infantili

Alcuni studi recenti difendono l’ uso di probiotici come L. reuteri nel controllo delle coliche infantili (riduzione del pianto, del rigurgito e del numero delle feci). È il caso di uno studio clinico randomizzato pubblicato sul Journal of Pediatrics nel 2017. Era considerato un trattamento sicuro per il bambino allattato, riuscendo a risolvere le coliche in 3 settimane di prova.

Un altro lavoro più recente sulla rivista Pediatrics afferma che L. reuteri è efficace e può essere raccomandato per il trattamento delle coliche infantili. Sebbene sottolineino che sono necessarie ulteriori ricerche al riguardo.

5. Costipazione? Forse vostro figlio ha bisogno di probiotici

L’uso dei probiotici per la gestione della stitichezza nei bambini è riconosciuto. Un lavoro in Frontiers in Cellular and Infection Microbiology nel 2017 mostra che l’uso di probiotici aumenta la frequenza dei movimenti intestinali nei bambini asiatici con stitichezza.

Un altro studio del 2017 pubblicato su The American Journal of Gastroenterology, ha evidenziato un’efficacia superiore dei probiotici nel migliorare la stitichezza cronica nei bambini, rispetto a chi non li ha ingeriti. Anche il trattamento con probiotici è risultato sicuro.

Uno studio pilota riportato nel Nutrition Journal ha mostrato che il Bifidobacterium breve era efficace nell’aumentare la frequenza dei movimenti intestinali nei bambini con stitichezza.

6. Infezioni respiratorie frequenti

Una recensione sul British Journal of Nutrition ha riportato che i probiotici come i ceppi di Lactobacillus e Bifidobacterium possono ridurre la durata delle infezioni respiratorie acute nei bambini e negli adulti.

Come aggiungere i probiotici alla dieta di mio figlio?

Nel caso di neonati fino a 6 mesi di età, il latte materno è responsabile della fornitura sia di probiotici che di prebiotici, poiché contiene alcuni carboidrati che fungono da substrato per aiutare la crescita di batteri benefici.

Dall’alimentazione complementare, i probiotici possono essere incorporati nella dieta del bambino attraverso prodotti alimentari fermentati. Alcuni di loro sono yogurt, latte acido, kefir, crauti, kimchi, tra gli altri prodotti.

Inoltre, gli integratori probiotici sono disponibili in capsule, polveri e liquidi, ma l’indicazione di ogni tipo di probiotico per ogni malattia è nelle mani del pediatra.

Cosa fare se vostro figlio ha bisogno di probiotici?

Quando si osservano i segni nei nostri bambini, la prima azione è quella di andare immediatamente dal pediatra e fare riferimento ai segnali e ai sintomi che compaiono con una certa frequenza nel bambino. Dovreste informarvi sull’uso dei probiotici per il trattamento dei sintomi e delle malattie.

