Segni che un bambino sta pensando al suicidio

Sapevate che anche i più piccoli della famiglia possono essere colpiti da pensieri negativi che li portano al suicidio?
Segni che un bambino sta pensando al suicidio

Ultimo aggiornamento: 11 agosto, 2021

Sfortunatamente, il suicidio spesso arriva senza preavviso, inaspettatamente, senza sapere perché è successo. Pertanto, è necessario essere attenti ad eventuali segnali, perché saranno quelli che ci dicono che sta accadendo qualcosa e che possono aiutarci a fermare quei pensieri atroci dalla mente di un minore. In questo articolo parleremo proprio di questi segni che indicano che un bambino sta pensando al suicidio.

Il suicidio nei bambini è qualcosa che accade davvero, anche se il mondo degli adulti vuole guardare altrove pensando che non li toccherà mai nel seno della loro famiglia. Il suicidio si manifesta quando una persona (di qualsiasi età) non trova un’altra via d’uscita dalla sofferenza e dal dolore così profondo che prova. È una profonda tristezza che distorce e oscura il pensiero.

È vero che è qualcosa di orribile pensare che i bambini, essendo nel fiore degli anni, essendo così innocenti, siano in grado di togliersi la vita. Sebbene pensiamo che l’infanzia debba essere un momento di assoluta felicità per i più piccoli, non è sempre così. Pertanto, è necessario sapere quali sono i segnali più sottili per agire prima che sia troppo tardi. 

Ragazzo che guarda fuori dalla finestra pensando al suicidio.

Suicidio durante l’infanzia

Il suicidio nell’infanzia si manifesta tra i 5 e i 14 anni, ed è a partire da questa età che può essere portato a termine con più successo; infatti, è una delle cause di morte più probabili nei ragazzi e nelle ragazze.

Nell’adolescenza è lo step più critico nello sviluppo, perché i ragazzi si sentono sotto pressione, più stressati, mettono in discussione la loro identità, si ritirano dalla famiglia, si isolano, si sentono non protetti, hanno distorsioni della realtà, possono comparire disturbi di personalità difficili da diagnosticare a causa della volatilità della fase in cui si trovano, ecc.

Quando un bambino o un adolescente non riesce a trovare una solida rete di sostegno in amici o familiari, si sente abbandonato. Questa sensazione di abbandono per i più piccoli è persino peggiore della morte.

È necessario essere consapevoli che il suicidio può essere prevenuto con una buona consulenza professionale e, in molti casi, con l’intervento di uno specialista. Ma oltre all’importanza dell’intervento professionale, è molto importante essere attenti ai segni che possono essere rilevati per chiedere aiuto allo specialista il prima possibile.

Segni che un bambino sta pensando al suicidio

Ci sono alcuni segni che possono indicare che un bambino vuole suicidarsi. Se pensate che vostro figlio incontri qualcuno di loro, dovete cercare un aiuto professionale il prima possibile:

  • Ha poche abilità sociali.
  • Gli costa chiedere o non chiede affatto aiuto.
  • Se chiede aiuto, è in un modo così sottile che è difficile notarlo.
  • Si considera un bambino più maturo, sia emotivamente che fisicamente.
  • Ha rigidità cognitiva.
  • È difficile per lui cedere a opinioni che differiscono dalle sue.
  • Tende ad avere pensieri pessimistici sulla vita.
  • Ha una bassa autostima o un comportamento timido o riservato.

Naturalmente, sebbene questi segni non debbano essere significativi, la realtà è che se credete o intuite che vostro figlio possa avere questi tipi di pensieri, dovrete cercare aiuto il prima possibile.

Circostanze che possono indurre il bambino a suicidarsi

Ci sono poi alcune circostanze che possono indurre i bambini ad avere pensieri suicidi. Alcune di queste circostanze possono essere le seguenti:

  • Depressione. 
  • Disturbi affettivi o comportamentali.
  • Disturbi della personalità.
  • Essere vittima di bullismo.
  • Precedenti tentativi di suicidio.
  • Problemi accademici.
  • Troppa richiesta per la sua persona.
  • Perdita di una persona cara.
  • Divorzio dei genitori.
  • Violenza o maltrattamenti di qualsiasi tipo.
Ragazza molto triste con un orsacchiotto mentre pensa al suicidio.

La migliore protezione per un bambino che sta pensando al suicidio

La migliore protezione sarà sempre osservare attentamente il comportamento del bambino e non distogliere lo sguardo quando è triste o colpito per un motivo specifico. Il più grande fattore protettivo contro il suicidio è avere un forte sostegno familiare.

Affinché un bambino chieda aiuto, dobbiamo essere sempre disponibili. In qualsiasi momento, in qualsiasi luogo. Deve sapere che saremo sempre al suo fianco, senza ulteriori preoccupazioni. Dovete dirglielo e ricordarglielo perché ne ha bisogno. 

Anche se sai che sarete sempre al suo fianco, se la sua percezione gli impedisce di vederlo, allora non gli sarà così chiaro. Dovete dirglielo e dimostrarlo anche con le vostre azioni. Per farlo, dovrete avere un buon approccio e aprire sempre la via del dialogo e della comunicazione.

Mostrate la vostra preoccupazione dicendo frasi come “Vogliamo aiutarti “. Convalidate le loro emozioni in modo che imparino a canalizzarle correttamente e che in nessun momento si sentano giudicati. Trasmettete che i problemi sono temporanei nella vita, che una soluzione può sempre essere cercata. È importante lavorare sull’autostima, sulle relazioni sociali e avere un ambiente piacevole nella sua vita.

Potrebbe interessarti ...
La depressione nei bambini
Siamo MammeLeggi in Siamo Mamme
La depressione nei bambini

A seguire vi raccontiamo tutto quello che dovete sapere sulle cause della depressione, sulla manifestazione, la prevenzione e il trattamento della ...