Quando è necessario intromettersi nelle discussioni tra fratelli?

A volte non è così facile stabilire se, come genitori, dobbiamo essere coinvolti o meno in una discussione tra i nostri figli. In questo articolo chiariamo i vostri dubbi.
Quando è necessario intromettersi nelle discussioni tra fratelli?
Sharon Capeluto

Scritto e verificato da Sharon Capeluto.

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio, 2023

A volte le discussioni tra fratelli sono irrilevanti e si risolvono in pochi minuti, senza bisogno dell’intervento di un adulto. Sebbene sia comprensibile che i genitori provino angoscia e nervosismo quando sentono i propri figli litigare, è essenziale capire che i conflitti tra di loro sono naturali.

Tuttavia, altre volte i combattimenti sono più intensi, complessi e anche con la presenza di aggressioni fisiche. Tenendo conto del motivo e dell’entità del litigio, i tutori dovranno scegliere tra due strade possibili: permettere ai propri figli di risolvere da soli i propri problemi o mettersi in gioco per mediare la lite.

Motivi principali delle discussioni tra fratelli

Ci sono case in cui i litigi tra fratelli fanno praticamente parte della solita routine. Ogni giorno sorge qualche conflitto che fa perdere la pazienza ai genitori. Di solito, il motivo del confronto sembra rasentare l’assurdo: chi mangia la fetta di pizza più grande, chi gioca con l’ultimo arrivato nel baule dei giocattoli o chi ha il controllo della televisione.

Tuttavia, dietro queste ragioni apparentemente meschine e insignificanti si nasconde un problema più profondo. Stiamo parlando della tipica rivalità tra fratelli, che di solito ha come asse principale il bisogno di attenzioni o preferenze da parte dei genitori.

“La rivalità tra fratelli è una costante nelle famiglie, una naturale conseguenza dell’aspirazione umana all’amore esclusivo e incondizionato dei genitori”.

-Jeronima García-

L’invidia, la gelosia e la competizione spesso portano i bambini a scontrarsi su questioni che sembrano banali, ma spesso mirano a ottenere l’attenzione o la preferenza dei genitori.

Lasciare che capiscano da soli è la prima alternativa

La verità è che non c’è motivo di essere coinvolti in ogni discussione che i nostri figli hanno tra loro. Infatti, intervenire ogni volta che hanno un conflitto è dannoso sia per il loro legame fraterno che per la crescita reciproca. Affinché i bambini sviluppino abilità sociali e acquisiscano strumenti per gestire le proprie emozioni, nonché per risolvere i conflitti con altre persone, è essenziale che affrontino delle sfide.

Ma c’è un punto che dobbiamo prendere in considerazione. La maggior parte delle volte, uno o entrambi ci chiederanno di immischiarsi nel problema. “Mamma, Juan sta prendendo i miei giocattoli!”, “Papà, María mi ha colpito!” In questi casi, i piccoli vogliono che tu ti schieri dalla loro parte e puniscano il loro fratellino, ovviamente.

Quando è necessario intervenire?

Quando una discussione tra fratelli si intensifica a livelli violenti e aggressivi, è imperativo intervenire per porre fine al conflitto. Inoltre, deve essere chiaro che la violenza non è un modo valido per risolvere i problemi o per difendere i propri diritti. Dobbiamo anche assicurarci che non vengano danneggiati, accidentalmente o intenzionalmente.

In questi casi, dobbiamo essere fermi e coerenti in modo che i minori capiscano che picchiare, insultare o spingere non è accettabile in famiglia.

Aspetti da tenere a mente quando ci si impegna in discussioni

Alcuni degli aspetti da tenere in considerazione quando si interviene in una discussione tra fratelli sono quelli che spieghiamo di seguito.

Stare calmi

La prima raccomandazione è cercare di mantenere la calma e parlare con un tono di voce sommesso e lento, nonostante la situazione ci faccia perdere la pazienza. Se vogliamo che i minori non ricorrano alla violenza per risolvere i problemi, dovremmo essere in grado di trasmettere l’importanza di sostenere il rispetto attraverso l’esempio, anche quando ci si sente arrabbiati e frustrati.

Adattare il messaggio

D’altra parte, ogni volta che instilliamo valori nei nostri figli attraverso il dialogo, è essenziale adattare il nostro vocabolario alla loro età, livelli cognitivi e capacità di comprensione. Altrimenti, non capiranno il nostro messaggio.

Promuovere il dialogo e il rispetto nelle discussioni tra fratelli

Successivamente, dobbiamo chiedere loro di dirci il motivo della discussione in modo da essere consapevoli di ciò che ha scatenato il conflitto in modo da poterli aiutare. Fare appello all’ascolto attivo e al rispetto reciproco sono questioni che non possiamo lasciar perdere.

Forse, durante la conversazione dovremo mettere in pausa il dialogo più volte per ricordare loro che devono rispettare le reciproche argomentazioni e non interrompere mentre l’altro sta parlando. Di conseguenza, è opportuno sottolineare che l’obiettivo non è trovare un colpevole, ma risolvere il conflitto attraverso il dialogo e la negoziazione. È importante dare spazio a ciascuno di loro affinché possa esprimere ciò che sente e pensa, senza giudicare o minimizzare le proprie emozioni.

discussioni tra fratelli
Si raccomanda che i genitori non vengano immediatamente coinvolti in discussioni tra fratelli. Tuttavia, se la situazione sfugge al controllo, sarà necessario interrompere la lotta e mediare per trovare una soluzione al conflitto.

Discussioni tra fratelli: intervenire solo quando necessario

Sebbene alcune circostanze giustifichino l’intervento di un adulto in una discussione tra fratelli, non è sempre necessario. Quando i bambini litigano tra loro, conoscono i propri limiti, imparano a difendere il proprio punto di vista ea definire la propria identità. Queste situazioni possono funzionare come scenari di apprendimento completo, anche se spesso appaiono superficiali.

Tuttavia, se la questione si intensifica e c’è anche violenza, allora sarà necessario fermare la lotta e poi mediare per trovare una soluzione consensuale tra i bambini e porre fine al conflitto.

Potrebbe interessarti ...
10 consigli per evitare litigi tra fratelli
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
10 consigli per evitare litigi tra fratelli

I litigi tra fratelli accadono frequentemente e non possono essere evitati, ma si può insegnare a risolverli rispettosamente.



  • García, J. (2005). Rivalidad entre hermanos. Aula de infantil. 2005, n. 27, septiembre-octubre ; p. 33.
  • Prieur, N., Gravillón, I. (2016). ¡Dejad de pelearos! ¿Debemos intervenir en los conflictos de los niños? De Vecchi Ediciones.
  • Puente, F. (2004). Celos y rivalidades entre hermanos. Padres y maestros. 2004, n. 36, año 4 ; p. 1-4

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.