Alcuni segni frequenti come diarrea, costipazione, processi allergici della pelle, gas, gonfiore, coliche, tra gli altri, possono essere trattati con probiotici, a condizione che il pediatra lo stabilisca.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Chang, Y. S., Trivedi, M. K., Jha, A., Lin, Y. F., Dimaano, L., & García-Romero, M. T. (2016). Synbiotics for Prevention and Treatment of Atopic Dermatitis: A Meta-analysis of Randomized Clinical Trials. JAMA pediatrics170(3), 236–242. https://doi.org/10.1001/jamapediatrics.2015.3943
  • Cuello-Garcia, C. A., Brożek, J. L., Fiocchi, A., Pawankar, R., Yepes-Nuñez, J. J., Terracciano, L., Gandhi, S., Agarwal, A., Zhang, Y., & Schünemann, H. J. (2015). Probiotics for the prevention of allergy: A systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. The Journal of allergy and clinical immunology136(4), 952–961. https://doi.org/10.1016/j.jaci.2015.04.031
  • D’Elios, S., Trambusti, I., Verduci, E., Ferrante, G., Rosati, S., Marseglia, G. L., Drago, L., & Peroni, D. G. (2020). Probiotics in the prevention and treatment of atopic dermatitis. Pediatric allergy and immunology : official publication of the European Society of Pediatric Allergy and Immunology31 Suppl 26, 43–45. https://doi.org/10.1111/pai.13364
  • Fatheree, N. Y., Liu, Y., Taylor, C. M., Hoang, T. K., Cai, C., Rahbar, M. H., Hessabi, M., Ferris, M., McMurtry, V., Wong, C., Vu, T., Dancsak, T., Wang, T., Gleason, W., Bandla, V., Navarro, F., Tran, D. Q., & Rhoads, J. M. (2017). Lactobacillus reuteri for Infants with Colic: A Double-Blind, Placebo-Controlled, Randomized Clinical Trial. The Journal of pediatrics191, 170–178.e2. https://doi.org/10.1016/j.jpeds.2017.07.036
  • Healthychildren. ¿Pueden los probióticos ayudar a prevenir los problemas de estómago cuando mi hijo tiene que tomar antibióticos? Última actualización: 12/24/ 2021. Disponible en: https://www.healthychildren.org/spanish/tips-tools/ask-the-pediatrician/paginas/can-probiotics-help-prevent-tummy-trouble.aspx
  • Hill, C., Guarner, F., Reid, G. et al. (2014). The International Scientific Association for Probiotics and Prebiotics consensus statement on the scope and appropriate use of the term probiotic. Nat Rev Gastroenterol Hepatol 11, 506–514. https://doi.org/10.1038/nrgastro.2014.66
  • Korpela, K., Salonen, A., Virta, L. J., Kekkonen, R. A., Forslund, K., Bork, P., & de Vos, W. M. (2016). Intestinal microbiome is related to lifetime antibiotic use in Finnish pre-school children. Nature communications7, 10410. https://doi.org/10.1038/ncomms10410Healthychildren.
  • Huang, R., & Hu, J. (2017). Positive Effect of Probiotics on Constipation in Children: A Systematic Review and Meta-Analysis of Six Randomized Controlled Trials. Frontiers in cellular and infection microbiology7, 153. https://doi.org/10.3389/fcimb.2017.00153
  • Huang, R., Xing, H. Y., Liu, H. J., Chen, Z. F., & Tang, B. B. (2021). Efficacy of probiotics in the treatment of acute diarrhea in children: a systematic review and meta-analysis of clinical trials. Translational pediatrics10(12), 3248–3260. https://doi.org/10.21037/tp-21-511
  • King, S., Glanville, J., Sanders, M. E., Fitzgerald, A., & Varley, D. (2014). Effectiveness of probiotics on the duration of illness in healthy children and adults who develop common acute respiratory infectious conditions: a systematic review and meta-analysis. The British journal of nutrition112(1), 41–54. https://doi.org/10.1017/S0007114514000075
  • Manzano A, Claudia, Estupiñán G, Diana, & Poveda E, Elpidia. (2012). EFECTOS CLÍNICOS DE LOS PROBIÓTICOS: QUÉ DICE LA EVIDENCIA. Revista chilena de nutrición39(1), 98-110. https://dx.doi.org/10.4067/S0717-75182012000100010
  • Sung, V., D’Amico, F., Cabana, M. D., Chau, K., Koren, G., Savino, F., Szajewska, H., Deshpande, G., Dupont, C., Indrio, F., Mentula, S., Partty, A., & Tancredi, D. (2018). Lactobacillus reuteri to Treat Infant Colic: A Meta-analysis. Pediatrics141(1), e20171811. https://doi.org/10.1542/peds.2017-1811
  • Tabbers, M. M., de Milliano, I., Roseboom, M. G., & Benninga, M. A. (2011). Is Bifidobacterium breve effective in the treatment of childhood constipation? Results from a pilot study. Nutrition journal10, 19. https://doi.org/10.1186/1475-2891-10-19

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.