Bisogna educare con dolcezza, pazienza e dedizione

22 febbraio, 2020
Ogni madre sa di non essere perfetta, ma deve fare tutto il possibile per crescere il proprio figlio nel modo migliore.
 

Cosa può fare una brava madre per fare in modo che il proprio figlio ricordi i suoi insegnamenti e le sue lezioni con amore? Solo in questo modo vostro figlio potrà raggiungere il pieno sviluppo, in modo graduale e felice. Bisogna educare con dolcezza, pazienza e dedizione.

Non bisogna spaventare i propri figli, perché in questo modo violeranno le regole e si allontaneranno da voi, perché soffrono. Non bisogna ferire i propri figli né fisicamente, né emotivamente. Per questo motivo vale la pena essere una madre che non ha paura delle critiche altrui.

Una madre che sfida le regole comuni e fissa le proprie in questo percorso che è l’educazione. Infatti, ogni madre è responsabile di segnare la direzione dell’infanzia e della vita del proprio figlio. Per questo motivo, deve farlo bene, con l’ambizione di essere la madre migliore che un figlio possa avere.

Ogni madre sa di non essere perfetta, ma deve fare tutto il possibile per crescere il proprio figlio nel modo migliore. Deve fare in modo che possa sentirsi orgoglioso e grato per la madre che ha avuto. Solo in questo modo potrà ricordare la propria infanzia come un’epoca piacevole e tenera.

Bambina con cerchio: educare con dolcezza
 


Bisogna educare con dolcezza, pazienza e dedizione per essere ricordate con amore e affetto. Una madre deve porgere la propria mano per percorrere insieme questa strada che è la vita, la vostra avventura, la vostra storia familiare. Che sarà anche piena di di momenti buoni e piacevoli, così come di quelli cattivi.

Bisogna educare con dolcezza, pazienza e dedizione

Educare con dolcezza significa armarsi di pazienza e di compassione. Trascorrere del tempo di qualità e dare priorità al dialogo franco e sincero su tutte le cose. Comunicare delicatamente, stabilendo sempre un contatto visivo.

Essere una madre a tempo pieno è uno dei lavori meglio pagati, poiché lo stipendio è puro amore.

-Mildred B. Vermont-

Si tratta anche di imparare a capire quali parole sono silenziose: rispettare i silenzi, interpretare gli sguardi. Sapere quando è il momento di sorridere e regalare storie per bambini che lascino un’eredità emotiva.

Una buona madre deve essere capace di spiegare al proprio figlio il valore che ha, rafforzando la sua percezione di quelle abilità che lo rendono un essere unico. Incoraggiarlo a fare ciò che desidera tanto, vegliando sui suoi sogni. Nutrire ogni giorno l’illusione e la speranza, così come l’amore per la vita che potrebbe non essere perfetta, ma è estremamente bella.

Illustrazione di una famiglia
 
È importante anche saper spiegare i motivi per cui vengono proibite alcune cose, fornendo mille ragioni per provare che ciò che state seminando è il futuro che raccoglierà. Una buon madre merita fiducia e, una volta ottenuta, deve prendersene cura come il tesoro più prezioso.

Bisogna educare con dolcezza perché la calma deve regnare ogni volta che l’anima chiede di gridare. Imparare a scusarsi tutte le volte che ce ne sarà bisogno, anche per imparare dai propri errori. Gli abbracci e i baci sono fondamentali in questo percorso, così come celebrare ciò che porta gioia e soddisfazione al cuore.

I ricordi più belli

Educare i propri figli dolcemente in modo che i ricordi siano pieni di amore può sembrare una missione semplice. Tuttavia, è più complesso di quanto si pensi e spesso implica la rottura con gli stilemi che vengono tramandati dalle generazioni passate.

Implica ignorare e ferire le persone che una volta ci hanno educato e formato. Una buona madre, riconoscendo errori e successi, apprezza l’immenso amore materno di coloro che ci hanno preceduto. Tuttavia, preferisce prendere una strada diversa, la propria.

Mamma e figlio con papà sullo sfondo

Quando si educa, bisogna lasciarsi ispirare dall’amore e non dalla paura, trasformando un urlo nelle parole giuste. Lasciare dietro le parole crudeli e offensive, perché ci sono moltissimi modi per mostrare gli errori ed insegnare attraverso di essi.

Educare con dolcezza, amore e affetto non è da tutti, ma si può imparare, soprattutto lasciando da parte i rimproveri fisici e le punizioni di ogni tipo. Se una madre vuole essere ricordata con amore, deve insegnare al proprio figlio che l’amore guarisce, che l’amore costruisce.

 
  • Bowlby, J. (1986). Vínculos afectivos: formación, desarrollo y pérdida. Madrid: Morata.
  • Bowlby, J. (1995). Teoría del apego. Lebovici, Weil-HalpernF.
  • Garrido-Rojas, L. (2006). Apego, emoción y regulación emocional. Implicaciones para la salud. Revista latinoamericana de psicología, 38(3), 493-507. https://www.redalyc.org/pdf/805/80538304.pdf
  • Marrone, M., Diamond, N., Juri, L., & Bleichmar, H. (2001). La teoría del apego: un enfoque actual. Madrid: Psimática.
  • Moneta, M. (2003). El Apego. Aspectos clínicos y psicobiológicos de la díada madre-hijo. Santiago: Cuatro Vientos.