Come spiegare ai bambini che non devono fidarsi degli estranei

24 Novembre 2019
I bambini tendono a parlare con chiunque e anche se essere gentili è un fatto positivo, è necessario capire che non bisogna mostrarsi così aperti con tutti.

Spiegare ai bambini che non devono fidarsi degli estranei non è sempre facile, ma è indispensabile che comprendano la differenza tra l’essere gentili con gli altri e l’essere al sicuro. Non tutte le persone sembrano ciò che sono, soprattutto gli estranei. È molto importante che tutti i genitori abbiano questo tipo di conversazione con i loro figli, perché in questo modo li aiuteranno a capire come agire in determinate circostanze.

Ci sono cinque parole con cui molti genitori sono cresciuti: “Non parlare con gli estranei”. La paura di ciò che è sconosciuto ci accompagna da sempre, in modo a volte giustificato e altre meno.

I bambini tendono a parlare con chiunque e anche se essere gentili è un fatto positivo, è necessario capire che non bisogna mostrarsi così aperti con tutti. È necessario insegnare ai bambini la sottile differenza che esiste tra l’essere gentili e trovarsi in pericolo. Vediamo insieme come spiegare ai bambini che non devono fidarsi degli estranei.

Come spiegare ai bambini che non devono fidarsi degli estranei

Scegliere con cautela le parole da usare

Gli esperti dicono che è meglio non usare la parola “estraneo” quando si discute di questo problema con i bambini. Ci sono adulti di ogni tipo (familiari, conoscenti e sconosciuti) che cercano di indurre i bambini a realizzare le loro macabre idee. Pertanto, è importante che i bambini sappiano che non solo gli estranei possono essere persone di cui non dovrebbero fidarsi in un dato momento.

Bambino con estraneo

Queste persone malvagie all’inizio non fanno paura perché si mostrano gentili e insolitamente affascinanti. È molto semplice catturare l’attenzione di un bambino con un giocattolo o un regalo. Per assicurarvi che vostro figlio sappia cosa deve fare, dovreste fargli domande del tipo: “Cosa faresti se un adulto ti offre caramelle o giocattoli? O se una persona che non hai mai visto ti dicesse di aiutarlo a trovare il suo cucciolo smarrito?”

L’educazione è il nostro miglior alleato. Una persona educata viene rispettata ovunque. L’educazione supera la bellezza e la giovinezza.

-Chanakya-

Dovrete aspettare che vi risponda e poi spiegargli che, proprio come non bisogna accarezzare un cane per strada, non dovrebbe mai parlare con persone che non conosce. Potrà farlo solo quando si trova con papà, mamma o qualsiasi altro adulto di cui si fida davvero. Allo stesso modo, se un adulto di cui si fida si comporta in modo strano, dovrebbe immediatamente avvisare mamma o papà.

Se vostro figlio vi chiede perché non può prendere le caramelle o il giocattolo o aiutare a trovare il cucciolo smarrito, vi consigliamo di non dire frasi come: “Perché possono rapirti”. È meglio usare frasi del tipo: “Sebbene la maggior parte delle persone sia brava, ci sono alcune persone che non lo sono e non sanno come proteggere i bambini”. Inoltre, è importante che i vostri figli sappiano che non dovrebbero mai andare da nessuna parte senza il vostro permesso o consenso.

Spiegare ai bambini a non fidarsi degli estranei con un gioco di ruolo

Usate il gioco di ruolo in modo che vostro figlio apprenda cosa deve fare o dire. Il gioco di ruolo, infatti, è un modo allo stesso tempo discreto e divertente per imparare.

È necessario tenere presente che a volte i bambini potrebbero avere bisogno di rivolgersi agli adulti per chiedere aiuto, e quindi dovrebbero per forza parlare con persone che non conoscono. Dite a vostro figlio che se, ad esempio, si perde in un luogo pubblico, dovrà prima parlare o con un dipendente di un negozio o rivolgersi ad una madre con altri bambini.

Parlare con una bambina
Insegnargli a fidarsi del suo istinto

È necessario insegnare ai bambini a fidarsi anche del proprio istinto. La maggior parte degli abusi sessuali si verifica con gli adulti che il bambino già conosce, quindi è estremamente importante che sappia distinguere il bene dal male.

Potreste fornire una spiegazione come questa: “Se inizi a sentirti strano, se ti fa male lo stomaco, dovresti ascoltare ciò che ti dice il tuo istinto. Stai lontano da chi ti fa stare male e rivolgiti  immediatamente ad un adulto di cui ti fidi”.

Ad esempio, potrebbe essere una buona idea avere un elenco di regole appese al frigorifero che i bambini possano vedere tutti i giorni ed imparare. L’elenco dovrebbe includere frasi come: “In questa famiglia non ci sono segreti. Se qualcuno ti dice di mantenere un segreto, devi dirlo subito a mamma o papà” .